UFFICIALE A2 - Derthona, firmato Marco Lusvarghi

16.07.2018 16:55 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 525 volte
UFFICIALE A2 - Derthona, firmato Marco Lusvarghi

Bertram Derthona comunica di avere inserito all’interno del proprio roster l’atleta Marco Lusvarghi, ala/centro di 200 cm classe 1997. Nativo di Reggio Emilia, Marco è un prodotto del settore giovanile della Pallacanestro Reggiana. Dopo una prima esperienza senior in serie C tra Correggio e Castelfranco Emilia, nel 2016/17 è entrato a far parte del roster degli Stings Mantova, con la quale ha affrontato il Derthona nei playoff di serie A2 insieme ad un altro giocatore che oggi veste il bianconero, Lorenzo Gergati. Nella scorsa stagione in passaggio a Roseto, sempre nel girone Est di A2, dove ha collezionato ventun presenze.

Questa l’introduzione del responsabile dell’area tecnica bianconera Gianluca Petronio: “Con l’inserimento di Marco completiamo il nucleo degli italiani e il reparto lunghi. Sarà l’unico under della squadra e ricoprirà un ruolo di complemento che riteniamo molto impegnativo e reciprocamente importante”; “il giocatore, nella sua buona e analoga esperienza di Roseto, ha dimostrato di sapere efficacemente condividere la sua attività cestistica con un un impegnativo percorso universitario e con la sua passione per l’informatica; la sua determinazione e la sua grande motivazione nell’accettare la nostra proposta ci hanno colpito in maniera estremamente positiva”.

Così Marco Lusvarghi: “Il progetto del Bertram Derthona è molto ambizioso. Io sarò pronto a dare il massimo in ogni singolo allenamento, convinto che questa stagione possa essere un’ottima occasione per crescere individualmente, potendo essere affiancato giorno dopo giorno da giocatori di grandissima esperienza come Luca Garri e Klaudio Ndoja”.

Nella stagione 2016/2017, in maglia Stings Mantova, Marco Lusvarghi ha affrontato il Derthona Basket nel primo turno playoff, questo il suo ricordo: “Dopo i due successi ottenuti a Mantova, siamo tornati al Palaoltrepo’ per giocarci gara5. Mi ricordo un pubblico molto caldo, che nel momento in cui la partita sembrava potesse finire anche nelle nostre mani ha dato la spinta decisiva a favore dei padroni di casa”.