A2 - Legnano vs Casale, il posticipo del sabato del girone Ovest

29.12.2017 06:22 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 162 volte
A2 - Legnano vs Casale, il posticipo del sabato del girone Ovest

Nemmeno il tempo di gustare il panettone e i Knights saranno di nuovo in campo per l'ultima partita del 2017, contro la Junior Casale Monferrato, prima in classifica. Si gioca sabato 30 dicembre, ore 20:30 a Castellanza. La turbolenta stagione dello scorso anno ha messo, però, solide basi per la squadra di coach Marco Ramondino, che in questa stagione è partita fortissimo vincendo le 9 partite in fila.

Il blocco di italiani su cui ha costruito Casale è quello dello scorso anno: Niccolò Martinoni, Giovanni Tomassini, Luca Severini, Davide Denegri, Fabio Valentini e Simone Bellan.

Martinoni è nato a Varese e per la sua prima parte di carriera ha giocato con la Robur et Fides; passato alla Benetton Treviso nel 2006, ha esordito con la squadra della marca in serie A, prima di trasferirsi di nuovo a Varese, ma sponda Pallacanestro Varese, dove ha conquistato la LegaDue nella stagione 2008/09.
A seguire il trasferimento alla Virtus Bologna nel 2010/11 e poi la cessione definitiva a Casale Monferrato nel 2011, società che ha acquistato il cartellino del giocatore. Oggi è il capitano della squadra e il secondo miglior marcatore di Casale con 11.9 punti di media e 6.1 assist.

Tomassini è l'inamovibile play della squadra (11.6 punti di media, 5 assist).
Tomassini cresce nel settore giovanile della Scavolini Pesaro, facendo il proprio esordio in Serie A nel 2004. Un anno più tardi scende a farsi le ossa in B2 con il prestito alla seconda realtà cittadina dell'epoca, la Falco.
Torna quindi alla Vuelle, che nel frattempo era risalita in Legadue: qui Tomassini condivide la cabina di regia con Robert Fultz e Mauro Morri, vincendo i play-off promozione insieme alla squadra.
Nella stagione 2007-08 resta in Legadue venendo girato in prestito a Pavia, e, terminato il prestito, fa nuovamente parte dell'organico pesarese, partendo dalla panchina in Serie A.
Nella stagione 2011-12 è passato alla Reyer Venezia come ultimo degli under24 previsti per disputare il campionato di LegaDue; resta comunque nel roster veneziano dopo la promozione in LegaA; poi Ferentino, Veroli e dal 2014 Casale.
Nel palmares personale un bronzo U20 con la nazionale agli Europei del 2007, oltre alle molte convocazioni in nazionali giovanili.

Se Tomassini era ed è una sicurezza, un giocatore in grande crescita è, invece, Severini (8.3 punti di media e 4.6 rimbalzi); prodotto del settore giovanile della Virtus Siena, esordisce in Serie A con il Pistoia Basket nella stagione 2014-2015 e, dalla scorsa stagione, è nelle file dalla Junior, dopo aver fatto parte delle nazionali U18-19 e U20 negli anni scorsi.

Altro giocatore confermato e in crescita il giovane Denegri; classe 1998, nato a Tortona, Davide Denegri supera ormai i 15 minuti di utilizzo con 5.3 punti di media. Dopo buoni anni nel settore giovanile di Casale, esordisce in prima squadra e dalla scorsa stagione si sta ritagliando sempre più spazio nelle rotazioni.

Giocatore molto migliorato, al secondo anno in maglia rosso-blu, è anche Bellan che arriva in prestito dalla Pallacanestro Grado, dopo tre anni di costante crescita fisica e tecnica con l'Aquila Basket Trento. 
Nato a Palmanova nel 1996, inizia ad Udine la sua carriera giovanile, ma dal 2013 si trasferisce, a Trento, dove continua le giovanili, iniziando gradatamente a guadagnare credito e campo con Maurizio Buscaglia e la Prima Squadra dell'Aquila Basket.
Prima di arrivare a Casale, Bellan ha partecipato anche al campionato di Serie C Silver con il CUS Basket Trento, venendo premiato tra i migliori giocatori del campionato e ricevendo il titolo di MVP dell’All Star Game di categoria.

Valentini, altro prodotto del settore giovanile della Junior, trova anche lui ottimo spazio in campo in questa stagione, la sua seconda con un certo ruolo nel roster della prima squadra. Risponde con 13.4 minuti, 3.5 punti e 1.1 rimbalzi media.

