A2 - Fortitudo Bologna, Pozzecco presenta la serie con la Tezenis Verona

13.05.2018 13:20 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 531 volte
Fonte: via bologanbasket.org
A2 - Fortitudo Bologna, Pozzecco presenta la serie con la Tezenis Verona

La fortitudo Bologna torna in campo per il secondo turno dei playoff di serie A2 lunedì sera contro la Tezenis Verona (palla a due ore 20:45 al PalaDozza). Ecco le impressini di coach Gianmarco Pozzecco alla vigilia di gara 1:

”Sono soddisfatto del lavoro svolto dai ragazzi in settimana. Fisicamente stiamo bene ed è importante aver recuperato anche Chillo, che aveva giocato bene nella prima sfida degli ottavi. Siamo alla vigilia di un nuovo incrocio Playoff che, come ho già detto prima dell’inizio della serie contro Agrigento, dovrà portare tutti noi ad avere entusiasmo ma anche ad avvertire un senso di responsabilità totale per la maglia che indossiamo e per i colori che difendiamo. Dovremo avere la capacità di saperci godere al meglio tutti gli aspetti positivi e gestire al meglio quella pressione che, inevitabilmente, potrà farsi sentire su di noi in virtù del fatto che siamo la Fortitudo. Si ripartirà nuovamente da zero e Verona sarà un avversario insidiosissimo. Una squadra- quella veneta- che beneficia del grande lavoro svolto da Luca Dalmonte. Giocano una pallacanestro diversa rispetto a quella di inizio stagione e hanno gradualmente accorciato le rotazioni per stabilire precise gerarchie. In più, sono l’unica squadra che negli ottavi di finale ha passato il turno vincendo due partite consecutive in trasferta e, di conseguenza, saranno in grande fiducia. Dal canto nostro, dovremo esser capaci di mostrare da subito il nostro volto migliore, cercando di minare le loro sicurezze. Sarà una battaglia, una serie che ritengo potrà essere equilibrata e che non ha una sicura favorita in partenza. La difesa sarà ovviamente fondamentale. Nel doppio confronto in stagione regolare Verona (che negli ottavi di finale ha viaggiato a 80 punti di media) è stata tenuta a 62 punti al PalaDozza e a 54 nella gara di ritorno. Tutto partirà da lì, dal saper contenere la loro organizzazione e la loro esuberanza. Servirà grande concentrazione e collaborazione difensiva di gruppo, non soltanto energia. La difesa, con il passare degli anni, in tal senso è cambiata. Non è invece cambiato il fatto che difendendo al meglio, si possono poi trovare punti potenzialmente più facili in attacco ed è quello che noi cercheremo di fare. Dovremo bloccare i loro giochi in fase di partenza e costringerli il più possibile ad attaccare la nostra difesa schierata. Al netto di tutto però, ci tengo a ribadire una cosa: Fin da lunedì sera torneranno a contare, più di ogni altra cosa, le motivazioni che avrà ognuno di noi. Siamo pronti per una nuova battaglia’