Serie C - Edimes, il ds Suardi: «Pavia ha risposto, è la vera vittoria»

Il ds Edimes Flavio Suardi e il record di 24 vittorie: «Merito di un grande gruppo»
05.04.2017 11:11 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 116 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Piazza e Suardi
Piazza e Suardi

Anche il 3° confronto ufficiale tra Edimes Pavia e ForEnergy Vigevano è andato in archivio con una vittoria della formazione del capoluogo, che ha confermato il proprio primato solitario in classifica. A una giornata dal termine della stagione regolare abbiamo tirato la somme con il ds rossonero Flavio Suardi. 

Cosa vi lascia il derby di domenica?
«La consapevolezza di avere la difesa come certezza, una costante che ci ha accompagnato dall'inizio del campionato, la migliore del torneo. Per come siamo partiti a luglio inoltrato, con tutto da ricostruire, arrivare a oggi con un record di 24-1 non era immaginabile. Il derby poi ci ha lasciato una grande prova collettiva nella quale si sono esaltati Verri e la sua prestazione totale e Degrada, che dopo tre periodi in sordina ha giocato un ultimo quarto pazzesco». 
Società soddisfatta del lavoro di Piazza e della squadra?
«Piazza è stato molto bravo a creare le gerarchie giuste in un gruppo che ha individualità importanti. Ognuno di loro ha dovuto rinunciare a qualcosa per il bene comune e credo che il grande valore aggiunto sia proprio questo. Anche lui, come i ragazzi, ha modificato durante la stagione alcune cose del suo modo di allenare per far si di essere ancora più vicino alla squadra. Si è creato qualcosa di speciale in questo gruppo, una chimica rara considerando che non avevano (a parte alcuni) mai giocato insieme».
Chiudere in testa il girone era il traguardo prefissato, ora arriva il difficile.
«Non ce l'aspettavamo così, con una sconfitta sola e siamo molto contenti. La bellezza e la crudeltà di questa formula dice però che purtroppo potrebbe non essere servito a nulla perché ai play off può succedere di tutto. Finale con Vigevano? Bisogna arrivarci prima e non sarà facile perché le squadre dell'altro girone non sono le stesse viste al Trofeo Lombardia. Conterà tantissimo come arriveremo a quelle partite».
Come sta Filic?
«Rottura del menisco esterno e interessamento del legamento collaterale del ginocchio destro, dobbiamo valutare se intervenire subito (vorrebbe dire rivederlo tra un mese, ndr.) o terapia conservativa che lo rimetta in campo nel breve periodo. A differenza del primo infortunio che fu traumatico, questo è stato un contraccolpo da caduta».
Vi state muovendo per cercare un altro under?
«Ci guardiamo intorno senza fretta, con un paio di opzioni».
Ha la sensazione che a Pavia si sia mosso qualcosa attorno alla pallacanestro?
«La partita di domenica è stata una bella testimonianza di come Pavia risponda presente. C'erano anche tifosi che solitamente seguono Omnia, venuti a tifare Pavia città, un dato importante di cui tener conto. Il nostro vero obiettivo era quello di coinvolgere la cittadinanza rispetto al passato e ci siamo riusciti».
Marco Barzizza