A2 - Novipiù testa e cuore: Playoff matematici

18.03.2018 22:11 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 96 volte
A2 - Novipiù testa e cuore: Playoff matematici

Ritmo alto, partita incandescente e due squadre che hanno lottato con il coltello tra i denti per 40′: questo è quello che è stato Novipiù Casale – NPC Rieti, con i rossoblu che hanno conquistato la vittoria 83-74. Priva di Marcius e Tomassini e con Bellan dolorante ad una spalla, i rossoblu riescono a condurre per tutti i 40′ chiudendo con 5 giocatori in doppia cifra, tra cui Sanders top scorer con 20 punti. Con questa vittoria la Novipiù mantiene la vetta della classifica e si qualifica matematicamente ai Playoff con cinque giornate d’anticipo e per la decima volta in 11 stagioni di Serie A2.

La tripla di Tommasini e il canestro di Bellan aprono la partita: le due difese sono da subito serrate ma Sanders riesce a trovare un ottimo gioco da tre punti e porta i suoi sul 5-3. Rieti non ci sta e si fa valere sotto la plance per poi andare a canestro con La Torre, ma dall’altra parte arriva la tripla di Sanders seguita dal canestro di Denegri (10-7); Olasewere inchioda a canestro ma il fallo tecnico fischiato contro Rieti manda Blizzard in lunetta. Cattapan vola a rimbalzo mentre Sanders e Tommasini si rispondono dalla lunga distanza: sale in cattedra anche Blizzard e la Novipiù si porta sul 16-12. I rossoblu alzano la difesa e Valentini insacca dai 6.75 metri obbligando coach Rossi al timeout; al rientro è Hearst ad andare a segno dall’arco, seguito da Olasewere dalla media, mentre Martinoni non ci pensa due volte e realizza il 21-17. Rieti prova a premere sull’acceleratore con il solito Tommasini, ma Sanders ha la mano infuocata e risponde senza paura e il quarto termina 26-22. Le due triple consecutive di Valentini danno il via al secondo quarto, mentre dall’altra parte sono Hearst e Gigli a tenere i reatini in scia (34-27). Blizzard arma il braccio dalla lunga distanza e la stoppata di Cattapan dà il via al canestro della coppia Denegri-Severini: Casale è in trance agonistica mentre Olasewere realizza solo uno dei tiri a disposizione (39-30). La Novipiù si stringe ulteriormente in difesa mentre in attacco Denegri e Savoldelli non ne hanno per nessuno; arriva ancora un gesto di grande sportività da parte di Martinoni che ammette l’ultimo tocco della palla variando la decisione degli arbitri sulla rimessa (43-37), ma i reatini non riescono a sfruttare l’occasione ed è proprio Martinoni ad andare poi a segno nell’altra metà campo. Casini non è preciso dalla linea della carità, ma si rifà immediatamente l’azione successiva: Casale pasticcia una volta di troppo e coach Ramondino richiama prontamente i suoi. E’ Marini a chiudere il quarto 47-42. Tommasini e Martinoni inaugurano il terzo quarto aprendo il campo anche ad una serie di triple che portano i rossoblu sul 54-48. Hearst piazza una tripla siderale, ma nella metà campo casalese si carica anche Bellan seguito a ruota da Denegri; Rieti vuole ricucire il gap e lo fa ancora una volta con Hearst, ma ci pensa Martinoni a piazzare la tripla del 63-55. Olasewere realizza solo uno dei liberi a disposizione e i rossoblu tornano subito a segno con il solito Martinoni: la Junior difende a ritmo serrato e Blizzard realizza il 67-56 mentre Rieti non ha intenzione di darsi per vinta. Carenza realizza dall’arco, ma è Sanders a chiudere sul 69-61. L’ultimo periodo prende il via con una serie di tiri rifiutati dal ferro per entrambe le formazioni: è la tripla di Denegri a far esplodere il PalaFerraris mentre Olasewere non va a segno a gioco fermo: 72-63. I rossoblu si dannano in difesa con la giusta aggressività ed è ancora Denegri a fare male dalla lunga distanza, obbligando coach Rossi al timeout: al rientro è Conti a sfruttare un contropiede e poi realizzare la tripla che porta i suoi sul 75-68. Rieti ci prova con Olasewere, ma Blizzard non è da meno: Casale non vuole lasciarsi sfuggire la vittoria, mentre Rieti vince ancora un viaggio in lunetta che sfrutta appieno (79-72). Ci pensa ancora Martinoni a portare punti alla causa rossoblu: gli ultimi secondi sono da regolamento e la Novipiù ottiene la vittoria 83-74.

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO – ZEUS ENERGY GROUP RIETI: 83-74 (26-22; 47-42; 69-61)

NOVIPIU’ CASALE: Ielmini, Banchero ne, Denegri 16, Valentini 11, Blizzard 14, Martinoni 16, Severini 2, Cattapan, Bellan 4, Sanders 20, Lazzeri ne. All. Ramondino

ZEUS GROUP RIETI: Tommasini 15, Hearst 11, Savoldelli 3, Casini 5, La Torre 2, Olasewere 18, Conti 5, Gigli 10, Marini 2, Carenza 3. All. Rossi

Coach Marco Ramondino: “Siamo estremamente contenti e orgogliosi del risultato, della qualificazione ai Playoff e del modo in cui abbiamo giocato. Il ritmo della partita è stato medio-alto, abbiamo voluto imporre ritmi e siamo stati bravi a fare scelte giuste, con pochi tiri forzati, poche palle perse non forzate dagli avversari. La cosa che voglio sottolineare è che con un ritmo offensivo costante e abbastanza alto, la nostra difesa sia salita di colpi con soli 13 punti subiti e 7 rimbalzi d’attacco nell’ultimo periodo e questi sono segnali di carattere e di un aspetto emotivo sano. Oggi tutti hanno interpretato la partita nel modo giusto, tutti erano presenti: cito in particolare Bellan perchè ha giocato infortunato, con la spalla dolorante per una caduta di ieri, e un altro tipo di giocatore oggi non sarebbe entrato in campo. Questa è un’altra conferma di quanto questi ragazzi abbiano davvero tanto da dare“. Coach Alessandro Rossi: “E’ stata una partita che sapevamo essere difficile fin dal primo momento: i complimenti vanno a Casale per aver reagito molto bene a qualche importante defezione di roster, oggi hanno dimostrato perchè sono primi. Hanno un sistema e una solidità che gli permette di trovare energie e risposte da tutti; noi abbiamo approcciato abbastanza bene la gara, rimane un po’ l’amaro in bocca per alcune disattenzioni difensive nel primo tempo. Da lì siamo stati sempre in rincorsa, ma alla squadra va dato merito di averci creduto e di aver lottato sempre fino in fondo. Avevamo bisogno di qualche stop difensivo in serie ma non siamo riusciti a trovare il ritmo giusto: noi torniamo a casa con alcune buone indicazioni e con alcune cose che devono farci riflettere“. Davide Denegri: “E’ stata un partita molto difficile: noi avevamo assenze importanti e loro sono una squadra forte, esperta e fisica. All’inizio abbiamo fatto un po’ di fatica soprattutto con i loro post bassi e anche con il fatto che Tommasini è stato barvo a punirci con le sue triple, poi siamo stati bravi a chiuderci un po’ di più in difesa mentre in attacco abbiamo giocato con continuità. Partire in quintetto da playmaker? Sapevo di essere titolare per l’assenza di Tomassini e quindi dovevo avere più leadership in campo. Io ora sto bene, mi sento in fiducia e spero di continuare a fare sempre meglio“.