Serie C - Gara 4 Promozione: Omnia Pavia con le spalle al muro, Cristelli:"Vincere a tutti i costi"

31.05.2017 10:10 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 194 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Serie C - Gara 4 Promozione: Omnia Pavia con le spalle al muro, Cristelli:"Vincere a tutti i costi"

 Altro che delusi. Arrabbiati. Davide Cristelli ha il volto scuro di chi sa di aver perso una occasione ma anche di avere ancora una chance e di volerla sfruttare sino in fondo. La Winterass giocherà questa sera alle 20.30 al Palaravizza gara-4 di finale play off per la promozione in serie B e ha tutta l’intenzione di andare a Bernareggio sabato a giocarsi la finalissima, altrimenti con la serie che è sul 2-1 per i brianzoli i giochi si chiudono qua. «Non si va in vacanza di mercoledì – afferma deciso l’esperto lungo pavese – ci penseremo domenica, ora dobbiamo giocare quella che oggi è la partita più importante della stagione perché io a gara-5 ci voglio andare, costi quel che costi».

Negli occhi di Cristelli scorrono ancora le immagini della partita. «Gara-3 è una di quelle partite che mi fanno incavolare di brutto – sottolinea il giocatore – sono conscio che abbiamo buttato via una grande occasione per vincere, che dobbiamo inevitabilmente recuperare subito. Si può vincere tranquillamente se capiamo quello che dobbiamo fare. Ho analizzato mentalmente tutta la partita e posso dire che abbiamo disputato un bel match. Siamo andati sotto ma siamo stati bravi a recuperare e anche a mettere la faccia davanti allo sprint finale. In quel momento noi giocatori più esperti dobbiamo venire fuori, dobbiamo essere noi a gestire le palle importanti per non buttare via una partita che vale una stagione, per dirla con le parole di Tanjevic dobbiamo evitare di dare un calcio al secchio dopo aver munto la mucca».
Nel finale forse i giocatori della Winterass hanno pagato la stanchezza per il gran caldo e per aver spremuto energie preziose per recuperare e poi lanciare la volata. «E’ indubbio che la stanchezza ci sia – ammette Cristelli – non può e non deve però essere un alibi. Ci rimangono spero due partite e a questo punto della stagione non possiamo pensare alla stanchezza o ai crampi. Dobbiamo sopperire alla stanchezza con l’intelligenza, togliere il piede dall’acceleratore piuttosto che metterlo, capire la cosa miglior da fare in quel momento e tenerci le energie per i momenti più cruciali. Siamo una squadra con tanti giocatori esperti, che hanno parecchi campionati alle spalle anche di un certo livello e non possiamo più sbagliare. Io ho trascorso la domenica sul divano per i dolori alle gambe, ma non vedo l’ora di scendere in campo e rigiocare la partita. Dobbiamo cercare di installare dei dubbi nella loro testa, perché una finale si gioca anche sotto il punto di vista psicologico. Sarà anche l’ultima partita in via Treves e deve essere la nostra forza il fatto di giocare in casa. Siamo al palaRavizza e non voglio salutare il pubblico con una sconfitta. Deve essere chiaro che stasera non ce n’è per nessuno, anche con l’aiuto dei nostri tifosi».

Maurizio Scorbati