MERCATO C GOLD - Il mercato impazza in Piemonte, chi sarà la nuova regina?

05.07.2018 14:49 di Pietro Battaglia  articolo letto 1634 volte
MERCATO C GOLD - Il mercato impazza in Piemonte, chi sarà la nuova regina?

Il mercato della Serie C Gold piemontese è in pieno fermento e diverse Società hanno già piazzato diversi colpi importanti. Dopo le promozioni di Alba e Domodossola, la favorita d'obbligo è Crocetta, anche se non mancano le contendenti ambiziose.

Crocetta Torino

Occhi puntati allora sul capoluogo piemontese per il 2018-19. La prima certezza salesiana è coach Arioli in panchina, insieme al confermato big del campionato Conti (15,3 punti a partita). Lasciano invece i gialloverdi dopo diverse stagioni Ceccarelli e Giusto. Non vestiranno più i colori della Crocetta neanche Pozzetti e Gioria (costretto per infortunio a restare lontano dal parquet probabilmente per quasi tutta la prossima stagione). Il primo colpo pesante in entrata è Maino (che vinse il campionato nel 2017 ad Alba e l’anno passato in B coi langaroli), seguito dall’ex Accabasket Alessandria Taverna (16,2 ppg)e dall’ex Fossano De Simone (11.7 ppg). Inoltre è probabile restino i prodotti del vivaio Pozzato e Bergese tra i 12 del roster.

5 Pari Torino

Ancora dal capoluogo potrebbe essere la seconda pretendente al salto di categoria, una 5 Pari Torino che scalpita per ritagliarsi sempre più spazio. Lascia la panchina coach Rossin, che viene sostituito da Luca Sacco finalista C Gold 2016 con Alba. Tra i primi colpi ecco Marco Ceccarelli (10, 6 ppg; anche lui finalista del 2016 in biancorosso proprio sotto la guida di coach Sacco). Sono stati annunciati anche l’acquisto dell’ex Crocetta Pozzetti (7 ppg) e le conferme di Quaranta (6,3 ppg), Canepa e Raiteri. Si separa invece la strada biancoverde da quella del parco lunghi: Mattia Sacco, Quaglia e Vetrone.

Fortitudo Alessandria

I grigi di coach Vandoni hanno fallito l’appuntamento con le semifinali negli ultimi playoffs dopo una grande stagione regolare. La Società è tra le più ambiziose della categoria, nonostante da un solo anno in C Gold. Allora sono attesi rinforzi importanti, anche se non è ancora stata ufficializzata alcuna novità.

Abet Bra

Da non sottovalutare tra le pretendenti alle prime posizioni c’è anche Bra, che è uscita sconfitta dalla finale promozione al cospetto di Domodossola. L’appetito vien mangiando e forse la società biancoblu ha deciso di provare a ripetere la grande stagione scorsa. È partito il centrone Tarditi in direzione Serie B con Alba, ma ha fatto il percorso inverso Lorenzo Dello Iacovo l’anno scorso nel campionato cadetto (7,1 ppg in Serie B). Dopo questo primo nuovo importante acquisto, non è da meno l’arrivo di Vetrone (9,4 ppg) dalla 5 Pari, ad occupare lo slot liberatosi nel settore lunghi. In quintetto restano Alberti (16,3 ppg) e Cortese (9 ppg), mentre per la panchina i biancoblu ripartono da Cagliero e Marenco.

Cus Torino

Il CUS Torino dopo aver conquistato lo scalpo della Fortitudo Alessandria negli ultimi playoffs e aver ceduto poi a Domodossola in semifinale, saluta Chiotti che lascia l’Italia per andare a studiare all’estero. Inoltre accoglie Mattia Sacco (5,9 ppg), ex 5 Pari, Alba e Savigliano.

Virtus Fossano

I bianconeri inseguono i playoffs da diverse stagioni e cercano nuovi rinforzi. Non è stata ufficializzata ancora nessun mossa, ma nelle ultime settimane è stato contattato Castillo (12,5 ppg in Serie D), che vinse la C Gold nel 2016 anche lui con l’Olimpo Basket Alba.

Dalle altre, ancora non trapela nulla, a parte dalla neo-promossa Ghemme, che ha ufficialmente abbandonato l’attività senior, dopo aver vinto i playoffs della C Silver trascinati da Murta. Il CB team Casale potrebbe sperare in un ripescaggio allora, anche alla luce del fatto che l’ultimo campionati si è giocato a tredici squadre a causa della rinuncia di Reba dopo la promozione dalla C Silver. La finalista di quest’anno della Silver, Savigliano, non presenterà invece domanda di ripescaggio per continuare il progetto che coinvolge i giovani del vivaio biancorosso. Da non sottovalutare è anche il roster che schierreà la retrocessa PMS Moncalieri, che punterà su giovani di talento da far crescere.

Dopo le promozioni di Alba e Domodossola si apre una lotta davvero interessante tra le storiche e le nuove big del massimo campionato regionale piemontese. Il mercato dà già importanti segnali, ma come sempre sarà il campo a dettare legge: chi riuscirà a completare l’impresa?