Serie B - Pavia, Baldiraghi: «Troppi giocatori senza attributi. Voglio dei guerrieri»

Esplode la rabbia di coach Baldiraghi: «A Borgosesia ho visto solo paura, ripartiamo da zero»
21.03.2018 11:51 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 231 volte
Fonte: La Provincia Pavese
Serie B - Pavia, Baldiraghi: «Troppi giocatori senza attributi. Voglio dei guerrieri»

La seconda sconfitta consecutiva rimediata a Borgosesia ha messo la Winterass con le spalle al muro: la squadra pavese ora non può più sbagliare se vuole centrare i play off. «In questo finale di campionato si gioca con la stessa intensità degli spareggi promozione – attacca coach Massimiliano Baldiraghi – ci vuole energia, determinazione, mettere le mani addosso perché gli arbitri lasciano fare. Se siamo pronti ad avere un atteggiamento di durezza e di cattiveria fisica e mentale, a reggere i contatti duri e continuare a giocare allora possiamo affrontare chiunque con la consapevolezza di poter vincere, ma se, come successo con Empoli e Borgosesia, appena volano due schiaffoni tiriamo indietro la mano perdiamo e rischiamo di non giocare i play off. Ci sono in squadra giocatori senza mordente, che nei momenti importanti si tirano indietro e che non sono abituati al clima di guerriglia di questo campionato. Essere arrivati a quattro giornate dalla fine e non avere ancora capito come interpretare le partite, peraltro, significa anche essere un po' tonti. Se vogliamo arrivare ai play off dobbiamo entrare in campo decisi a fare a botte, senza paura, poi conta anche la tecnica. A Borgosesia abbiamo sbagliato un sacco di tiri da un millimetro perché abbiamo avuto paura di un contatto duro, pesante. Prima si segna poi in difesa si restituiscono le botte, solo così oggi si vince». Pavia ha tirato male complessivamente da due e da tre punti. «Da sotto ho già detto e da tre punti quel 5/21 grida vendetta al cielo – continua Baldiraghi – abbiamo sbagliato anche tiri aperti mentre loro non hanno sbagliato nulla. Borgosesia ha fatto sempre canestro, anche con Quartuccio, che non è propriamente un tiratore. Buono il lavoro difensivo su Gatti, ma Sodero è stato devastante, troppo, ha ridicolizzato i nostri esterni». Rimangono quattro partite. «Non possiamo più sbagliare – sottolinea l'allenatore della Winterass – sono molto preoccupato perché a Borgosesia ho visto un linguaggio del corpo negativo da parte di tutti, così ho deciso che alla ripresa degli allenamenti questa settimana ricominceremo da zero. Lavoreremo sui fondamentali, tipo uno contro uno, passaggi, attacchi tecnicamente molto semplici perché in questo momento siamo in difficoltà, perciò dobbiamo ripartire da capo per sistemare un po' di cose, perché dobbiamo vincere tutte e quattro le partite che restano». Un aiuto importante potrebbe arrivare dal rientro di Alessandro Infanti, oramai quasi pronto. L'ultimo pensiero di coach Baldiraghi è per i tifosi pavesi che hanno seguito la squadra in pullman: «Sono molto dispiaciuto per tutta la gente di Pavia numerosa e calorosa che ci ha seguito a Borgosesia, avrebbe meritato di vedere una squadra con più attributi».

Maurizio Scorbati