Serie B - Il confronto tra Crema e Olginate al PalaCremonesi

21.03.2019 13:13 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Serie B - Il confronto tra Crema e Olginate al PalaCremonesi

Oggi al PalaCremonesi si affrontano due delle formazioni più in forma del campionato.

I leoni cremaschi hanno dato una scossa alla propria stagione infilando per la prima volta due affermazioni consecutive, con la roboante affermazione sul campo di Padova seconda in classifica, dando la netta sensazione, da confermare oggi, che la musica sia cambiata.

La Gordon Olginate ha saputo invece rialzarsi dopo tre referti gialli consecutivi infilando tre vittorie di fila, con la perla del derby lecchese vinto al Bione contro la Gimar Lecco.

Olginate è formazione completa nelle rotazioni e molto forte fisicamente, caratteristiche delle quali coach Garelli dovrà necessariamente tenere conto nella preparazione tattica del match.

Molte cose sono cambiate rispetto all'incontro di andata, il primo dopo l'esonero di Lepore.

Quattro i nomi nuovi in casa cremasca, mentre tre sono stati i cambi in casa ospite.

La partenza del pivot Cusinato è stata colmata con l’ingaggio dell'ex Lecco Spera e l’arrivo dell’ala/pivot Bet, mentre il perimetro è stato rafforzato con l’arrivo della guardia/ala Gorreri. Olginate si presenta al PalaCremonesi forte di un ottimo ruolino di marcia nelle ultime tre partite, che ha visto la formazione di Meneguzzo superare una dietro l'altra Lugo, Lecco e San Vendemiano. Il quintetto impiegato dall'esperto condottiero di Olginate nelle ultime tre partite di campionato ha visto De Bettin in cabina di regia, Bartoli nello spot di guardia e Caversarzio a completare il terzetto sul perimetro. Sotto le plance ecco Bugatti e Tagliabue. Dalla panchina, con un buon minutaggio, escono i play Marinò, capitano della formazione e Marra, miglior marcatore con tredici punti di media in sette incontri disputati, le guardie/ala Gorreri e Masocco, l’ala grande Carella e i pivot Errera e Gaetano Spera.

Olginate è formazione poco prolifica, mettendo a segno 69.5 punti per partita contro i 72.2 di Crema, ma presenta comunque cinque uomini in doppia cifra di media (Marra, De Bettin, Bartoli, Tagliabue e Caversazio).

Nettamente a favore degli ospiti le statistiche difensive: a fronte dei 79.2 punti incassati da Crema Olginate paga solamente 71.8 punti ad incontro, sesta difesa del torneo. Cifre favorevoli a Crema sotto le plance, con i nostri che prendono 37.7 carambole per domenica contro le 35 di Olginate.

Forti motivazioni per entrambe le contendenti: Crema vuole a tutti i costi la salvezza e cerca di ricucire il gap con le dirette concorrenti, mentre le ultime affermazioni hanno portato la banda di Meneguzzo a soli due punti dalla zona playoff.

"A Padova la cosa che mi è piaciuta di più è stata che dopo essere passati in svantaggio la squadra non si è disunita", il commento di coach Garelli. "Abbiamo trovato buone soluzioni in attacco e secondo me vinto meritatamente."

Avete fatto 12 punti su 16 in trasferta. Contro Olginate bisognerà sfatare il "tabù" PalaCremonesi...

"In effetti è una cosa un po' strana che si sia vinto più in trasferta che in casa. Olginate è una squadra rognosa e solida, vengono da tre vittorie consecutive, è una squadra molto ben allenata perché Meneguzzo sa far giocare bene le proprie squadre, ci preparerà qualche trappola. Dovremo prepararci bene perché è una partita con tante insidie, contro una squadra che distribuisce bene su più uomini il proprio punteggio ed ha una caratteristica secondo me importante: quella di non avere sempre gli stessi protagonisti, ma di trovare giornata dopo giornata l'uomo che fa la partita"