Lo Streetball delle ragazze. Martina Crippa: lo scudetto, la Nazionale e poi il 3 contro 3 a Riccione

29.07.2017 19:29 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 150 volte
Lo Streetball delle ragazze. Martina Crippa: lo scudetto, la Nazionale e poi il 3 contro 3 a Riccione

E' stata la lunga giornata delle Qualificazioni. Le 88 squadre finaliste dello Streetball Italian Tour 2017 hanno giocato sotto il caldo sole di Riccione, a Piazzale Roma, a cento metri dal mare, il popolo degli Ballers, così si chiamano i giocatori dello Streetball, hanno invaso i tre campi appositamente allestiti.

Tra i Ballers ci sono 96 ragazze per 24 squadre. Tra queste anche Martina che ha vinto lo scudetto 2017, quello 5 contro 5, con Le Mura Lucca e giocato con la Nazionale a Praga lo scorso giugno nel Campionato Europeo.

Senza clamori, come è nel suo carattere, Martina Crippa, 80 presenze in Nazionale e 288 punti, gioca lo Streetball con il Dat Perugia (“mi hanno chiesto se venivo a dare una mano”) e a prescindere da come andrà a finire con un movimento spalle a canestro da ala-forte, lei che è una guardia, ha deciso la gara contro Varese e nel frattempo Perugia si è qualificata per i Quarti.

Martina non è l'unica giocatrice del giro azzurro qui a Riccione. Con lei in squadra Chiara Consolini, con cui gioca in Nazionale. Allo Streetball ci sono anche Federica Tognalini (compagna di squadra di Martina a Lucca) e Marcella Filippi. Tognalini e Filippi fanno parte della Nazionale 3X3 quindi all'Europeo 2017 e al Mondiale 2017.

“Il 3 contro 3 è una disciplina divertente, ma fisicamente impegnativa, molto dura, dove ti metti sempre alla prova -racconta Martina- E' da provare. E' il basket, ma da una prospettiva diversa”.

Martina Crippa ha giocato da protagonista il recente Europeo in Rep. Ceca, quello dell'incomprensibile fallo antisportivo fischiato a Cecilia Zandalasini contro la Lettonia che ha in pratica eliminato l'Italia dalla partecipazione al Mondiale del prossimo anno: “La delusione è stata veramente tanta, ma siamo anche consce di aver dato il massimo -conclude Martina- ora c'è solo da ripartire con lo stesso spirito con cui abbiamo giocato l'Europeo”