Maxibasket - Azzurri Over 65 e 70 inossidabili come l’acciaio

30.05.2018 00:00 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1128 volte
Maxibasket - Azzurri Over 65 e 70  inossidabili come l’acciaio

(di Mario Natucci). A tre settimane dall’inizio degli Europei di maxibasket a Maribor, le formazioni azzurre sono pronte per dare il meglio di sé. Molti dei giocatori, soprattutto i più giovani (dai 40 ai 50 anni) si sono preparati disputando campionati minori. I più anziani, quelli delle categorie Over 65 e 70, non sono stati da meno, anche se non hanno trovato campionati con squadre della loro età. Ma non hanno fatto una piega: si sono sobbarcati ben 16 allenamenti nel PalaFerroli, il bel palazzetto di San Bonifacio, nei pressi di Verona, hanno partecipato a quattro raduni in giro per l’Italia, e ora eccoli belli tirati e lucidi.

L’ultimo raduno l’hanno fatto a Montecatini, dove un anno fa, ai mondiali,  hanno assaggiato una competizione internazionale di maxibasket. Avremmo dovuto scrivere “hanno esordito”: ma come si fa a dare  degli esordienti a giocatori di 70 anni o giù di lì? Esordienti o veterani – fate voi – sono pieni di entusiasmo, come fossero azzurrini delle giovanili. Sono passati decenni da quando giocavano in campionati importanti, ma la loro passione non è cambiata, anzi. E la passione è la molla che li spinge a dare ancora il meglio di sé, a buttarsi sul parquet per un pallone.

Sappiamo tutti che gli Over - nelle varie categorie – sono gli unici azzurri capaci di vincere medaglie e titoli in campionati internazionali. Avessero anche i giovani, anche gli azzurri  in servizio effettivo, la metà della passione di questi ‘veci’, il nostro basket non sarebbe in crisi. Hanno fra i 65 e gli 81 anni, ma sono inossidabili, resistenti al passare del tempo. Fra l’altro, neanche a farlo apposta, il loro sponsor principale è una importante acciaieria, e mai sponsorizzazione è stata tanto azzeccata. E così L’Acciaieria Valbruna – questo è lo sponsor – abituata a esportare  acciai italiani apprezzati in campo internazionale, a fine giugno esporterà giocatori italiani altrettanto resistenti, duri e inossidabili. E naturalmente tutti speriamo che anche questi atleti d’epoca siano apprezzati in campo internazionale. Del resto, le possibilità ci sono tutte.

Fra breve il fervore degli inossidabili aumenterà, quando ciascuno riceverà la divisa azzurra con cui disputeranno le gare degli Europei. Sulla maglia spiccherà la scritta delle acciaierie Valbruna: un nome, una garanzia, come si suol dire. La consegna delle maglie avverrà il 9 giugno quando gli ‘azzurroni’ parteciperanno al raduno di Milano, al PalaIseo. Sarà un’occasione importante per mettere a punto gli ultimi dettagli della preparazione, un lavoro di rifinitura per i coach Franco Giuliani e Tullio Chiocciola. Ed ecco i roster delle due formazioni più anziane.

Italia Over 65 – Tommy Tomasella, Lele Schiavon, Lele Camorani, Roberto Quercia, Carlo Gallana, Lucio Tirapelle, Silvano Polo, Mario Cadamuro, Roberto Pecorelli, Ciucci Devetag, Umberto Dolce. Coach Tullio Chiocciola.

Italia Over 70 – Claudio Cavallini, Nino Comelli, Augusto D’Amico, Dino Rama, Peppe Vento, Pino Maresca, Claudio Turra, Pino Zanardi, Giorgio Cedolini, Giorgio M. Bortolozzi, Franz Arrigoni. Coach Franco Giuliani.

Non sono soltanto i giocatori a tenere alto il buon nome dell’Italia nel basket. Di recente Marcello Reatto, che non è capace di stare una domenica senza il fischietto in bocca, è stato invitato dai vertici FIMBA a tenere un clinic a Maribor di fronte ai molti arbitri proveniente da ogni paese d’Europa. La sua lunga esperienza internazionale lo ha aiutato a farsi notare dai responsabili degli arbitri FIMBA e a eccellere in un campo non facile. Anche lui – pur senza sponsor - è un inossidabile a tutto tondo.

Il Pool Stampa e Foto, infine, messo in piedi dall’infaticabile Savino Paolella e forte di tre giornalisti e tre fotografi, si metterà al servizio di tutte le formazioni azzurre presenti a Maribor  per fornire informazioni a 360 gradi sulle partite, sul cammino delle varie squadre, sui personaggi che partecipano in un campionato europeo, in cui per la prima volta sono presenti 12 formazioni italiane, numero record. Ci saranno articoli, foto, commenti, interviste, brevi video sui vari mezzi di comunicazione, a cominciare dai frequentatissimi social media. 
Anche questa è passione per il basket.

mario natucci