Tornano le coppe europee, mentre la stagione del basket vola verso i momenti cruciali di primavera

11.02.2014 12:50 di Umberto De Santis  articolo letto 1272 volte
Tornano le coppe europee, mentre la stagione del basket vola verso i momenti cruciali di primavera

Foxtown Cantù e Grissin Bon Reggio Emilia riaprono stasera  i giochi e le attenzioni sul basket continentale, rispettivamente in Eurocup e in Eurochallenge, per una lunga quattro giorni che si chiuderà con la trasferta dell'EA7 a Barcellona il prossimo venerdì. Dal weekend dedicato a molte delle Coppe Nazionali l'Eurocup esce rafforzata e qualificata, potendo godere nella sua manifestazione della presenza di tre fresche vincitrici come il Banco Sardegna Sassari in Italia, la Stella Rossa in Serbia e il Pinar Karsiyaka in Turchia, mentre il Kazan di Trinchieri ha guadagnato la semifinale del torneo russo in cui incontrerà la vincente di Khimki-Saratov, mentre sull'altro lato del tabellone si affronteranno le due di Euroleague CSKA e Kuban. Intrigante il fatto che in finale si potrebbero incontrare una squadra di Euroleague contro una di Eurocup, il che la dice lunga sul livello di competitività del basket in Russia.

Nonostante l'emergenza Reggio Emilia deve continuare nel suo trend positivo, visto che un risultato di prestigio in Coppa è sempre un buon viatico anche per le sponsorizzazioni. In fondo anche la Siena di questo millennio cominciò con una Saporta l'avventura che ancora domenica l'ha vista disputare l'ennesima finale. Cantù è senza scelta, vista la classifica: deve vincere contro i campioni di Francia del Nanterre per alimentare le residue speranze di qualificazione: una impresa possibile, dovendo ribaltare anche la leggera differenza canestri dell'andata che finì 88-84. Andare poi con il morale a mille a rovesciare le sorti in casa dell'Ulm sarebbe veramente un miracolo sportivo.

E di miracoli ha bisogno anche la Montepaschi Siena che, in caso di sconfitta a Khimki domani sera, perderà ogni probabilità di superamento del turno. Perchè poi c'è bisogno che il Nymburk superi il Maccabi Haifa, che giocheranno in contemporanea: se vinceranno gli israeliani i discorsi sul passaggio al turno successivo saranno inutili. La Dinamo Sassari invece scenderà in campo ad Ankara, dove il suo principale nemico sarà la concentrazione da recuperare dopo un weekend da leggenda. L'Aykon TED perse in Sardegna con 36 punti di scarto, ma ha vinto le tre gare successive: situazione fluida, molto aperta, probabilmente sarà decisiva la sfida interna la prossima settimana contro il Brose Bamberg.

E di concentrazione ha ovviamente bisogno la formazione-guida dell'Italia in Europa, l'EA7 Milano. Fiumi di inchiostro e di files si sono sprecati sulla sconfitta nel quarto di finale, c'è da metabolizzare l'amarezza descritta da Luca Banchi e da rinnovare entusiasmo per ripartire: niente come una bella vittoria a Barcellona potrebbe rimediare a una brutta situazione psicologica. Di fronte a Gentile e compagni scenderà però un team che l'ha vissuta ancor più grossa la delusione. Dopo 40 minuti di battaglia sportiva autentica i blaugrana si sono dovuti arrendere al buzzer beater di Sergio Llull. Una mazzata incredibile! Il Barcellona nelle Top 16 è tuttora imbattuto, ma i contraccolpi psicologici che sono entrati a far stabilmente parte dei "dettagli" che fanno vincere o perdere una gara ai massimi livelli, sono ancora tutti da esplorare e verificare. ne sapremo di più venerdì sera.