A2 - La Leonis Roma domina sulla Pasta Cellino Cagliari

25.03.2018 20:08 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 139 volte
A2 - La Leonis Roma domina sulla Pasta Cellino Cagliari

Il PalaTiziano si colora a festa e la Leonis non vuole rovinarla, sciorinando, davanti ai quasi 2mila spettatori presenti, una partita di grande orgoglio e carattere per tutti e quaranta i minuti della contesa. Punta nell’animo dalle ultime due brutte trasferte, la squadra di Andrea Turchetto aggredisce subito Cagliari, tenendo ad appena 68 punti segnati il secondo miglior attacco del campionato e neutralizzando il temuto trio Keene – Rullo – Stephens senza mai concedere un canestro facile. L’equilibrio dura solo i primi minuti, con le due squadre alternatesi al comando delle operazioni senza che lo scarto superi i quattro punti (14-15 con canestro di Bucarelli), ma i canestri da tre della panchina – Pierich, Venuto e Brkic in rapida successione – scavano il primo solco più o meno significativo a favore dei padroni di casa. E’ il presupposto per una fuga già definitiva, perché le mani sono caldissime sia da tre (nove triple messe a segno a metà gara), che dalla media, dove Sims è infallibile e va già in doppia cifra e il break di 14-0 a cui partecipa dai 6.75 anche Giulio Casale (48-26), viene interrotto solo da Stephens ai liberi.

 

Dopo l’intervallo e la sfilata dei partecipanti al torneo Minibasket “World Food Programme – Bambini per i bambini”, i cui disegni su come combattere la fame nel mondo sono stati esposti lungo tutte le pareti del PalaTiziano, Cagliari ci prova (51-37), ma lo scarto non scende mai al di sotto della doppia cifra. Sims, con altri due canestri in fila, scrive il +15 (59-44), cui risponde Rovatti dall’arco (61-50), ma la difesa della Leonis torna ad essere granitica può facilmente scatenarsi in contropiede. Venuto e Piazza, fermato da Keene solo con un antisportivo, recuperano tre palloni in fila, che Sims schiaccia regalando spettacolo (65-50) e Brkic concretizza dai 6.75, ripristinando all’ultima pausa le venti lunghezze di vantaggio. E’ un colpo cui Cagliari non riesce praticamente più a rispondere, di fronte all’energia e la voglia di una Leonis che, al contrario, rallenta solo sull’ultima azione, quando nel frattempo è arrivata anche a +29 (95-66). C’è tempo, infatti, per sei punti in fila del rientrato Cesana dopo l’infortunio, nonché per altre due schiacciate di Sims (su assist di Venuto e Deloach) ad alta quota, mentre Brkic e Pierich continuano a martellare dall’arco senza sosta e un combattivo Fanti deve anzitempo abbandonare la contesa per un fortuito colpo al naso. Finisce con un significativo +27 (seconda miglior prestazione offensiva della stagione) che ribalta il -6 dell’andata, un dato da non trascurare negli scontri diretti, ma quasi secondario rispetto alla ritrovata verve di una Leonis che voleva fortissimamente riscattare gli ultimi due passi falsi e non deludere le attese di un pubblico caloroso e festante: il viatico migliore in vista del decisivo rush finale di regular season.

Leonis Roma - Pasta Cellino Cagliari 95-68 (20-15, 30-17, 20-19, 25-17)

Leonis Roma:  26 (13/18, 0/3),  16 (2/3, 4/5),  14 (0/0, 4/9),  13 (4/6, 1/8),  11 (2/3, 1/4),  6 (0/0, 1/1),  3 (1/3, 0/0),  3 (0/0, 1/4),  3 (0/0, 1/1),  0 (0/1, 0/1). All. Turchetto, Ass. Di Chiara e Pasquinelli

Tiri liberi: 12 / 14 - Rimbalzi: 35 10 + 25 ( 8) - Assist: 24 ( 8)

Pasta Cellino Cagliari:  15 (5/11, 0/3),  15 (0/2, 5/8),  14 (2/4, 1/1),  7 (1/4, 1/3), 5 (1/3, 1/2),  4 (2/5, 0/1),  4 (2/3, 0/0),  2 (1/1, 0/0),  2 (1/6, 0/4). NE: . All. Paolini.

Tiri liberi: 14 / 22 - Rimbalzi: 31 11 + 20 ( 7) - Assist: 8 ( 2)

Arbitri: Vita, Bonfante e Ferretti