Virtus Roma, il pagellone: disastro Maresca, Brown luci ed ombre, Corbani a testa alta

21.11.2016 17:36 di Alessandro Palermo  articolo letto 838 volte
Virtus Roma, il pagellone: disastro Maresca, Brown luci ed ombre, Corbani a testa alta

La Virtus Roma arriva sfacciata e concreta a Castellanza ed al "PalaBorsani" gioca una signora partita. Aggressiva, lucida e brava ad impostare il gioco ma contro Legnano non basta. I Knights di coach Mattia Ferrari, da favola del campionato (e non solo, aggiungiamo d'Italia) sono diventati realtà. Una corazzata capace di vincere 7 partite consecutive, sette vittorie su 8 giornate, un bilancio impensabile ad inizio stagione. Di seguito le pagelle della Virtus:

(Per leggere le pagelle di Legnano, invece, clicca QUI)

BROWN, voto 5/6
Luci ed ombre. Luci: 11 punti (4/7 da due e 3/4 ai liberi), 5 rimbalzi, 2 palle recuperate, 1 assist e 16 di valutazione. Ombre: "doppiato" a rimbalzo da Mosley, con il quale perde il duello (5 rimbalzi contro i 10 del legnanese). Prova a pungere la difesa locale, gli riesce soltanto a sprazzi. Il soffrire terribilmente Mosley lo porta a chiudere con un eloquente -7 di /minus, il dato più negativo dopo quello di Vedovato. AD INTERMITTENZA.

RAFFA, voto 8 -

Si scatena soprattutto nel secondo tempo, quando la partita incomincia a salire di temperatura e la palla scotta per tutti ma non per lui. Chiude con 24 punti (9/15 da due), 11 falli subiti, 9 rimbalzi, 3 assist, 2 recuperate e 32 di valutazione. Da oltre l'arco non va (0/2) ma chiude comunque con un discreto 9/17 dal campo. Non benissimo ai liberi (6/10) e - anche per questo - Roma non riesce a tornare a casa con la vittoria in tasca (ecco spiegato il meno in pagella). INDEMONIATO.

BENETTI, voto 5

Una gran tripla in avvio di secondo periodo sembra poterlo mettere in partita e così é. Ma solo per pochi attimi, una scintilla sola non gli è bastata. NON BASTA.

MARESCA, voto 4 -

Spiace doverlo dire, per l'impegno sempre mostrato e per il giocatore che è, ma contro Legnano è nettamente il peggiore. Anzi, è quasi come se fosse il sesto uomo in campo per la Europromotion. Una delle sue partite peggiori di sempre in quasi 20 anni di carriera, probabilmente anche lui stesso concorderà su questo. Errori banali da giocatore inesperto, come le due infrazioni di passi in pochi minuti che poteva risparmiarsi o il fallo tecnico per proteste. Sei punti ma al tiro è un disastro: 2/8 da due, 0/3 da oltre l'arco, per un totale di 2/11 dal campo. E non è finita qua, 4 palle perse e -6 di valutazione dicono tutto il resto. HORROR MOVIE.

CHESSA, voto 6.5

L'uomo mascherato torna dopo il forfait per la frattura subita al naso. Ottimo primo tempo da 12 punti, che resteranno però tali anche al 40esimo. Si scatena, a cavallo tra la fine del primo tempo e l'inizio del secondo. Una spina nel fianco per Legnano, capace però di togliersela nei secondi 20'. Spara quattro bombe ma su ben dieci tentativi, male al tiro dove chiude con un pessimo 4/12. Condizionato mentalmente anche per i falli (4), che portano coach Fabio Corbani a relegare l'ex Sassari in panchina. CROCE E DELIZIA, PIU' DELIZIA CHE CROCE.

SANDRI, voto 6

Nel primo tempo non sbaglia praticamente nulla, tutte ottime scelte di gioco e tiri ben presi. Poi, dopo l'intervallo, cala col passere dei minuti. Nonostante questo, però, è sicuramente il giallorosso ad impegnarsi maggiormente, gioca con il coltello tra i denti ma non basta. Ha nelle mani, con tanto spazio a disposizione, la possibile tripla della vittoria (che Roma "ai punti" avrebbe meritato) ma il suo tiro si spegne sul ferro. Poteva essere l'eroe di Legnano, poteva. Compleanno amaro (sabato 19, auguri). PROMOSSO, COL DEBITO.

LANDI, voto 5.5

Fa a spallate nel pitturato ma poco altro. Segna otto punti ma con un deprimente 2/10, intestardendosi con il tiro da tre (2/7). Recupera un po' grazie ai rimbalzi (8) ma ha dalla sua un altro dato negativo, quello delle palle perse (3). INCERTEZZA.

VEDOVATO, voto 4.5

Parte in quintetto ma non incide, per questo Corbani gli fa vedere poco il campo nel resto del match. Il -8 di /minus dice tutto. ALLA PROSSIMA.

COACH CORBANI, voto 6

Che dire a Corbani? L'aveva preparata molto bene, per poco non sbanca il "PalaEuroimmobiliare" ma il sogno viene infranto dalla tripla sbagliata di Sandri. Ad un tiro dal colpaccio. Gli sono mancati Maresca e Brown. In ogni caso se l'è giocata con i primi in classifica, anche senza Baldasso (fermo per un problema al collo). A TESTA ALTA.


Pagelle a cura di Alessandro Palermo