Serie C - Mortara guarda al mercato stranieri, due nomi nel mirino

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 303 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Serie C - Mortara guarda al mercato stranieri, due nomi nel mirino

Si intensificano le trattative portate avanti da coach Alfonso Zanellati e dalla dirigenza della Expo Inox Mortara per completare la rosa che, dal 24 settembre, sarà impegnata nel campionato di serie C Gold Lombardia di basket. «Speravo di partire al raduno del 21 agosto (palaGuglieri, ore 19, ndr) con la squadra al completo», auspica Alfonso Zanellati. «Magari ce la faremo, molto più probabilmente ci mancherà ancora un tassello, ma è normale in questo mercato sempre più difficile». Gli obiettivi sono sempre gli stessi, ovvero un centro forte e prolifico, un esterno duttile e in grado di ricoprire più ruoli. «Seguiamo sia piste italiane, sia trattative con giocatori stranieri e con uno potremmo anche non essere lontani, ma preferisco non espormi visto che, quando si parla di stranieri, finché non si ha in mano e di ritorno il contratto firmato, basta un’offerta in extremis di un’altra squadra e tutto salta», spiega Zanellati. Quando si parla di stranieri in C Gold, automaticamente rimbalza il ricordo del pasticcio che ha condizionato da febbraio in poi l’esito del campionato con tanti extracomunitari pescati in posizione irregolare, complice anche una fraintendibile parte del regolamento, e costretti a terminare anzi tempo la loro stagione italiana. Per Mortara è stato il caso di Aleksandar Jovic, una perdita fondamentale dal momento che fino a quel momento, il centro montenegrino si era dimostrato nettamente il più forte del campionato nel ruolo. Quest’anno non ci sarà spazio ai dubbi, per tesserare gli extracomunitari occorrerà, come avrebbe dovuto essere sempre, un permesso di soggiorno legato a lavoro o studio stabile. Il permesso per turismo non sarà valido e, per questo motivo, molti club stanno cercando stranieri comunitari. Anche Mortara sta sondando un paio di comunitari e l’esterno pare il più vicino: «Abbiamo visto vari profili, molti erano specialisti, ma noi cerchiamo un esterno multidimensionale», chiude Zanellati.

Fabio Babetto