Serie B - All Food, domenica match clou contro Golfo Piombino al Mandela Forum

Niccolai: “Uno scontro diretto che vogliamo aggredire per giocare una grande partita"
12.01.2019 20:25 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 147 volte
Serie B - All Food, domenica match clou contro Golfo Piombino al Mandela Forum

Sfida al vertice domenica al Mandela Forum, dove la All Food affronterà Piombino nella gara di cartello del girone A. Una giornata speciale, dedicata alla Fondazione Tommasino Bacciotti, a cui andrà parte dell'incasso, e con la presenza del Corteo storico della Repubblica Fiorentina che saluterà le squadre con il “comando alla voce”.
Per la Fiorentina uno scontro diretto contro un'avversaria molto competitiva.
"Sarà una sfida della massima difficoltà per noi – commenta coach Niccolai - una gara da giocare con grande aggressività e determinazione, anche perché affrontiamo la terza in classifica, che ci ha battuto all'andata, e quindi conosciamo bene il loro valore. Vogliamo prenderci la rivincita e celebrare nel migliore dei modi il ritorno al Mandel Forum, l'impianto simbolo dello sport fiorentino". "Piombino – aggiunge il coach - è una squadra di primissima fascia. Fin da questa estate la ritenevo un antagonista per l'alta classifica e così si sta confermando sul campo: un gruppo che negli ultimi due mesi ha perso solo con Omegna in trasferta e che si presenta a Firenze dopo otto vittorie nelle ultime nove partite"
La All Food invece arriva a questa sfida in emergenza. "Abbiamo subito diversi infortuni di natura traumatica, in questo senso abbiamo attraversato un periodo sfortunato - dice il
tecnico toscano- ma siamo riusciti a sopperire a qualche assenza pesante con la forza del gruppo, conquistando così le Final Eight di Coppa Italia, cosa per niente scontata e che ci da grande soddisfazione. Non siamo sanissimi e non sappiamo se tutti saranno della partita, ma vogliamo vincere e dobbiamo quindi interpretare la gara con grande combattività e generosità, partendo da una componente difensiva di spessore. Tutti quelli che scenderanno in campo dovranno dare il 110%, con orgoglio e coraggio a prescindere dal minutaggio"
Un altro tema è poi quello del campo, giocando una gara casalinga in un impianto molto diverso dal palazzetto di San Marcellino: “Il Mandela Forum rende ogni partita molto particolare – commenta Niccolai -: da una parte siamo entusiasti di giocare in un ambiente così prestigioso e importante per Firenze, dall'altra non è il nostro palazzetto, è quasi un campo neutro rispetto a San Marcellino che è il nostro fortino. Ma essere al Mandela, oltre che un onore, è per noi molto significativo sul piano promozionale. E comunque quello che non ci favorisce tecnicamente, è senz'altro bilanciato dalla grande emozione di giocare in un impianto da Eurolega".
La sfida si annuncia quindi molto equilibrata: Basket Golfo Piombino schiera un gruppo di giocatori di alto livello per la categoria. Nella prima giornata di andata sconfisse i viola per 77-71. Spiega Niccolai: “Il miglior realizzatore della squadra è Fratto, rinforzo importante arrivato quest'anno e di grande impatto per il campionato; l'asse play-pivot è composto da Persico, lungo di categoria superiore e da Procacci, regista con tanti punti nelle mani”. “La batteria di esterni - continua Niccolai - è di prim'ordine con Iardella, Mazzantini e Bianchi, tutti particolarmente pericolosi sia per l'efficace tiro da 3 punti che per lo spiccato atletismo. Si è inoltre conquistato grande spazio il play-guardia Pedroni, ormai alla terza stagione da protagonista nelle file gialloblù, un under con un tiro dalla lingua distanza davvero pericoloso. Sono inoltre da tenere in considerazione anche gli altri under, Molteni, Bazzano e Pistolesi che entrano sempre nelle rotazioni e spesso sono molto utili alla squadra”.
Per la All Food quindi è l'occasione di ribaltare il risultato di Piombino giocando davanti al proprio pubblico nel palazzetto più bello di Firenze. “All'andata – conclude Niccolai - loro erano più avanti di noi, avendo un gruppo collaudato e rinforzato da due giocatori esperti e pronti. Da quella gara ci portiamo la consapevolezza che possiamo metterli in difficoltà, come abbiamo fatto nel secondo tempo a Piombino, se giochiamo con la giusta concentrazione ed attenzione. Viceversa può diventare una partita complicata e pericolosa".