Serie A2 , Roberts la sconfitta si porta via: Roma batte Latina nel finale

 di Edoardo Caianiello  articolo letto 476 volte
Serie A2 , Roberts la sconfitta si porta via: Roma batte Latina nel finale

Si sa, la Pontina è una strada insidiosa, a causa di un manto stradale e di un'illuminazione non proprio da manuale forse, sicuramente la stessa strada su cui si snodava l'impegno della Virtus Roma contro un avversario ostile come Latina, complice anche un'influenza che ha letteralmente falcidiato lo spogliatoio dei padroni di casa durante la settimana di allenamenti e che alla partita ha negato la presenza di Vedovato e di Zanchi, membro dello staff tecnico.

Ma se la Befana tutte le feste si porta via, Lee Roberts con una prova (ancora una volta) magistrale da 31 punti e 6 rimbalzi trascina i suoi ad una vittoria di importanza fondamentale, visti anche i risultati delle dirette concorrenti (Eurobasket e Treviglio) alla lotta per evitare i playout. Non sono i punti ed i rimbalzi ma è la leadership del giocatore americano a fare la differenza, soprattutto nell'ultimo e decisivo periodo quando durante un timeout le parole giuste hanno sedato un nervosismo ed una difficoltà che serpeggiava tra i giocatori romani, soprattutto in Thomas.

Bene Filloy al suo esordio in maglia Virtus: difesa e passaggi di grande esperienza, soprattutto quando il pallone sembrava scottare nei momenti finali. Se si parla di passaggi, quello che illumina e vince l'incontro appartiene a Giuliano Maresca, ancora una volta capitano e condottiero in minuti critici, come quelli finali.

Note dolenti sono gli infortuni di Basile e quello di un sempre più sfortunato Massimo Chessa. Non sono ancora note le condizioni dei due, di cui si attendono aggiornamenti non appena svolti gli esami e le valutazioni del caso.

Latina esce tra la delusione di una partita decisa all'ultimo possesso. Brilla la prova di Laganà, sinceramente alieno rispetto alla categoria nella quale si misura settimanalmente e che fa crescere i rimpianti,ancor di più, per degli infortuni che hanno rallentato la crescita di un giocatore davvero sopra le righe.

LA PARTITA. Partenza con le marce alte di Roma che guidata dai canestri di Thomas firma il vantaggio casalingo di 18-6. Raymond fa sentire chili e canestri, Laganà illumina e Latina torna in partita (25-20), Roberts ed Hairston chiudono il primo quarto 28-22.

Roma rallenta ed i pontini ne approfittano mettendo a referto un parziale aperto di 8-0 che vale il 32-32. Landi non ci sta e con due canestri consecutivi firma prima il 37-32 che poi Baldasso trasforma in 39-34. Laganà rimette benzina nei motori ed ancora una volta trascina i suoi a due punti di distanza (44-42). Maresca manda i suoi negli spogliatoi in vantaggio, 51-44.

Al rientro dalla pausa lunga Roma segna con Chessa il mini allungo ( 59-48) ma due fischi antisportivi (uno per squadra) spezzano il ritmo dell'incontro e Latina è brava a far suo il ritmo dell'incontro e dopo i canestri di Maresca c'è ancora il solito Laganà a riportare la Benacquista ad un possesso di distanza e dopo trenta minuti è 67-65.

Pastore fa parità e poi è Latina a provare a prendere il largo: Allodi conclude un parziale aperto di 14-0 e sigla il 73-67. Si addensa di nuvole il cielo capitolino ed assomiglia ad un tuono il canestro di Raymond che vale il 75-67. Baldasso segna da tre punti un canestro di vitale importanza (72-75) ma ci pensa la "vecchia guardia": Filloy difende in maniera enciclopedica, Maresca disegna le traiettorie e Roberts segna a ripetizione e con una manciata di secondi alla fine, realizza il canestro che vale la vittoria: termina 79-77.

VIRTUS ROMA - LATINA BASKET 79-77

Virtus Roma: Basile, Maresca 6, Chessa 7, Donadoni n.e., Baldasso 8, Landi 15, Roberts 31, Thomas 12, Taddeo n.e., Filloy. Coach: Bechi.

Latina Basket: Hairston 26, Tavernelli 8, Lagana 15, Stillitano n.e., Saccaggi 6, Allodi 4, Pastore 6, Di Ianni, Jovovic n.e., Ambrosin n.e., Raymond 12, Cavallo n.e. Coach: Gramenzi.