Lega A - Virtus Bologna l’illusione di una stagione

11.05.2018 00:01 di Davide Trebbi Twitter:   articolo letto 2415 volte
Lega A - Virtus Bologna l’illusione di una stagione

La mancata qualificazione della Virtus Bologna ai playoff fa sicuramente rumore. 

Soprattutto dopo il ricco e chiacchierato mercato estivo, unico che si ricordi nella storia della Legabasket, per una neopromossa.

L’arrivo di Segafredo Zanetti come sponsor dal gennaio 2017 come azionista maggioritario, ha ricreato entusiasmo dopo un anno di convalescenza in A2 e ha cambiato completamente pelle. 

Grazie al derby ritrovato dopo 8 anni, la vittoria della Coppa Italia di A2 e ovviamente del campionato vincendo nettamente la finale promozione contro Trieste, ha trasformato un tifo rinnovato e ringiovanito con la presenza di tante maglie nere con una V bianca ritornando nella storica amata sede del Paladozza.

La proprietà per questo ha messo da parte un budget molto importante e visto i giocatori messi sotto contratto (i nazionali Aradori, Ale Gentile) ha creato aspettativa.

Dimezzata però per non aver mai completato la squadra ma creando un ibrido composto dagli idoli della A2 e le stelle del mercato estivo e non aver avuto la voglia di rimediare nel corso della stagione creando così un gran alibi.

La Virtus infatti ha generato risultati molto altalenanti con tante sconfitte sul finale del tempo, nonostante giocatori o personaggi importanti che vi giocavano.

Tutto questo poi è calato dopo aver ottenuto una wildcard da parte della Fiba per giocare nella loro prima coppa continentale, distraendo non poco le ambizioni stagionali.

Si è parlato così nel corso degli ultimi due mesi troppo poco di campo ma più di futuro, rivedendo anche le posizioni societarie che hanno riportato la Virtus nel campionato che conta.

I tifosi così negli ultimi mesi si sono finalmente più concentrati sulle prestazioni dei singoli piuttosto che essere ammaliati dal carisma di questi personaggi, prendendo nel corso dell’ultimo mese una presa di coscienza anche sulla possibile non partecipazione nella post-season.

Mercoledì infatti, nonostante la partita, è arrivata la sentenza di tale percezione per i tifosi, in una sfida che poteva cambiare la stagione. 

L’obbiettivo di giocare in Europa è stato comunque raggiunto e quest’anno può servire per non commettere più gli stessi errori.