Serie C - Playoff: Maddaloni è carica per sfidare Angri

27.04.2018 23:39 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 118 volte
Serie C - Playoff: Maddaloni è carica per sfidare Angri

La Pallacanestro San Michele Maddaloni dopo aver lottato per esserci, è pronta a scendere in campo per gara 1 dei playoff. Un obiettivo voluto, sudato, raggiunto, e adesso tutto e apparecchiato per il match del PalaGalvani in cui vedrà i biancazzurri sfidare Angri domani sera alle ore 20:45. In stagione le due squadre hanno vinto una partita a testa, facendo sempre valere il fattore campo. L'ultima gara risale a quindici giorni fa, e in quella occasione Maddaloni alzò bandiera bianca sul parquet angrese con una prestazione troppo nervosa e imprecisa per poter impensierire i rivali. Ma questi sono i playoff, ogni squadra parte da zero e tutto è di nuovo in palio. Affrontare Angri per la società di patron Andrea De Filippo significa anche incrociare le lame con diversi ex, da coach Massimo Massaro al quale sono legate tre indimenticabili stagioni di serie B, a Giuseppe Luongo che in biancazzurro ha raccolto la storica promozione in B e la cocente retrocessione in C Silver, a Ernesto Carrichiello che è stato l'ultimo capitano della scorsa sfortunata stagione. Adesso però mettiamo da parte l'amarcord e tuffiamoci in questi playoff per scrivere nuove importanti pagine di pallacanestro per la città di Maddaloni.

 

Alla vigilia di gara 1 contro Angri abbiamo sentito l'esterno Carmine Moccia, tra i principali protagonisti della vittoria contro la Partenope Napoli che ha permesso l'accesso alla post season. «L'esserci qualificati ai playoff è un risultato che ci siamo meritati - ha esordito il giocatore biancazzurro - per la stagione che abbiamo disputato. Abbiamo dovuto affrontare diverse difficoltà e problemi, e questo traguardo è il giusto riconoscimento ai tanti sacrifici che abbiamo fatto. Sappiamo benissimo che Angri è un avversario duro, che può contare su tanti giocatori esperti e talentuosi. I playoff però sono un campionato a parte, si azzera tutto e si ricomincia dall'inizio. Per questo posso assicurare - ha concluso Carmine Moccia - che non ripeteremo la prestazione opaca di quindici giorni fa, ma ci daremo da fare per lottare e vincere».