Un' Europa più equilibrata col rimpianto forte dell'Italia

13.09.2011 13:42 di Enrico Campana  articolo letto 1197 volte
Un' Europa più equilibrata col rimpianto forte dell'Italia

Nota di Enrico Campana
Tre giorni  e 6 partite fino alla finale di domenica in quel di Kaunas, la culla del basket. Lanciamo un appello alla Rai. Anche se l’Italia non c’è, acquistati i diritti degli Europei, al quali tutti  noi italiani partecipiamo,  non si comprende perché  penalizzare anche il basket con quei potenziali 3 milioni e mezzo di appassionati italiani che 20 anni fa seguirono in prime-time l’europeo romano. Non solo: l’appassionato di basket vanta un prevalente interesse internazionale,  fra le prime 8 squadre  figurano alcuni fra i migliori giocatori della NBA e dell’Euroleague e del nostro campionato,e il nostro è lo  sport indoor più seguito al mondo e delle Olimpiadi. Ferma la NBA, sottolineo ancora una volta,  l’Europeo è  l’evento dell’anno. Qualifica le due vincitrici per i Giochi e altre 4 squadre per il preolimpico. Sarebbe il minimo, più che doveroso e giusto, che l’investimento dei diritti sportivi venisse “ottimizzato”, e per una ragione in più: le telecamere di stato tornano quest’anno  a occuparsi del campionato e le giornate dell’europeo sarebbero una felice  occasione per offrire uno spot su questa novità.
Intanto anche  ieri è purtroppo caduto nel vuoto lo “strillo”  professionale del telecronista con tanto di orari specifica tecnica, diretta o differita. L’invito a seguire Slovenia-Finlandia e Russia-Fyr  supportato dall’indicazione ufficiale del menu del sito Rai Tv,  ha invece provocato nuovamente  rabbia e  perdita di tempo per coloro che  avevano programmato una giornata di buon basket . Niente da fare. Della prima gara si è afferrato purtroppo solo un lembo, per la seconda sopra la scritta Basket Campionato d’Europa, prevista in differita, ci siamo dovuti godere la vittoria della Cremonese  calcio ad Andria coi relativi commenti di fine gara. Associazioni dei consumatori avvisate, e una  domanda che aspetta una risposta: questi palinsesti ballerini non rientrano nella cosiddetta “pubblicità ingannevole”?
Da  mercoledì la lunga maratona di questo Europeo New Format (24 squadre)  si trasferisce da Vilnius a Kaunas per gli scontri diretti, vinci o perdi. I  quarti spezzettati in due giorni, incontro inaugurale ancora con la Spagna campione uscente contro la Slovenia che si è qualificata per ultima,e Lituania-Macedonia.
Calendario bislacco, quattro squadre favorite e fra loro Spagna e Lituania che sono gemellate. Mi chiedo: è solo un caso che la squadra di  sergio Scariolo, facendo uno strappo alla sua agenda di giocare solo in casa prima dell’Europeo, abbia inaugurato la Kaunas Arena poche settimane fa, con tanto di primo ministro e primate della Chiesa cattolica e relativa …batosta?. Trovo strano e ingiusto che le 4 squadre che si giocano gli altri due posti, Francia-Grecia e Russia.Serbia, specie quelle della sessione notturna abbiano meno di 24 ore di tempo per recuperare contro  un giorno in più delle colleghe.
Fra le prime 8 non ci sono la Turchia vicecampione del Mondo, la Germania, la Croazia, l’Italia (indovinello: provate a indovinare la ragione comune della delusione…). L’occidente  è da podio con Spagna e Francia, il mondo slavo  sta perdendo colpi, anche se ll’ex Jugoslavia è presenta con 3  repubbliche, delle quali due piccine. 
La Serbia manca di vero pivot e lo dimostra che il primo rimbalzista è… il play  Teodosic.  La Slovenia in attesa della maturazione di Luka Rupnik, coi sui 18 anni il più giovane partecipante di questo europeo, ha lo stesso problema e manca di un Teodosic.. La Macedonia  che si porta dietro tifosi vestiti come centurioni  è McCalebb-dipendente  avendo il moro di Sienalo stesso impatto di Parker nella Francia.
Poi c’è la Grecia che ha fatto iniezioni di sangue americano, ma manca di quattro giocatori di prima grandezza, a metà strada fra l’Est. E con questa Russia contraddittoria, unica ancora imbattuta, che però  vince con un rocambolesco tiro di tabellone allo scadere di Monya. E’ stato un  madornale errore difensivo dei macedoni non  mandare un difensore a ostacolare la rimessa sul lato corto, affidata  alla vera novità di questo europeo, il 22ednne Alecsey Shved dalle cui mani, molto simili a quelle del grande Serghei Belov, sono venuti i canestri più importanti, gli assist come  il passaggio in gancio col quale si è liberato di due difensori  per permettere a Mozgov di arrivare in volo.
Avremo tempo per parlare di questo talentuoso giocatore dal timing musicale, in grado di giocare in 3-4 ruoli anche con i suoi 1,95, un figlio del distretto di Belgorod, la città bianca vicina al confine ucraino e terra che ha dedicato una statua alla grande campionessa olimpica di ginnastica Svetlana Khorkina magari un giorno affiancata da questo  creativo con  una vista coi raggi x e che, girate le varie squadre moscovite, torna al Cska dove arrivò a soli 17 anni e sarà una delle star della prossima stagione europea.
Questa la guida dei quarti, e il pronostico di Pianetabasket.com e sotto uno studio delle 8 squadre immaginando anche la presenza dell’Italia.
Spagna-Slovenia 70-30 – Spagnoli campioni uscenti..imbattibili con la novità del due Gasol che valgono il 40-50% cento…fra Calderon e Rubio non c’è un’impronta da leader..Navarro vuole i suoi tiri, 10 non gli bastano…”Air Congo” Ibaka ha solo 22 anni e questo non è il basket che gli permette la NBA… Slovenia inferiore alle attese, fra Mirza Begic e Slokar non fanno un grande pivot, ma c’è talento fra le guardie, specie fra i due Dragic… Lavokic è il play esperto che in una giornata di contraggenio può fare pazzie…Lorbek non sta giocando bene…non hanno nulla da perdere.
Russa-Serbia 52-48 – Serbia mina vagante…gratta gratta questa Russia qualche problema ce l’ha anche se possiede un coach-talismano come David Blatt che l’ha portata al titolo (inatteso) del 2007.. ha vinto con la Macedonia segnando 63 punti (e praticamente senza la sua star Kirilenko) e con un canestro a fil di sirena, ha battuto di un 1 punto la Slovenia e di 7 la Georgia… duello fantastico, per la prima volta Teodosic trova pane per i suoi denti, questo Shved dalla mano di velluto e tecnica da manuale…chi perde rischia di non andare ai Giochi!
Fyr Macedonia-Lituania 45-55 -  Il gioco cadenzato, due super come McCalebb e  quel duro di Pero Antic, l’esperienza di Vlado Ilievski, i 2,15 di Samardzinski  trovano un brutto cliente: la Lituania  che ha saputo raggiungere con la Serbia velocità supersonica grazie al ritorno di Jasikevicius…partita  fra senesi, da un lato McCalebb e dall’altro Kaukenas e Lavrinovic risparmiato per questa gara.
Francia-Grecia 60-40  - Come gioco e qualità, pronostico a senso unico…la Grecia ha potenzialità inespresse, quattro torri, e tutto è legato a quanto il duo Zisis-Calathes riuscirà a fare in termini di gioco e punti come contrappeso allo scontato show di Parker…La Frabcia insegue da 4 anni questo momento, guai a fallire ancora una volta…
Questi i giocatori al Top delle Magnifiche Otto
Punti

