Serie B - La Allianz Pazienza San Severo attende Senigallia per la "decima"

01.12.2018 00:00 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 187 volte
Serie B - La Allianz Pazienza San Severo attende Senigallia per la "decima"

Prima tra le prime ed unica imbattuta! Da domenica sera la formazione del Presidente Ciavarella annette l'ennesima soddisfazione nel suo palmares. Ma, come se nulla fosse, il "pompiere" Giorgio Salvemini ha ripreso un'altra settimana di allenamenti col solito piglio arcigno, sostenuto dal suo staff sempre attento e proiettato sul prossimo avversario.

In effetti scende al Palacastellana una concorrente piuttosto scomoda, quella Senigallia da sempre esponente di spicco del basket- champagne, che annovera tra le sue fila il capocannoniere del girone: Giacomo Gurini, il quale viaggia alla strabiliante media di 25 punti a partita. Ma non è l'unico fromboliere del Roster a disposizione di Coach Foglietti! Insieme al Guro ruotano tre "califfi" non da poco quali Giampieri, Pierantoni e, dulcis in fundo, Maggiotto! Tre realizzatori micidiali, innescati dalla sapiente regia  di Marco Giacomini, play che ama far giocare la squadra, ma che all’occorrenza sa fatturare canestri importanti. Sesto e settimo senior sono i quasi omonimi Federico (ala) e Matteo (play) Ricci. Discreto anche il minutaggio concesso agli gli under Crescenzi e Morgillo. I marchigiani sono sesti in classifica a quota 10 punti frutto di 5 vittorie e 3 sconfitte.

Si preannuncia quindi una partita dagli spunti interessanti con la miglior difesa del campionato (di Donato e co. viaggiano a 62 realizzazioni subite) impegnata ad imbrigliare uno tra gli attacchi più prolifici, per la gioia del pubblico del Palacastellana, notoriamente dal palato fine in quanto a conoscenza cestistica, sempre in cerca di nuovi sfide per i propri beniamini. Un'altra gara da vincere, un'altra casella delle vittorie da annerire, un altro mattoncino da inserire nella costruzione del sogno!

Palla a due alle ore 18.00 con direzione arbitrale affidata a Riccardo Falcetto di Claviere (TO) e Federico Berger di Savigliano (CN).