A2 - Anche a Forlì ci sono i punti-salvezza per l'Assigeco Piacenza

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 197 volte
A2 - Anche a Forlì ci sono i punti-salvezza per l'Assigeco Piacenza

Ormai manca davvero pochissimo al raggiungimento matematico della salvezza per l’Assigeco Piacenza. I ragazzi di coach Riva potrebbero già chiudere ogni tipo di discorso nella trasferta di sabato (palla a due alle ore 20:30) in casa dell’Unieuro Forlì, appaiata ai biancorossoblu a quota 22 al quartultimo posto della graduatoria del Girone Est di questa Serie A2 Old Wild West.

La salvezza matematica potrebbe arrivare sia in caso di vittoria sia in caso di sconfitta, ma in quest’ultimo caso Bergamo dovrebbe uscire sconfitta dal confronto con Udine.

All’andata l’Assigeco Piacenza si impose col punteggio di 92-83 dopo un tempo supplementare grazie anche ai 23 punti di Guyton e ai 22 punti con 6 triple di Sanguinetti.

Entrambe le squadre sono reduci da un buon periodo di forma: l’Unieuro ha strapazzato la Fortitudo Bologna nell’ultima giornata in un derby da sempre sentitissimo mentre l’Assigeco ha infilato due belle vittorie consecutive con Orzinuovi e Imola.

Coach Valli dispone di un roster insidioso in ogni reparto, senza un unico terminale offensivo ma dove tutti riescono a rendersi pericolosi.

L’americano Darryl Jackson, visto con la maglia dell’allora UCC Assigeco Casalpusterlengo nella stagione 2015/2016, è il miglior marcatore dei forlivesi con 17,7 punti di media a partita (41% da tre punti) e sarà, sicuramente tra gli osservati speciali della difesa dell’Assigeco.

Il playmaker israeliano Yuval Naimy, oltre a essere un temibile realizzatore (15,2 punti di media), è anche uno dei migliori assistman di tutto il girone Est (6,2 assist di media).

L’ex Verona Dane Diliegro garantisce solidità e grinta sotto canestro (miglior rimbalzista della squadra con 8,1 rimbalzi di media) integrandosi al meglio con il più tecnico e versatile Riccardo Castelli (anch’egli ex Assigeco). Il quintetto base è completato dall’ex Scandone Avellino, Giovanni Severini, nello spot di ala piccola.

Dalla panchina escono le guardie Bonacini e Fallucca, con il giovane italo-senegalese Thiam (classe  ‘98) e Quirino De Laurentiis a dare il cambio ai lunghi.

 

I ROSTER

Unieuro Forlì: 1 Diliegro, 7 Castelli, 8 Fallucca, 10 Naimy, 12 Campori, 13 Jackson, 16 Gallera, 17 Bonacini, 19 Severini, 20 Thiam, 22 Del Zozzo, 31 De Laurentiis. All: Valli.

 

Assigeco Piacenza: 1 Guyton, 2 Montanari, 4 Costa, 5 Sanguinetti, 6 Diouf, 8 Fontecchio, 9 Formenti, 10 Infante, 13 Seye, 14 Dincic, 20 Livelli, 21 Arledge, 23 Oxilia, 44 Reati. All. Zanchi.

 

INFORTUNATI E INDISPONIBILI

Qualche acciacco per Sanguinetti e Arledge, un virus intestinale ha indebolito Passera e Infante ma entrambi sono in ripresa mentre Amoroso è completamente recuperato.

 

DICHIARAZIONI DELLA VIGILIA

Coach Cesare Riva: "La bella e convincente vittoria e prestazione di domenica scorsa contro Imola ha sicuramente dato morale a tutti, giocatori, staff tecnico e ambiente. Ma siamo anche consci che l'obiettivo stagionale non è ancora centrato e che già da sabato a Forlì si innalza e non di poco l'asticella della difficoltà. I romagnoli sul proprio campo hanno un ruolino di marcia da primi delle classe e sono reduci dal brillante successo contro la Fortitudo. Sono una squadra molto solida ed organizzata che oltre ad avere tre tenori come Naimy, Jackson e Diliegro, puo' contare su un gruppo di italiani in forte crescita come Severini, De Laurentis e Falluca oltre ad una certezza assoluta come Ricky Castelli che ben conosco e apprezzo. Curioso e stuzzicante che in palio ci saranno per entrambe le squadre gli stessi obiettivi cioè la matematica salvezza e il dodicesimo posto in graduatoria".

 

Davide Reati: “Si affrontano due squadre a pari punti in classifica, ormai lontane dalla zona playoff, che però vogliono raggiungere la salvezza matematica con una vittoria senza aspettare il risultato delle altre partite. Giochiamo fuori casa quindi probabilmente partiremo da sfavoriti. Forlì ha vinto l’ultima in casa con la Fortitudo dominando la partita. Sicuramente saranno carichi e vogliosi di continuare su questo trend. Noi veniamo da due vittorie consecutive contro due squadre meno quotate di Bologna ma che comunque erano ancora in corsa per obiettivi importanti. Guardiamo con fiducia a questa partita con Forlì”.