A2 - Ecco la nuova ala americana per la Blu Basket Treviglio

01.07.2017 08:58 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 420 volte
A2 - Ecco la nuova ala americana per la Blu Basket Treviglio

La Blu Basket ha firmato questa notte Bryce Douvier, che diventa così il secondo Usa della squadra. Ala forte di 201 cm, classe ’91, 104 kg, americano di Denver, vanta un  passaporto austriaco (è infatti nato a Salisburgo, da padre cestista professionista).

Douvier arriva in Italia dalla sua prima esperienza europea nel’Ovarense Dolce Vita di coach Nuno Manarte –   FPB, la Serie A del Portogallo – dove ha concluso la passata stagione con 15,6 punti di media, col 51% da 2, il 27% da 3, l’84% ai liberi, e più di 9 rimbalzi catturati per gara, dopo essere stato in prova alla Reyer Venezia nell’estate 2016.

Bryce andrà a dar man forte ai compagni della Remer nell’area pitturata, dove si presenta come ottimo difensore, con piedi veloci, reattivo, grande presenza fisica e dotato di un apprezzabile gioco spalle a canestro; notevole anche il suo score in fase offensiva.

Dopo la High School a Sedgwick, ha disputato quattro stagioni del campionato NCAA: le prime due stagioni con la Northern Colorado e le due successive con i Texas A&M (nell’ultimo anno texano ha messo a segno più di 10 punti e catturato quasi 7 rimbalzi a partita in 23 minuti di utilizzo, tirando con oltre il 40% da tre punti).

Ecco le prime parole del presidente Gianfranco Testa, dopo la firma: “Il nostro secondo straniero, Bryce Douvier, è il giocatore giusto per il nostro sistema: determinato e grande atleta. Sarà un fattore per la nostra squadra. Il ragazzo è molto carico e vuole far bene. Ha dimostrato fin da subito di avere il piglio giusto; anche come persona è l’ideale per completare il nostro gruppo. Saprà farsi apprezzare anche dal nostro pubblico”.

Coach Adriano Vertemati ci spiega le caratteristiche tecniche: “Bryce ha le caratteristiche che stavamo cercando: atletismo e fisicità importanti per il ruolo, consistenza a rimbalzo, solidità difensiva ed un bagaglio tecnico discretamente completo che lo rende pericoloso sia fronte che spalle a canestro. Ha già un anno di esperienza in Europa nella lega portoghese, dove è stato assoluto protagonista ed ha manifestato grandissima voglia di mettersi in gioco in Italia, nel nostro campionato. Abbiamo ricevuto ampie garanzie sulla sua etica del lavoro e la sua grande ambizione a migliorare oltre che sulle sue qualità umane. Con lui possiamo ritenere completo il quintetto base”.