Manu Ginobili "Ho amato quello che ho fatto, e mi mancherà"

16.09.2018 00:21 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 2754 volte
Manu Ginobili "Ho amato quello che ho fatto, e mi mancherà"

A San Antonio ieri, stampa schierata nella sala degli Spurs e via streaming per ascoltare le ultimissime parole di Manu Ginobili che aveva annunciato a 41 anni il suo ritiro pochi giorni or sono. Ecco cosa ha raccontato il campione argentino sulla sua decisione, sul miglior ricordo della sua carriera agli Spurs.

Deciso. "Sono sicuro della decisione che ho preso, ma è strano, non mi sono ancora abituato. Il mio dito ha tremato molto prima di premere il pulsante di immissione (per inviare il tweet della sua pensione, ndr). Non è stata una decisione facile. È stato difficile mettere questo ultimo chiodo nella bara ma non ho potuto vedere il mio corpo passare attraverso tutte queste prove. Quando sono tornato qui e sono venuto ad allenarmi per sollevare il ghisa o andare in bicicletta, ho visto Bryn (Forbes), ho visto Dejounte (Murray) e gli altri ragazzi che si preparano per la stagione e io mi sono sentito così lontano da loro."

Cosa mancherà. "Ho amato tutto quello che ho fatto, quindi mi mancherà. Guardaroba, cameratismo, battute fra di noi, vincere o perdere insieme."

Il ricordo più bello. Alla domanda circa il suo ricordo più bello a San Antonio, Manu Ginobili rievoca il titolo del 2014, perché si sentiva "colpevole" della sconfitta del 2013 e che vittoria contro gli Heat dei "Tre Amigos" era stata come una redenzione per lui.

La partenza di Tony Parker? "Una volta che l'ho visto tra le notizie, è stato uno shock. È stata una situazione molto strana. Avevo parlato con lui quella settimana e sapevo non essere un'opzione impossibile, visto il modo in cui la squadra è stata costruita e quello che è successo l'anno scorso. Ma pensavo che in un modo o nell'altro le cose avrebbero funzionato e lui sarebbe rimasto. Ma capisco la sua decisione. Pensa ancora di poter contribuire sul campo. È andato in un posto dove è rispettato e desiderato, l'allenatore lo voleva, ha degli amici nella squadra. È comprensibile, anche se è difficile. Mi ha detto che sarebbe potuto succedere, ma una volta che l'ho visto nelle notizie, è stato lo stesso uno shock."

Senza rimpianti. "Sì, rimanendo un altro anno potrei vincere un altro titolo, con gli Spurs o con la nazionale argentina, o qualcos'altro. Ma cosa cambia? Sì, sarebbe un'altra riga sul curriculum, ma sarebbe una riga totalmente irrilevante. Tutto ciò che conta è che siamo stati campioni. Ciò che è importante sono i ricordi, l'esperienza, gli amici. Essere una brava persona, un buon padre, un buon marito, un buon cittadino."

 

.'s son, Nico, had one last pitch to keep his father from retiring…

Chicken tenders from the . 😂

— San Antonio Spurs (@spurs)