Serie C - L’Aux Cus ‘lascia’ due punti a Borgomanero

26.03.2017 10:59 di Laura Pecoraro  articolo letto 86 volte
Fonte: custorino.it
Serie C - L’Aux Cus ‘lascia’ due punti a Borgomanero

Dire che alla Cadorna di Borgomanero si sia giocata una bella partita è un po’ come raccontare quelle bugie che una volta rischiavi come penitenza di recitare almeno dieci ‘Ave Maria’ per farti assolvere. 
Quella tra College e Auxilium CUS è la classica gara che chi vince non sa bene che santo ringraziare, ma prende e porta a casa, e chi perde invece rimane con il cerino in mano, a bocca aperta e con la mano destra fa il pugno e si batte a ripetizione il petto recitandosi da solo il mea culpa.
Non si può però non evidenziare che, pur non incidendo con una decisione in particolare sull’esito della gara, la direzione arbitrale non è stata delle più …appropriate: tanti, troppi i contatti non sanzionati, alcuni davvero incredibili a non vedersi, molti non fischiati a favore degli ospiti. Tante, troppe le proteste, alcune plateali, dei padroni di casa, senza alcuna ammonizione o sanzione.
Poi che nel finale di gara i gialloblu si siano suicidati con una persa che grida vendetta, è ancora un altro aspetto – non secondario - della vicenda.
Quando gli episodi hanno contato, a metà dell’ultimo quarto e nel minuto e mezzo conclusivo, i Collegiali hanno giocato con maggiore lucidità e cinismo. E proprio grazie a questo hanno fatto loro la partita.
Torino prova ad alzare il ritmo fin dai primi possessi, recupera palloni sui palloni ma non concretizza, sparando a vuoto da fuori per tutto il quarto iniziale: meglio i gialloblu dentro il colorato avversario, dove Marengo svetta. Il College si mette davanti con un paio di triple di Vitale: 7-2 al 4’ e poi 12-5 al 6’.
Il Borgomanero sbaglia parecchio da sotto, l’Aux CUS inizia a subire la fisicità avversaria e la contemporanea mancanza assoluta di tutela e sparacchia da lontano trovando soltanto il ferro. Per un paio di minuti il risultato rimane inchiodato sul 12-8. Lo sblocca Russano, che beffa Giadini e deposita il 12-10 con cui si va alla prima sosta.
Nell’azione inaugurale del seconda Conti ne segna 3 dall’angolo e porta per la prima volta in testa i gialloblu di Arioli: 12-13.
Un paio di giocate di Pozzi e Pedrazzani rimettono davanti il College, con Crespi autore del pregevole canestro ad una mano che vale il 17-16 del 14’.
I contatti si sprecano, Torino ha motivo di alzare la mano su un paio di mancati interventi che lasciano davvero allibiti, ma deve pure cospargersi il capo per non essere in grado di concretizzare in attacco la gran mole di occasioni offerte da una difesa ben registrata e che concede pochissimo all’avversario a rimbalzo (alla fine ben 30 dietro e in totale 11 di più del College). Il 4 su 27 da tre complessivo non è un riscontro qualunque nell’interpretazione del match e matura in gran parte nel primo tempo.
Chiotti è comunque bravo a farsi spazio in area avversaria, a segnare e subire fallo: il gioco da tre punti vale il 19-21 del 16’. Ferrari la infila da 9 metri alla sua maniera, Torino prova ad aumentare le cadenze e su un rapido ribaltamento colpisce ancora con Chiotti: 24-27 al 18’.
Poco dopo l’esterno gialloblu è placcato sul perimetro in maniera vistosissima, ma nessuno dice nulla.
C’ ancora tempo per una stoppata di Marengo su Ferrrari e sul ribaltamento per i liberi di Di Matteo che portano al 25-29 del 29’.
La pausa frutta ben poco consiglio: rimbalzo offensivo di Marengo che offre a Campanelli, assist per Chiotti, in gol da sotto. La maglia della guardia si allunga in maniera impossibile da non vedere e non certo per desiderio del giocatore torinese. Ancora niente. Torino sale comunque sul 29-34.
Sul fronte opposto il College si tiene dentro dalla lunetta: tutti a gioco fermo i punti del pareggio a quota 34.
Dopo un antisportivo (generoso) di Giadini su Campanelli, ecco uno degli episodi più discutibili dell’incontro: il cussino Bianchelli recupera e si alza da sotto, la mannaiata del difensore sul braccio è lampante. Ancora niente.
Nei frangenti in cui si gioca a basket la morale è sempre quella: Torino, con Russano in versione rimbalzista d’attacco (2 nella stesa azione) segna mai o quasi mai, il College invece è più efficace: Gnecchi e Ferrari da 3 portano al 45-41 della mezzora.
Chiotti colpisce in diagonale in apertura di ultima frazione: i 3 riportano le distanze ad un solo punto: 45-44.
Per ben 5 volte la difesa gialloblu recupera palla e per ben 5 volte l’attacco vanifica. Quasi una ‘legge’ il canestro da sotto di Vitale, dimenticato oltre l’ultimo difensore.
Nel minuto successivo l’Auxilium CUS si costruisce la più grande opportunità di tutta la serata per fare suo l’incontro: Chiotti da dietro ruba palla a Giadini e a metà campo, lanciatissimo in contropiede, è spinto oltre la linea laterale da Ferrari: antisportivo netto, 2 su 2, poi sull’extra-possesso Conti la mette dall’arco. Ancora un recupero gialloblu, passaggio tutto campo per Di Matteo che da solo segna il 47-51.
L’inerzia sembra tutta dalla parte dei torinesi, ma prima due liberi di Ferrari, quindi una persa da Russano con contropiede di Vitale riequelibrano la situazione. 53-53.
Il punto a punto procede fino agli ultimi 40 secondi. Sul 58-56, il College ha la palla per chiudere, ma Giadini rimette dal fondo direttamente in fallo laterale.
L’Aux CUs gioca la sfera per 15 secondi, poi la perde malamente: incomprensione tra Russano e un compagno, e il passaggio del play gialloblu finisce in out.
L’ultima spiaggia cussina è il fallo immediato per mandare il College in lunetta e fermare il cronometro: arriva su Giadini, 2 su 2: 60-56.
Ripartenza istantanea di Torino che segna da sotto con Russano in entrata: 60-58. quindi altro fallo immediato su Giadini, dentro il primo libero, fuori il secondo, rimbalzo di Campanelli che ha giusto il tempo di arrivare a metà e provare una ‘preghiera’ che arriva a malapena a lambire l’area agognina.

COLLEGE BASKETBALL - AUXILIUM CUS TORINO 61-58
Parziali: 12-10, 27-30, 45-41
BORGOMANERO: Giadini 6, Pedrazzani 7, Caligaris, Ferrari 20, Pozzi 4, Gnecchi 5, Carnaghi, Buldo 2, Pioppi, Vitale 15, Ouro Bagna 2, Petrov n.e. All. Di Cerbo.
TORINO: Marengo 7, Chiotti 14, Russano 9, Bottiglieri, Ripepi 1, Di Matteo 11, Campanelli 3, Conti 10, Stola, Bianchelli, Crespi 3, Nicoletti n.e. All. Arioli.