Serie C - Mortara da rivedere, Dronjak deludente

28.09.2017 09:45 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 270 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Serie C - Mortara da rivedere, Dronjak deludente

Contava il risultato e risultato positivo è stato per la Expo Inox Mortara subito vittoriosa all’esordio e per di più in trasferta alla prima giornata della nuova stagione in serie C Gold. Ma a Cerro Maggiore i gialloblu lomellini hanno rischiato la frittata facendosi rimontare nel finale un vantaggio di 18 punti accumulato all’ultima pausa. «Ci siamo complicati la vita da soli», dice coach Alfonso Zanellati in esame a freddo dalla gara di domenica. «La partita si era incanalata nel modo giusto, poi abbiamo pensato di aver già vinto ed abbiamo, al tempo stesso, avuto paura di vincere, soprattutto quando abbiamo perso per falli Cattaneo che, per noi, è il riferimento sicuro in attacco. Faremo tesoro di questa esperienza perché già la prossima partita, in casa con Gallarate, sarà un’altra sfida diretta con un’altra squadra neopromossa, stavolta più giovane e veloce. E in casa non dobbiamo fare regali».

La vittoria colta domenica a Cerro ha lasciato indicazioni contrastanti con i lomellini per lunghi tratti davvero micidiali nei raddoppi difensivi e nella chiusura di spazi agli avversari, ma, al tempo stesso, poco lucidi dall’altra parte del campo. In particolare, ha lasciato a desiderare la prima uscita ufficiale di Leon Dronjak, l’esterno sloveno arrivato in estate a Mortara che a Cerro ha segnato solo cinque punti con 1/7 dal campo in oltre 33 minuti giocati ed è uscito per falli nel torrido finale di gara: «Leon ha sicuramente sbagliato partita, ma dalla sua c’è anche il fatto che veniva da una settimana di lavoro parziale a causa di acciacco che gli aveva impedito di partecipare all’ultima amichevole di rifinitura», prosegue Alfonso Zanellati che si attende pronto riscatto già sabato dallo sloveno, a cominciare dai minuti in cui sarà utilizzato in regia dove, a Cerro, non ha brillato. «Mettiamo in conto il fattore esordio, la prima di campionato, l’andamento di una partita che sembrava chiusa a fine terzo quarto e che ci siamo ritrovati a dover rivincere negli ultimi minuti e può starci qualche difficoltà. Mi tengo il buono, ovvero prima di tutto il risultato importante, perché vincere alla prima di campionato è sempre fondamentale, farlo lontano da casa ancor di più. E poi sono contento della reazione con cui i ragazzi, nel finale, hanno saputo non perdere la calma dopo la rimonta degli avversari». C’è altro di buono nella prima della Expo Inox, ovvero le prestazioni dei suoi lunghi, da Ferretti ad un decisivo Sprude fino all’ottimo Rinaldi protagonista del match.

Fabio Babetto