A2 - La Fiorentina espugna San Miniato. Niccolai: "Una vittoria che dà fiducia"

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 151 volte
A2 - La Fiorentina espugna San Miniato. Niccolai: "Una vittoria che dà fiducia"

“Una vittoria che ci dà fiducia, un risultato che ci conferma che stiamo lavorando bene, con la giusta intensità e una grande applicazione fisica e mentale; è importante che i ragazzi raccolgano in partita le giuste gratificazioni e la spinta per continuare a migliorare settimana dopo settimana”. Così Andrea Niccolai commenta a freddo il successo della Fiorentina Basket a San Miniato, il secondo successo della squadra viola.
“Domenica è stata una bella affermazione - prosegue il coach - su un campo difficile. Sapevamo dei problemi che può presentare una squadra come San Miniato. Eravamo preparati, ma ugualmente possono esserci situazioni di difficoltà, inoltre abbiamo dovuto ancora fare a meno del nostro playmaker, Alessandro Grande. Ma i ragazzi sono stati bravi a mettere in pratica quello che avevamo preparato in settimana. Sono stati attenti ad applicare il piano partita, così siamo riusciti a limitare le qualità di San Miniato. La nota migliore è stata proprio la compattezza del gruppo, soprattutto nei momenti più difficili. Sono stati bravi a rimanere concentrati, a continuare a giocare la nostra pallacanestro e a recuperare”.
La gara si è aperta con i primi due quarti in sostanziale parità. Nel terzo tempo San Miniato arriva a +8 ma lo sprint finale dei viola con Ondo Mengue, Genovese e Berti riporta il punteggio su 55-54 a fine quarto. Nell'ultima frazione il break decisivo grazie ai cambi di difesa ed un attacco bilanciato.
“Nel terzo quarto – conclude Niccolai – c'è stato un passaggio a vuoto dovuto a una serie di palle perse, un aspetto su cui dovremo certamente lavorare. Ma riuscendo poi limitare i palloni persi e con una maggior attenzione difensiva siamo riusciti a fare un contro break e nel finale siamo stati molto bravi ed efficaci nelle scelte offensive, nel trovare l'uomo libero e nel colpire, sia da fuori che in penetrazione. Come ho detto, una vittoria importante e una conferma della bontà del lavoro che stiamo portando avanti”.