IL PAGELLONE del derby: Willy Wonka Avramovic, Pelle l'astronauta, Eyenga aeroplanino di carta

17.10.2016 14:45 di Alessandro Palermo  articolo letto 1195 volte
IL PAGELLONE del derby: Willy Wonka Avramovic, Pelle l'astronauta, Eyenga aeroplanino di carta

L'Olimpia Milano batte 79 a 71 la Pallacanestro Varese, di seguito le pagelle del match:

​(clicca QUI per leggere anche le pagelle di Milano)

ANOSIKE, voto 5.5
Nei primi 5' perde due palloni banalmente, saponette al posto delle mani. Poi, al termine, è tra i migliori dei Moretti Boys. Soffre terribilmente McLean poichè l'ex Alba Berlino è molto più agile di lui ma riesce comunque a batterlo a rimbalzo. Segna solo 5 punti in 25' sul legno di Assago ma cattura 12 rimbalzi (4 offensivi) con la sua solita grinta, ecco spiegato il "+" in pagella. Pesano però le 4 palle perse, tutte ingenue e che spianano la strada alla corazzata milanese. DATEGLI DEI GUANTI.

MAYNOR, voto 4
Non ci siamo. Nello scorso turno, contro Caserta, aveva litigato con il tiro (2/11) contro Milano idem (1/6). Settimana scorsa lo avevamo graziato, giustamente - visto anche i suoi 8 assist al "Lino Oldrini" - ma contro Milano non lo scusiamo. Sicuramente fisicamente non al top ma la sensazione è che non lo sia neppure psicologicamente. 6 assist non sono pochi ma non bastano per dimenticare il resto, le sue 5 palle perse sono pesanti come macigni. 23' in campo, poi spodestato da Avramovic. Moretti avrebbe potuto anche lasciarlo meno sul parquet. IRRICONOSCIBILE.

AVRAMOVIC, voto 7/8
Entra al posto di Maynor e fa subito vedere qualcosa di buono, nel secondo quarto conferma quella che inizialmente sembrava solo un'impressione: molto meglio lui dell'ex Thunder, il quale sembra essere in crisi nera. Ispiratissimo nella seconda frazione, se Varese si porta sul -6 (28-22) a metà periodo è soltanto merito suo. Chiude il primo tempo a quota 11 punti in appena 8 minuti sul parquet, indemoniato nelle triple (3/3). Varese nel secondo quarto è solo Avramovic. Una rubata splendida sull'assist di Hickman ma nella metà campo offensiva subisce una stoppatona da McLean che riesce nella difficile impresa di dare più spettacolo di Pelle. Chiude con 19 punti e 4 assist a referto in 23' d'impiego, 9 in /minus (nessuno come lui tra gli ospiti). Tira con coraggio (7/14), la sua spavalderia è adorabile e sembra ciò di cui Varese -in questo momento - ha realmente bisogno. Se continua così (e se Maynor fa lo stesso) potrebbe anche rubare il posto da titolare al leader americano, cosa molto difficile ma non impossibile. WILLY WONKA.

PELLE, voto 7.5
Nel primo quarto è un fattore sotto canestro, una stoppata al minuto (4 in 4 minuti e 15''). Si mangia Raduljica con una facilità irrisoria, poi coach Moretti preferisce metterlo in campo contro McLean e la magia svanisce in fretta. Da spettacolo anche lontano dal "Lino Oldrini", dopo le cinque stoppate contro Caserta nella scorsa giornata, ne rifila 7 al cospetto dei campioni d'Italia. Qualcuno accusa che attorno a lui ci sia troppo clamore e che il ragazzone nato nella culla caraibica sia soltanto un giocatore in grado di saltare molto bene. Sarà anche soltanto stoppate e rimbalzi ma, intanto, un'atleta del genere farebbe gola a qualsiasi squadra. In poco meno di 20' segna 9 punti, cattura 5 rimbalzi e mette a referto 7 stoppate clamorose. Per il nativo dell'Antigua e Barbuda 20 di valutazione, la più alta tra i suoi. Quando salta da l'impressione di poter toccare, se ce ne fosse bisogno, anche la luna. ASTRONAUTA.

CAVALIERO, voto 7.5
Con lui in campo, Varese vola. Prova a dare la scossa ai suoi con il tiro da fuori (3/5) ma non basta a svegliare dal letargo il trio Maynor-Johnson-Eyenga. 11 punti sul tabellino, 4 falli subiti, 2 palloni recuperati e 2 assist, per un totale di 16 alla voce "valutazione". Cuore di capitano. CALDO COME UNA STUFA.

CAMPANI, voto 7.5
Dopo Pelle è l'uomo di Moretti con la valutazione più alta (18). In campo è silenzioso ma pungente, per l'Olimpia un vero problema. Solo che Milano è Milano e la "falla Campani" non crea grattacapi ai fini del risultato. 14 punti, 4/7 da due e 6/6 ai liberi. Per lo spilungone nato sugli appennini anche 3 rimbalzi, 1 assist e 5 falli subiti. GANZO.

KANGUR, voto 4.5
Di lui, contro Milano, non si ricorda nulla, a parte due triple prese e sbagliate non di poco. Lontano parente del giocatore meraviglioso al quale eravamo tutti abituati. Meglio far partire Campani in quintetto, con l'ex Olimpia dalla panchina. Da prendere e spedire in Estonia, farselo sciacquare nelle acque del Mar Baltico e farsi rimandare il pacco a Masnago. Varese ha bisogno di "ice-ice" Kangur. TIEPIDO.

EYENGA, voto 4
Prestazione irriconoscibile per "Air Congo" Eyenga. Di lui ci si ricorda soltanto per il canestrone del 27 a 34 a metà secondo quarto. Poi andiamo a prendere le statistiche e notiamo come quello, di fatto, era il suo unico canestro di giornata. Come Maynor male al tiro (1/6) e -4 di valutazione. AEROPLANINO DI CARTA.

JOHNSON, voto 4
Sei punti in 20' ma di lui non resta neanche il ricordo. O meglio, quello c'è ma ce lo dimentichiamo volontariamente. 2/8 da tre, 3 palle perse e -4 di valutazione. Il suo /minus parla chiaro, -18, il più negativo. INGUARDABILE.

COACH MORETTI, voto 5.5
Se contro Milano - che già in partenza è durissima - i tuoi giocatori migliori non girano, allora sei spacciato e non puoi farci nulla. Maynor, Kangur, Eyenga e Johnson, 4/5 dello starting five ha fatto una figuraccia al Forum. Che colpa ne ha Moretti? Nessuna. Però qualcosa dobbiamo recriminargli. Ad esempio perchè non lasciare Maynor in panchina e lasciare Avramovic in campo 30 minuti? Sarebbe stata una scelta coraggiosa ma contro l'Olimpia o la va o la spacca. Poi, ci chiediamo perchè il buon Moretti, visto l'impatto clamoroso contro Raduljica, non abbia lasciato in campo Pelle per più minuti. In sala stampa sostiene che il caraibico sia un giocatore difficile da gestire, ci crediamo. Ma la domanda finale è una sola, anzi due: quanto durerà Anosike nel quintetto titolare? Pelle scalpita e meriterebbe il posto. Secondo: visto un Maynor in queste condizioni fisiche e mentali, Avramovic non potrebbe partire in quintetto? Magari darebbe all'ex NBA lo stimolo giusto per riprendersi da questa crisi profonda. COMPITI A CASA.


Pagelle a cura di Alessandro Palermo, inviato dal Forum.
RIPRODUZIONE RISERVATA*