A2 - Scafati contro Rieti per vendicare la sconfitta dell'andata

La Givova di coach Perdichizzi, in questa prima di ritorno, ha un motivo in più per vincere: vendicare la sconfitta dell'andata
 di Carmine Sorrentino  articolo letto 564 volte
Santiangeli e Trapani
Santiangeli e Trapani

Dopo 15 gare e 9 vittorie, la Givova Scafati, in questa prima giornata del girone di ritorno, affronterà la NPC Rieti, la squadre che le inflisse, nella gara inaugurale, la prima sconfitta stagionale. Dopo la vittoria con Scafati, però Rieti incappò in ben 3 sconfitte di fila, l'ultima delle quali, in casa con Treviglio, ed allora, il presidente Cattani ed il GM Martini decisero di dare una scossa all'ambiente e, dopo ben 5 anni, ci fu il divorzio con coach Luciano Nunzi. La squadra fu affidata al suo secondo Alessandro Rossi che, dopo un periodo di assestamento, è riuscito a risollevare le sorti dei laziali che hanno collezionato 6 vittorie e 5 sconfitte portandosi a ridosso della zona playoff. Una buona mano l'ha data pure il lungo Olasewere ( 17,8 punti e 8,6 rimbalzi di media per lui) che ha sostituito un non certo brillantissimo Davenport.

Snoccioliamo adesso due numeri così da farci un'idea, anche se approssimata, sulle potenzialità delle due squadre.

Le due compagini non hanno certo attacchi brillantissimi: quello laziale è terzultimo nel girone ovest con 1147 punti ( 75,8 a gara) segnati mentre quello scafatese è quartultimo con 1158 punti ( 77,2 a gara) segnati. Sul fronte difensivo i laziali sono messi meglio della loro posizione in classifica ( ottava difesa con 1164 punti subiti) mentre gli scafatesi sono addirittura la terza difesa del girone (1111 punti subiti), posizione su cui ha inciso la pesante sconfitta ( 95 a 74 ) rimediata a Casale che è costata loro la seconda piazza assoluta nel girone soffiatagli da quel Legnano che avevano battuto, a domicilio, il mercoledì precedente.

La gara si preannuncia molto combattuta anche se la Givova, tra le mura amiche, gioca un basket molto brioso e diventa quasi imbattibile.

Il problema grosso per gli scafatesi sarà quello di riuscire a bloccare Hearst e contrastare i lunghi reatini ( Olasewere, Gigli, Carenza e Marini) sotto le plance. I due stranieri di Rieti segnano quasi la metà dei punti della loro squadra ( Hearst ne fa 18,8 a gara mentre Olasewere ne segna 17,8) , così come fanno i due dirimpettai scafatesi, Lawrence (18,6) e Sherrod (16,1). Per quanto riguarda la presenza nel pitturato, tra gli ospiti, oltre a Olasewere, c'è Gigli conosciuto ed apprezzato da anni da tutti, così come Carenza mentre Marini è il giovane emergente. Gli scafatesi Sherrod, Ammannato, Pipitone e Crow dovranno davvero fare gli straordinari per limitarne la presenza.

Comunque, se gli scafatesi riusciranno ad imporre il loro gioco brioso, per Rieti non ci saranno grosse speranze ma, sicuramente, coach Rossi cercherà di non finire nella trappola tesa loro dallo sceriffo Perdichizzi.

Vista dal di fuori, questa sembra davvero una partita a scacchi e, per cercare di farci un preciso quadro d'insieme, forse è meglio sentire cosa dicono i due assistenti allenatori, Marzullo e Ruggieri.

Queste le parole dello scafatese Alessandro Marzullo:  < Quella contro Rieti sarà una partita difficile, contro un avversario tosto, reduce da quattro vittorie esterne consecutive, che staziona a metà classifica e sta disputando un discreto campionato. Rispetto alla gara d’andata, Rieti ha inserito in organico lo statunitense Olasewere, buon atleta e discreto realizzatore. Nel complesso, quindi, Rieti è una squadra che merita grande attenzione e rispetto, da affrontare con la massima concentrazione. La sconfitta subita a Casale Monferrato, che ha pregiudicato la nostra qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, ci ha notevolmente caricato e ci ha motivato a disputare un girone di ritorno ancora migliore, con l’obiettivo di provare a chiudere la stagione regolare con un piazzamento in classifica migliore rispetto a quello attuale >.

Questo invece il commento del sabino Andrea Ruggieri : < Domenica giocheremo con una squadra molto organizzata sia a livello difensivo che offensivo. Un gruppo compatto con sintonia e moltissime chiamate in attacco. Scafati ha la capacità di sfruttare le qualità di Sherrod, Ammannato, di giocatori che sanno aprire il campo come Santiangeli e Crow, dispongono di una guardia che è uno dei miglior realizzatori, Lawrence e posseggono l’esperienza in regia di Spizzichini. Per quanto ci riguarda stiamo preparando l’incontro con allenamenti di intensità elevata con tutto il roster al completo. Sappiamo che in trasferta, a Scafati, non sarà facile vincere ma daremo il massimo >.

Ex in campo: tre le fila dei reatini c'è "carabina Quigley" Casini, che, nonostante la non più giovane età , è ancora uno dei migliori tiratori da tre del campionato ( 42,6%) mentre tra gli scafatesi c'è Vincenzo Pipitone a Rieti lo scorso anno.

Infermeria: non dovrebbe esserci nessuna defezione.

Media ed iniziative – La partita sarà trasmessa, oltre che in diretta video streaming dal sito internet della Lega Nazionale Pallacanestro (tramite il servizio “LNP TV Pass”), anche in diretta radiofonica sui 92,50 Mhz di Radio Sant’Anna (media partner della Givova Scafati) e in streaming da Radio Paradiso sul sito internet www.radioparadiso.it.

Inoltre, sarà possibile assistere al video della gara in differita su TV Oggi ( canale 71 del digitale terrestre) nei giorni di lunedì ( ore 15:00) e martedì (ore 21:00) .

Arbitreranno i signori: Jacopo Pazzaglia di Pesaro (PU), Umberto Tallon di Bologna, Marco Catani di Pescara.

Le formazioni in campo:

GIVOVA SCAFATI BASKET: Lawrence, Crow, Trapani, Spizzichini, Romeo, Melillo, Ranuzzi, Ammannato, Pipitone, Sherrod, Santiangeli. All. Giovanni Perdichizzi

NPC RIETI : Hearst, Savoldelli, Casini, Conti, Gigli, Marini, Carenza, Olasewere, Hassan, Melchiorri, Tommasini, Berrettoni. All. Alessandro Rossi