Torneo di Zara - E' il "vissuto" che fa la differenza tra il Fenerbahçe e un'Olimpia Milano in crescita

22.09.2018 22:22 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 2383 volte
Torneo di Zara - E' il "vissuto" che fa la differenza tra il Fenerbahçe e un'Olimpia Milano in crescita

Al Torneo di Zadar torna in campo l'Olimpia Milano. Simone Pianigiani ritrova Bertans, nel quintetto iniziale con James, Micov, Brooks e Tarczewski contro il Fenerbahce di Datome e Melli. Il Bayern Monaco, nel frattempo, ha battuto per 79-43 i Liaoning Flying Leopards. Domani alle 15.30 il Maccabi affronterà i cinesi, mentre alle 18 i tedeschi affronteranno la perdente di Olimpia e Fenerbahce.

Inizio complesso per Milano con coach Pianigiani costretto a chiamare timeout dopo poco. Al rientro è Bertans a realizzare dall'arco. La guardia lettone replica poco dopo a partire da un bello scarico di Jeff Brooks e Milano allunga il vantaggio. Si accendono anche Micov e Mike James, già a quota 8 punti e l'Olimpia chiude avanti 24-16 il primo quarto.

Nella seconda fase di gioco, Kuzminskas segna 5 punti consecutivi. Ma i turchi si rifanno sotto, chiudendo un parziale di 11-1. Non basta un fallo e canestro di Brooks a fermare il Fenerbahce che chiude sotto 42-41 il primo tempo.

Tap-in di Vesely dopo l'errore di Ennis. Milano fatica a trovare la via del canestro e la formazione di coach Obradovic ne approfitta portandosi sul +4. Mike James, dopo una bella stoppata di Tarczewski, vola a canestro per il 54-54. Il lungo di Claremont commette un fallo antisportivo che rilancia il Fenerbahce: 62-56. Ancora la risposta di Mike James non si fa attendere: 62-58 Fenerbahce alla fine del terzo quarto.

Della Valle apre gli ultimi 10 minuti con una tripla che vale il -1. Ma difensivamente il Fenerbahce si mostra più compatto e fa valere l'abitudine dei giocatori negli schemi di Obradovic. Pianigiani chiama un timeout per ricordare ai suoi che qualsiasi piccola sbavatura verrà punita dagli avversari e chiede la massima concentrazione. Arriviamo a 3 minuti dalla fine sul 73-73. Il Fener cambia marcia, accellera, e Melli fa quelle piccole cose, sui due lati del campo, compreso un arresto e tiro da favola, che aiutano Dixon e Kalinic a prendere quel piccolo margine che James e Guidaitis non possono più colmare.

Fenerbahçe Istanbul - Olimpia Milano 84-79.

Boxscore: 18 Vesely, 11 Melli e Dixon, 10 Kalinic, 9p+12as Sloukas per il Fener; 22 James, 11 Kuzminskas, 10 Nedovic, 9 Della Valle e Gudaitis, 8 Micov, 6 Bertans, 3 Brooks, 1 Tarczewski.