Vedi Napoli e poi ...muori ! E' il quarto club partenopeo a saltare in quattro anni

23.10.2012 12:47 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1302 volte
Vedi Napoli e poi ...muori ! E' il quarto club partenopeo a saltare in quattro anni

In una nota della Fip che abbiamo pubblicato in altro articolo, si legge della decisione del Giudice Sportivo di escludere dal campionato di Legadue la Pallacanestro Sant' Antimo (denominazione federale del club partenopeo, nda) per il mancato pagamento della prima rata di 33 mila euro di contributi obbligatori previsti e che il club avrebbe dovuto pagare entro il 1° Ottobre. Se vogliamo dirla tutta fino in fondo, un versamento c'è stato, seppur fuori termine. Infatti, Venerdì scorso a Roma è arrivato un bonifico di 3 euro, avete letto bene, nemmeno il costo di un pacchetto di sigarette che fanno male alla salute e che ti fanno capire anche di essere stati presi in giro alla pari, come spesso avviene, di un turista in visita al capoluogo campano. Ma dietro a questa ennesima farsa c'è anche un record sulle precedenti, nessuna squadra era stata esclusa dopo sole tre giornate di campionato. Così succede che Napoli in quattro anni perde la sua quarta squadra. Un calvario iniziato nel 2008 con l'esclusione della società Maione dalla serie A per debiti e false ricevute Enpals, nel 2009 con il reatino Papalia che "trasloca" al PalaBarbuto e finisce con i ragazzini in campo finchè la Fip non lo blocca, nel 2010 c'è Cirillo che ripartito dalla B2 viene escluso dal campionato a Novembre e adesso l'ultima mazzata firmata dalla coppia Minopoli e Cesaro dopo la fusione tra la Napoli basketball e la Pallacanestro Sant'Antimo. Si parla dell' indifferenza della gente napoletana che conta, di promesse fatte e mai mantenute, ma un progetto parte quando i soldi sono in tasca e non nella testa. La squadra costruita non era male e sul campo ha sempre battagliato con le formazioni incontrate. Passato il turno di Coppa Italia a danno dei salernitani di Scafati, aveva vinto la prima di campionato affossando Verona, poi persa a tavolino per 0-20 per il "caso" del tesseramento irregolare di Ricci, una sconfitta arrivata all'extratime in Sicilia contro Barcellona sul neutro di Cefalù e un'altra domenica scorsa, perdendo di un sol punto in casa contro l' Aget Imola. E adesso? Ogni giocatore tesserato sarà libero di accasarsi dove vuole. Cosa succederà in Legadue senza Napoli ? Quest'anno c'era una sola retrocessione, l'interesse si sposterà soltanto verso l'alto per decretare chi salirà in serie A nella prossima stagione ? Oppure ci si inventerà qualcosa d'altro per non rischiare che altri club in sofferenza, senza il patema della retrocessione, lascino partire tanti giocatori risparmiando ben 7 mesi di stipendio facendo perdere interesse al campionato stesso ? Ecco, questo è il nuovo vero futuro problema da risolvere. Una cosa è certa, più andiamo avanti e più si fa il passo dei gamberi. Noi la ricetta per salvare il salvabile l' abbiamo data. Vorremmo ricordare, semmai ce ne fosse bisogno, ai sordi del palazzo che questo è il mese della prevenzione dell' udito e le visite sono anche gratuite, come gratuiti sono gli innumerevoli consigli che arrivano da tutte le parti. Ormai è una "guerra" tra poveri, solo con un po' di umiltà si potrà migliorare e ritrovare il sorriso dei tempi migliori. (rb)

(C) Riproduzione riservata