22,1 Parker (Fra), 20,6 McCalebb (Fyr), 20,1 Pau Gasol (Spa), 17,2 Nowitzky (Germ), 15,9 Krstic (Srb), 13,9 Kirilenko (Rus), 13,6 Pachulia (Geo), 13,3 Koponen (Fin), 11,8 Kaukenas (Lit), 11,5 Fotsis (Gre), 11,4 E.Lorbek (Slo), 10,8 Preldzic (Tur).

Rimbalzi
10 Kaman (Germ), 8,8 Antic (Fyr), 8,5 Asik (Tur), 8,0 Sanikidze (Geo) 8 Noah (Fra), 7,4 Marc Gasol (Spa), 6,6 Begic (Slo), 6,3 Kotti (Fin),  5,8 Kirilenko (Rus), 5,3 Bourousis (Gre) e K.Lavrinovic (Lit), 4,6 Teodosic (Srb)

Assist
6,4 Teodosic (Srb),  5,3 Khryapa (Rus), 4,7 Parker (Fra), 4,5 Rannikko (Fin) 4,3 Jasikevicius (Lit), 3,9 McCalebb (Fyr) e  Schaffartzik (Germ), 3,5 R.Fernandez (Spa), 3,3 Tsintsidze 3,1 Lakovic (Slo), 2,9 N.Calathes (Gre) e Arslan (Tur).

Recuperate
2,8 Kirilenko (Rus), 2,3 McCalebb (Fyr) e Batum (Fra), 1,9 Kotti (Fin) e  R.Fernandez (Spa), 1,6 N.Calathes (Gre),  1,5 G.Dragic (Slo) e  Markoishvili (Geo),   0,9 Jsaitis (Lit), Preldzic (Tur),  0,8 Rasic (Srb),  0,6 Benzing (Germ).

Stoppate 
1,8 Kaman (Germ), 1,6 Pau Gasol (Spa), 1,5 Asik (Tur), 1,4  Mozgov (Rus), 1,3 Begic (Slo) e Koufos (Gre), 1,1 Valanciunas (Lit),  1 Samardzinski (Fyr),  0,6 Shengelia (Geo),  0,5 Kotti (Fin), Seraphin (Fra), 0,4 Krstic (Srb)

Dove sarebbero gli italiani nelle statistiche delle “Top 8”

Punti:  con 22,8 Bargnani (2° assoluto) sarebbe al 1° posto (114 totale in 5 gare)
Rimbalzi: con 7,4 Bargnani (8° posto assoluto, con Marc Gasol) sarebbe al 6° posto
Assist: con 3,2 Belinelli (24° assoluto)  sarebbe all’11° posto
Recuperate: con 1,6 Mancinelli (16° assoluto) sarebbe  6° con N.Calathes
Stoppate: con 1,6 Bargnani (3° assoluto, con Pau Gasol) sarebbe 2

[email protected]