A2 - Torneo Città di Cassino con Leonis, Luiss, Scafati e Cassino

14.09.2017 18:18 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 221 volte
A2 - Torneo Città di Cassino con Leonis, Luiss, Scafati e Cassino

Il cammino di avvicinamento della Leonis al debutto ufficiale del 1° Ottobre prosegue attraverso la partecipazione al 1° Torneo “Città di Cassino”. Domani, con palla a due alle 18, la squadra di Davide Bonora affronta la Luiss (B), a seguire Givova Scafati – Virtus Cassino. Il quadrangolare in terra ciociara, anticipato di un giorno per concomitanti impegni calcistici, sarà il quinto test della prestagione biancoblu, allo scopo di verificare la crescita del rinnovato organico dell’Eurobasket in vista dell’esordio di Napoli.
“Per ora direi che siamo in linea con le attese e la tabella di marcia, è ancora un po’ presto, ma ogni giorno che passa siamo sempre più vicini e proiettati, anche mentalmente, alla sfida del PalaBarbuto– esordisce Alessandro Piazza – c’è ancora tanto da migliorare come chimica di squadra, ma l’importante è fare costantemente dei passi in avanti, perché vogliamo iniziare il nostro campionato con il piede giusto”.
Guardando ai risultati del campo, finora il bilancio della Leonis è di perfetta parità: dopo la vittoria nella “Festa del Basket Laziale”, Piazza e compagni hanno ceduto, sempre a ranghi incompleti, a Scafati e di misura nello scrimmage di Montegranaro, ma il responso finale non sembra preoccupare più di tanto il trentenne regista bolognese: “In questo periodo dobbiamo, più che agli avversari, guardare innanzitutto a noi stessi, perché potrà capitare di perdere facendo le cose giuste e vincere giocando peggio, c’è rammarico per non aver fatto mai, finora, un allenamento al completo – prosegue “Piazzino” – ma abbiamo un super settore giovanile, con i ragazzi più giovani che ci stanno dando una grande mano ogni giorno in palestra”.
Ma su ciò che si può limare anche subito, l’ex playmaker di Agrigento sembra già avere le idee chiare: “Da questo torneo credo sia giusto aspettarsi dei miglioramenti soprattutto in fase difensiva, l’atteggiamento è giusto, ma dobbiamo evitare dei blackout momentanei che ci hanno penalizzato in alcune circostanze”.
Perché, aspettando il rientro nei ranghi di Bonessio e Frassineti, il processo di affiatamento e reciproca conoscenza con i compagni, agevolato dall’aver giocato già insieme ad una buona parte di essi, procede con fiducia: “Sto capendo, pian piano, come e quando servire al meglio i miei compagni – chiude il numero 21 della Leonis – devo affinare questa intesa per capire come innescarle le nostre bocche da fuoco. Non è facile trovarsi subito a memoria, ma siamo a buon punto e spero di arrivare all’esordio cosciente e consapevole di quello che sarà necessario per far girare al meglio la squadra”.