Serie B - Daniele Ciaramella alla Pallacanestro Crema

07.07.2017 10:24 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1778 volte
Serie B - Daniele Ciaramella alla Pallacanestro Crema

La Pallacanestro Crema dalla faccia giovane comincia a prendere forma. Dopo la conferma di capitan Del Sorbo e l'ingaggio di Andrea Dagnello il sodalizio cremasco ha firmato un giovanissimo di sicura prospettiva. Le preferenze del presidente Donarini e di coach Salieri sono state accordate a Daniele Ciaramella, play/guardia classe 1998 cresciuto cestisticamente tra Marghera e Petrarca Padova. L'esterno veneto, nonostante la giovanissima età può vantare già due campionati di C Gold nelle file di Padova, chiudendo il secondo, nel girone C del torneo, con una media di 14 punti a partita. Ecco le sue prime parole da tesserato della Pallacanestro Crema.

Facciamo un breve riassunto della tua carriera. Ho cominciato a muovere i primi passi nel mondo della pallacanestro all’età di 6 anni, nella periferia veneziana (Marghera, il luogo in cui vivo dalla nascita), militando nella Società locale dei Giants e disputando tutta la trafila Minibasket e giovanili fino al 2014. Dalla stagione 2014/2015 ho iniziato l’avventura padovana (facendo il pendolare giornaliero), nelle giovanili del Petrarca, sotto la guida di coach Alberto Zanatta e sfiorando di un nulla, con la mia squadra e per due anni consecutivi , le finali nazionali Under. Nel contempo ho esordito (grazie al progetto Unione Basket PD) in C/gold Veneto-Friuli.V.G. il 27/9/15, a 17 anni, con coach Nicola Imbimbo. Pertanto, nell’ultima stagione sportiva, con il medesimo staff societario e sempre con Imbimbo ad allenarmi, nel ruolo di Play/Guardia ho disputato in primis il campionato di C/gold (167 punti in 24 presenze - medie: 6,7 punti - 23 minuti) e contemporaneamente il massimo campionato giovanile (DNG girone C, Veneto) nel quale ho totalizzato 220 punti (circa 14 punti di media).

Come ti descriveresti dal punto di vista tecnico?

Principalmente mi definirei un “Agonista”, ovvero un giocatore che lotta per ogni possesso in entrambi i lati del campo: soprattutto dal punto di vista difensivo, il fatto di dover limitare in tutti i modi l’attaccante di turno è una cosa che mi "gasa” molto; non disdegno però le fasi in attacco, laddove mi piace molto cercare di mettere in ritmo i miei compagni e, ovviamente, cerco sempre di farmi trovare pronto e presente dal punto di vista realizzativo, tanto più nei momenti difficili ed importanti nelle fasi di gioco. Come si dice: quando il gioco si fa duro……..

Dove punti a migliorare?

Voglio sforzarmi, crescendo, di mantenere una mentalità sempre “POSITIVA”: tiri sbagliati, una difesa mancata, una incomprensione con un compagno o con il coach… sono tutte situazioni che fanno parte del gioco, e non devo lasciare che scalfiscano le mie sicurezze. Pertanto in questa importante stagione cercherò, ancora di più, di attingere fiducia anche da queste “spiacevoli” situazioni e non solo dopo aver messo canestri importanti, aver fatto una super difesa o partecipato ad un bell’attacco corale.

Da 1 a 10 quanto ti senti pronto per un ruolo importante in serie B?

Sarò sincero e (non vorrei sembrare presuntuoso), non lo nascondo: direi un abbondante 8! Chi mi sta intorno e le persone che mi conoscono sanno quanto ci tengo a questa importantissima opportunità offertami dalla Pallacanestro Crema e sanno anche da quanto aspetto una simile occasione (la politica dei piccoli passi, vero mamma e papà?).

Ho sempre lavorato duro, migliorando anno dopo anno (anche grazie a chi mi ha seguito), ma sempre in maniera graduale e sono sicuro che questa avventura a Crema con coach Salieri, mi darà un’ulteriore opportunità di crescita – umana e tecnica – nel corso di un anno che andrà a cominciare sicuramente tra i più impegnativi (fino ad ora) ma da cui mi aspetto e pretenderò, io per primo, molto da me stesso.

Com'è e cosa fa Daniele fuori dalle righe del campo?

Daniele è un ragazzo allegro (come è giusto che sia a 19 anni), gentile, felice della propria vita, umile e... tosto (in tutti in sensi). L’impegno con lo studio al Liceo Scientifico nonché con gli allenamenti di basket fino ad ora non hanno ben conciliato con lo “zero” tempo libero rimanente, che mi rimarrà anche per il prossimo anno in quanto dovrò frequentare l’ultimo anno di Liceo (dovrò iscrivermi a Crema, con la mia famiglia abbiamo cominciato a guardarci intorno)…. Quindi, più che sentire della buona musica con le cuffiette del mio smartphone durante le trasferte e i giornalieri andirivieni Marghera/Padova non potrò fare.