Serie B - Ottimo esordio dell’Unibasket Amatori Pescara: palazzetto pieno e splendida vittoria

07.10.2018 22:09 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 104 volte
Serie B - Ottimo esordio dell’Unibasket Amatori Pescara: palazzetto pieno e splendida vittoria

L’Unibasket Amatori Pescara inizia la stagione con il piede sull’acceleratore e vince 96-77 contro la Pallacanestro Andrea Pasca Nardò. I padroni di casa hanno legittimato la loro superiorità conducendo sempre il match e mostrando un ottimo spirito di squadra, di fronte a una squadra che di certo lotterà per entrare nei playoff. Strepitoso esordio di Serafini, con 23 punti, 9/10 al tiro e 12 rimbalzi. Grandi notizie anche dagli spalti, con un numeroso pubblico che ha sposato in pieno il progetto Unibasket: esordio con oltre 1200 spettatori. Ora due derby fuori casa, contro Teramo e Chieti, due match che diranno parecchio sulle ambizioni degli adriatici. Vittoria dedicata a Claudio, grande amico dell'Amatori e dell'Unibasket, sempre presente al palazzetto.

Ogni esordio può raccontare una storia diversa da quella che dicono i pronostici; Pescara, invece, ha saputo giocare una partita davvero ottima, disinnescando i tiratori ospiti e bucando ripetutamente la difesa degli avversari.  Come avevamo preannunciato alla vigilia, Nardò ha infinito talento offensivo e tanti giocatori con punti nelle mani, ma ad oggi la compattezza e il gioco di squadra dell’Amatori è a un livello superiore. Complimenti allo staff tecnico pescarese, che già alla prima giornata ha fatto vedere una squadra organizzata e ben messa in campo, che ha divertito e convinto i tanti appassionati arrivati al Pala Aterno Gas&Power. Una applauso  anche a Nardò che dirà la sua in campionato e che riesce a portare un cospicuo numero di tifosi anche a cinquecento chilometri di distanza.

Al posto di Micevic, reduce dall'influenza, in quintetto c’è Serafini. Proprio lui segna i primi due punti del campionato pescarese. Si affrontano due squadre che offensivamente possono essere devastanti e nei primi minuti si gioca una pallacanestro di altissima qualità da tutte e due le parti. Cinque punti di fila di Caverni portano avanti i locali. Il top player dei salentini, Bonfiglio, è subito on fire e ne realizza 8 in una manciata di azioni (11-12).  L’Unibasket riesce ad attaccare abbastanza facilmente il ferro bucando la difesa ospite e su questo tema arriva il break (21-12) che spacca il match. La parte finale del tempino è più equilibrata ma l’Amatori ha ormai rotto gli argini e il canestro sulla sirena di Del Sole firma il 25-16.

I ragazzi del presidente Carlo Di Fabio tornano in campo concentratissimi e trascinati da un Caverni spietato aumentano ulteriormente il divario. Intanto rientra in campo Drigo, applaudito dallo sportivo pubblico di casa, che aveva lasciato il campo dopo un contatto con Micevic, comunque non ritenuto falloso dagli arbitri. Pescara segue lo stesso spartito del primo parziale e affonda il coltello nel burro della difesa ospite: dopo nemmeno quindici minuti di gioco ha già segnato 38 punti. Coach Rajola vuole comunque mettere a punto qualcosa e ferma il gioco due volte, quando vede qualcosa da correggere. L’Unibasket è ampiamente avanti e alla sirena conduce 46-31.

Nardò esce bene dagli spogliatoi e concretizza un parziale di 5-0, spezzato da un superlativo Micevic. I salentini, con un paio di tiri da tre punti (nel primo tempo avevano tirato 1/11 dall’arco) tornano sotto la doppia cifra di svantaggio (50-41), ma è solo una piccola parentesi e le triple di Potì e Caverni rimettono 15 punti tra le due squadre, mentre Drigo segna il primo canestro dal campo della sua partita. Serafini sotto canestro è una furia e cattura due rimbalzi offensivi, trasformati in canestri, che accendono ancora il pubblico. Leonzio dà spettacolo e Carpanzano domina in tutte e due le metà campo: Pescara ha subito qualche bomba di troppo ma comunque alla sirena è avanti 72-59.

L'Unibasket è sempre nettamente avanti anche nel quarto quarto: forse potrebbe controllare un pochino di più il ritmo, ma la squadra ha voglia, tanta verve e tanta gamba e allora continua ad andare a mille con un Serafini dominante (87-69 a tre minuti e mezzo dalla fine). Si continua a correre fino alla fine e D’Eustachio firma cinque spettacolari punti consecutivi. Finisce 96-77 e Pescara ha dimostrato di avere sette titolari e due under che possono tenere alla grande il campo.

Soddisfatto il presidente Carlo Di Fabio: "partita con il risultato mai in discussione già dalla metà del primo quarto. Abbiamo approcciato bene e vinto una bella partita di squadra: non tutti i singoli hanno fatto la prestazione della vita ma tutti hanno dato molto alla causa; un elogio particolare all'MVP Serafini che si è presentato in grande spolvero in questa nuova esperienza. Comunque, attenzione a Nardò: si farà valere e sarà un campo difficile da espugnare per tutti. Complimenti al pubblico che ha risposto alla grande agli appelli della società, circa 1200 spettatori all'esordio è un buonissimo risultato. Adesso abbiamo due derby in trasferta, speriamo di essere seguiti dalla nostra tifoseria".

Raggiante coach Rajola: "Tutti noi dedichiamo questa vittoria a Claudio, oggi presente sugli spalti. Sono contento per l'andamento del match e per la vittoria. Abbiamo approcciato bene alla partita, contro una squadra forte. Dobbiamo pulire un pochino il gioco e togliere qualche piccola disattenzione: dovevamo chiudere il primo tempo con qualche punto in più di vantaggio e non possiamo assolutamente subire 28 punti in un quarto se vogliamo davvero arrivare in alto. Merito degli ospiti, che hanno un ottimo roster, ma noi in casa non possiamo avere questi momenti. Per il resto, ovviamente, sono contento: non posso lamentarmi dell'attacco dopo aver segnato 96 punti e in generale abbiamo offerto un'ottima prestazione. Credo che si sia già visto che per me i 7 senior sono 7 titolari e posso fidarmi anche degli under".

 

Unibasket Amatori Pescara – Pallacanestro Andrea Pasca Nardò 96–77 ( 25-16 ;  46- 31;  72-59)

Unibasket Amatori Pescara: Carpanzano 9, D’Eustachio 5, Serafini 23, Toro ne, Potì 15, Caverni 13, Di Donato, Capitanelli 2, Leonzio 13, Del Sole 4, Facciolà ne, Micevic 12. All. Stefano Rajola

Tiri dal campo 38/68 (56%); tiri da due 29/50 (58%); tiri da tre 9/18 (50%); tiri liberi 11/14 (79%); rimbalzi 44.

Pallacanestro Andrea Pasca Nardò: Banach 4, Scardino ne, Ingrosso 12, Provenzano 2, Drigo 13, Dell’Anna D. 1, Mastrangelo 12, Razzi, Visentin 11, Bonfiglio 22, Mijatovic ne. All. Gianluca Quarta.

Tiri dal campo 25/73 (34%); tiri da due 18/45 (49%); tiri da tre 7/28 (25%); tiri liberi 20/26 (77%); rimbalzi 38.