Vittoria di prestigio per la Montepaschi contro un Barça eccellente

15.12.2011 23:58 di Umberto De Santis  articolo letto 2430 volte
Vittoria di prestigio per la Montepaschi contro un Barça eccellente

Pubblico delle grandi occasioni al Palaestra, e con il Barcellona di Navarro e Lorbek lo spettacolo è sicuro. La gara della penultima giornata di Regular Season, per quanto ininfluente sulla classifica del girone D, è un appuntamento sentito dalle due società. La Montepaschi presenta il nuovo arrivato, si fa per dire nuovo, Bootsy Thornton, il Barça è al gran completo, senza problemi. Da farlo a prenderlo: scatta Moss ma il contropiede è per Lorbek. Risponde subito Michelori e siamo già a cento all’ora. Ma per il Barcellona che infila in 2’30” un parziale di 6-0 al limite della perfezione. Al 5’ la schiacciata di Moss ferma il punteggio sul 7-13. I blaugrana sono fisicamente debordanti e sciorinano il loro miglior basket: forza e velocità. Solo Zisis appare di un altro livello 13-16, con la terza tripla imbucata, prima. Poi con i due liberi per il meno uno. Con Stonerook sale il livello difensivo e il contropiede di Rakocevic lanciato dal capitano vale il primo vantaggio Montepaschi 19-18 a 2’31” dal termine del quarto. I cambinei quintetti non scemano l’intensità, e l’applicazione difensiva di Ress è eccellente. Il Barcellona si perde il play greco che mette dentro una pregevole penetrazione per chiudere il quarto 23-20.

Vazquez schiaccia in apertura -1. Bootsy ci mette la buona volontà, ma è un poco approssimativo nell’esecuzione dei giochi, così la Mens Sana produce momenti di sterile supremazia, però il canestro è per Wallace da tre 23-25. Dopo titubanza collettiva, Ress segna da fuori per il pareggio. Aradori si batte come un leone e al 15’ porta avanti i suoi con due liberi, nell’azione seguente prende rimbalzo d’attacco e segna di nuovo. Deve rientrare Zisis perché la manovra risulta abbastanza rabberciata. Anche Huertas ci pare guidare meglio la squadra rispetto a Sada. Lorbek al 18’ +2, fisico e mano educatissima. Dopo la stoppata di Ress, è Aradori a dare spettacolo sulla sirena dei 24”, replica Huertas. Mancano 4 secondi: pochi ma sufficienti per mettere Aradori, nell’angolo destro, in condizione di sparare la tripla del vantaggio bianco verde. Al riposo lungo 36-35.

Si ricomincia con l’assist di Stonerook a Moss. Tantissima energia in campo, con Lorbek che trova il canestro. Una tripla di Navarro, a secco fino a questo momento 0/7, provoca l’allungo blaugrana 38-43 e le riflessioni di Pianigiani: l’1-7 parziale in tre minuti è troppo pesante. Andersen dà segni di risveglio, ma sotto canestro è dura: la Montepaschi regge con i falli 5-0 al 26'. Ress fa pentole in difesa e tripla in attacco. Ma Ndong prende possesso dell’area: a un minuto dalla fine 45-52. Lorbek infila due liberi per il +9, Zisis mette il tiro da fuori. Dall’altra parte del campo Eidson non perdona, la Montepaschi non trova il fallo su Zisis in attacco e al suono della sirena Lorbek spara da metà campo per il vantaggio Barça: 47-59.

L’inerzia  è per i catalani e la bomba di Eidson in avvio di periodo sembra dimostrarlo +16. Con Zisis in panchina a rifiatare, la Montepaschi infila un perentorio 7-0 con Andersen e Rakocevic. Timeout. Dalla zona pressing esce Eidson che chiude il parziale con al tripla e Rakocevic non ci sta. Gioco molto maschio, forse anche troppo, Aradori mette la bomba prima, col fallo a favore non fischiato, poi un libero sul rimbalzo in attacco 58-67. Il pressing mensanino da i suoi frutti: Huertas va nel pallone e Rakocevic lo punisce. Sulla rimessa palla persa del Barcellona, il pubblico è in piedi: ma nemmeno il quinto fallo del capitano senese ferma la squadra di casa. Nella gara più difficile il gioco di questa nuova Mens Sana prende fisionomia e personalità, ma di fronte c’è una signora squadra Campione che usa ogni mezzo per mantenere la sua supremazia. Aradori va a segno ripetutamente,  Navarro tiene i suoi avanti, però comincia a mancare ordine nelle file catalane. Alla tripla di Rakocevic per il -4. Il Barcellona si ritrova incredulo e imbambolato, contropiede per Ress con schiacciata 71-73, Pascual è arrabbiatissimo. Mickeal mette un libero, che non è sufficiente. L’ennesima botta presa sotto canestro del Barça vale il canestro di Andersen (che porta a casa anche 12 rimbalzi), ma non il libero aggiuntivo, sbagliato. La difesa Montepaschi è un muro altissimo, Ndong fa il suo quinto fallo su Aradori (miglior giocatore della partita) che mette la freccia e sorpassa a 26 secondi dalla fine. Ma questo muro, sull’azione successiva diventa invalicabile: Moss intercetta, palla a Rakocevic, fallo blaugrana, liberi e tecnico ai catalani. Tre su quattro per il serbo nelle cui mani si spegne l’ultimo pallone della gara 77-74.     

MONTEPASCHI SIENA – FC REGAL BARCELLONA 77-74 (23-20. 36-35, 47-59)

MONTEPASCHI SIENA: Zisis 16, Andersen 6, Rakocevic 21, Carraretto, Thornton, Ress 7, Michelori 2, Lechthaler, Udom, Stonerook, Aradori 20, Moss 5. All. Pianigiani
FC REGAL BARCELLONA: Sada , Huertas 4, Navarro 8, Perovic 5, Vazquez 2, Wallace 3, Ingles 3, Ndong 4, Rabaseda, Lorbek 22, Eidson 14, Mickeal 9. All. Pascual