Al gruppo di italiani si unisce un naturalizzato, ma italiano ad honorem, come, Brett Alan Blizzard, il centro croato Aleksandar Marcius e la guardia USA Jamarr Sanders

Straniero ma con doppio passaporto, veterano dei nostri campionati, Blizzard è un tiratore mortifero, nato a Tallahassee nel 1980.
Dopo aver frequentato la Florida High School, si iscrive con successo all'Università di North Carolina Wilmington (nell'ultimo dei suoi quattro anni mette a segno 21,1 punti a partita con 3,6 assist) per poi essere scelto nel draft USBL 2003 dagli Oklahoma Storm.
Nel 2003 gioca nella CBA per i Wilmington Wave Rockers ma molto presto viene ingaggiato dalla Montepaschi Siena che lo gira in prestito in Lega2 alla Sicc Jesi dove conquista una storica promozione in serie A sconfiggendo la favorita Virtus Bologna.
L'anno dopo è alla Vertical Vision Cantù dove raggiunge i quarti di finale, eliminato dalla Armani Jeans Milano. La stagione 2005-06 vede Blizzard di scena a Reggio Emilia, dove è splendido protagonista dell'ottima annata bianco-rossa; mentre nel 2006-07 viene ingaggiato dalla Virtus Bologna, dove ricopre un ruolo fondamentale per il terzo posto finale della regular season, per la conquista della finale della coppa Italia e della final four di FIBA Cup. 
Nel 2009 conquista con la Virtus l'EuroChallenge contribuendo alla vittoria sullo Cholet Basket, poi ancora in Italia, ha vestito la maglia di Veroli e dal 2014 quella di Casale.

Marcius è un lungo di 208, nato a Nedelisce (Croazia) nel 1990. Ha iniziato a giocare a basket solamente a 15 anni, scegliendo presto di apprendere la pallacanestro negli Stati Uniti. Trova infatti nello stato dell’Indiana una borsa di studio per La Lumiere Academy di LaPorte, liceo di preparazione al college tra i 25 piú considerati d’America. Marcius, a La Porte, viene allenato da Delray Brooks, Mr Basketball nell’Indiana nel 1984, ex assistente di Rick Pitino a Kentucky, figura che gli consente di essere reclutato dal programma dell’Università di Purdue. Sotto coach Matt Painter, Marcius rimarrá 4 anni, sempre in crescita, divenendo uno dei beniamini del pubblico per il costante impegno e lo spiccato agonismo. Si trasferisce poi, nel 2013, all’Università di De Paul, per una stagione da oltre 18’ di media in cui mette assieme 4.8 punti e 4.6 rimbalzi.
Dopo il college, per Marcius si aprono le porte del professionismo in Europa, iniziando dalla natìa Croazia. Firma infatti un contratto con Sibenik, in A1 croata; nella stagione successiva scopre la Spagna, in Leb Plata, diventando presto uno dei migliori lunghi del campionato (14.9 punti, 9.3 rimbalzi) e continuando una crescita che l’ha portato, nell’ultima stagione, ad imporsi con numeri simili anche ad un livello piú alto. Con Caceres viene nominato tre volte giocatore della settimana e va in doppia cifra in 29 partite su 34.

Infine Sanders, miglior realizzatore della squadra con 18.1 punti media a cui aggiunge 6.6 rimbalzi e 4.2 assist, è una guardia di 1.93 per 95 Kg, classe 1988, originario di Chicago ma residente a Birmingham, Alabama. 
Sanders, giocatore eclettico e dal grande fisico, ritrova a Casale coach Marco Ramondino, Giovanni Tomassini e Brett Blizzard, suoi compagni nella stagione 2013/14 quando a Veroli conobbe l’Italia per la prima volta.
Prima di raggiungere l’Europa, dove la prima esperienza in Grecia non fu molto fortunata, Sanders era stato uno dei migliori giocatori ad UAB (l’università di Alabama-Birmingham), con l’apice dei 17.8 punti e 4.6 rimbalzi nella NCAA nel suo anno da senior. 
Dopo il Kao Drama, e con la fine del lock-out, Sanders aveva fatto ritorno negli Usa, giocando la sua prima stagione da pro con gli Austin Toros, franchigia della D-League affiliata ai San Antonio Spurs.
Poi l'arrivo in Italia e, dopo l’ottima stagione dei ciociari, terminata con il raggiungimento dei Playoff, si sono aperte per lui le porte della Serie A, dove dal 2014 al 2016 ha fatto la fortuna dell’Aquila Basket Trento: collante di squadra e spogliatoio, ha consentito alla Dolomiti Energia di raggiungere subito i Playoff ed un posto in Eurocup, dove nel 2015/16 ha registrato 9.1 punti e 3.6 rimbalzi, fermato solo da un brutto infortunio alla caviglia. Operato in estate e rientrato a gennaio, Jamarr nell’anno passato ha chiuso la seconda parte di stagione in Bundesliga, con il Telekom Bonn, partecipando alla Fiba Europe Cup e raggiungendo i Playoff.



SITUAZIONE KNIGHTS
Inizio di settimana differenziato per Maiocco, Mosley e Zanelli, ma tutti i Knights scenderanno in campo regolarmente.


ARBITRI
1° Arbitro: SCRIMA ALBERTO MARIA di CATANZARO (CZ)
2° Arbitro: WASSERMANN STEFANO di TRIESTE (TS)
3° Arbitro: AZAMI AYDIN di BOLOGNA (BO)