Champions League - Sacripanti: “A Klaipeda per ritrovare il nostro ritmo”

11.12.2018 17:30 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 127 volte
Champions League - Sacripanti: “A Klaipeda per ritrovare il nostro ritmo”

La Virtus Segafredo è già a Klaipeda, in Lituania, sulle rive del Mar Baltico, dove domani sera sfiderà alla Svyturio Arena la squadra di casa, il Neptunas, nella prima giornata di ritorno del Gruppo D di Basketball Champions League (palla a due alle 19 locali, le 18 italiane). L’andata, giocata al PalaDozza lo scorso 10 ottobre, rappresentò il ritono in Europa della V nera dopo dieci stagioni, bagnato da un successo per 83-78. Da allora, la truppa di Stefano Sacripanti ha inanellato sette successi su sette in BCL, mentre il Neptunas ha girato la boa con tre vittorie e quattro sconfitte. Il che non cambia di una virgola l’analisi del coach bianconero, che ha massimo rispetto nei confronti di un avversario che attende Virtus Segafredo tra le mura di casa.

“La Coppa ci offre l’opportunità di giocare subito, lasciando alle spalle la prestazione con Sassari in campionato, e di cercare di riprendere ritmo e confidenza con la partita. Chiaro che andiamo su un campo molto difficile, contro una squadra che all’andata siamo riusciti a battere dopo essere partiti male, con l’aiuto del nostro grande pubblico e in fondo a una gara di spessore. Speriamo di ripeterci, e cercheremo di aumentare la continuità sui 40 minuti, al di là del risultato”.

“In Champions League siamo a sette vittorie su sette, e abbiamo fatto anche qualche capolavoro. Due o tre partite di altissimo livello, altre comunque molto solide. La qualificazione non è ancora matematica, ma di solito quando una squadra supera il 50% di vittorie passa alla seconda fase, dunque proviamo subito a trovare il passo giusto in Lituania. Più che la confidenza con la vittoria, ci serve una mentalità più dura, più forte, perché nelle ultime due partite abbiamo perso pur stando avanti nei primi due quarti dopo un buon approccio e dopo aver giocato nella prima parte di gara un buon basket”.

“Alle prime difficoltà con Sassari ci siamo un po’ sciolti. Dispiace, perché il cammino fatto finora non ci preannunciava questo. Sarà stata la pausa, o l’assenza di Martin, o l’inesperienza, ma è una cosa che dobbiamo capitalizzare giocando molto meglio, al di là del risultato finale. A Klaipeda abbiamo l’occasione di rimetterci in marcia”.