NBA - I Warriors hanno combattuto un'epidemia di "meningite" nello scorso marzo

03.12.2018 23:37 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1383 volte
NBA - I Warriors hanno combattuto un'epidemia di "meningite" nello scorso marzo

Dal 9 al 29 marzo scorso, i Warriors hanno perso sette partite su 10 in una stagione dal record 58-24. Un periodo di appannamento che aveva toccato il culmine tra l'11 e il 14 marzo. Adesso sappiamo che la "colpa" del calo di rendimento aveva una origine esterna alla squadra. Secondo quanto riferito da Sam Amick di The Athletic, Golden State ha affrontato una crisi di paura per una epidemia di meningite a livello di squadra.

"Un venditore esterno che gestiva il cibo della squadra su base giornaliera contrasse una forma contagiosa della malattia, poi sopravvisse a una sfida pericolosa per la vita prima di tornare a lavorare con la squadra", ha spiegato Amick. L'allarme tra i giocatori e il personale del team aveva fatto scattare una vaccinazione collettiva in risposta alla minaccia, mentre la palestra e la sala da pranzo sono state entrambe chiuse per essere disinfettate e risanate.

"Ovviamente all'inizio, tutti erano fuori di testa", ha detto l'ex Warriors e l'attuale centro dei Detroit Pistons Zaza Pachulia. "Ma dopo aver sentito da professionisti, i medici ci hanno parlato e il team ha fatto tutto il necessario, e le risposte sono state subito molto positive".

"Era l'intera squadra (che era stata colpita). Era pazzesco", ha detto l'ex attaccante dei Warriors David West. "Eravamo nel cuore della stagione, era qualcosa che, ancora una volta, ha mostrato la forza dell'organizzazione (che l'hanno superata per vincere il titolo)".