A2 - Imola, Demis Cavina presenta la gara con Piacenza

30.03.2018 14:35 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 109 volte
A2 - Imola, Demis Cavina presenta la gara con Piacenza

Coach Cavina apre così la conferenza stampa:
“Non sono mai stato un grande calcolatore in termini di tabelle e non mi piace pensare ai freddi numeri,ma mancano poche partite e abbiamo necessità di puntare quello che è molto piu concreto di un sogno, dobbiamo pensare di vincere anche una partita fuori casa. Analizzando anche la partita di Bergamo e guardando le nostre ultime, è chiaro che per vincere una partita fuori casa, dobbiamo essere piu continui, più continui in difesa e più continui in attacco. Una continuità che parte certamente da una solidità che una squadra come la nostra ha raggiunto molto facilmente in casa e deve trovarla anche negli aspetti tecnico tattici, difficoltà data anche dalla giovane età che ci contraddistingue. Certamente, come ho detto con i miei ragazzi, più se ne parla, più diventa una profezia auto avverante e so anche per certo, per esperienza, quel che dobbiamo fare domani a Piacenza è pensare di avere quella giusta cattiveria agonistica che ci permetta di vincere là.”

Un accenno alla settimana:
“Abbiamo fatto una buona settimana molto intensa come sempre, abbiamo fatto una buona amichevole infrasettimanale, nonostante l’inizio di settimana non sia stato facile a livello di gestione perchè eravamo senza Penna e Simioni convocati in nazionale.
L’unica preoccupazione è stata data da uno scontro di gioco tra Penna e Bell, dove quest’ultimo ha preso una botta ad un ginocchio ma non ci dovrebbero essere problemi per il match di domani.”

E per ultimo un breve focus sull’avversaria Piacenza:” E’ una squadra che ultimamente è condizionata da tanti infortuni, sembra siano della partita Infante e Amoroso, e da un certo punto di vista ciò ci da la possibilità di accoppiarci in modo più normale con le nostre rotazioni. Se i loro due lunghi non dovessero giocare dovremmo riproporre, a livello tecnico tattico, la partita di Bergamo. I nostri avversari li conosciamo, all’andata facemmo una grande partita, non è un parquet che può far cambiare le nostre prestazioni, andiamo domani con queste convinzioni. In più vorrei che i ragazzi si togliessero questa soddisfazione perchè, davvero, se lo meritano.”