Top 16 Eurolega, 10ª giornata: la Montepaschi non passa a Mosca

Al Basketball Center of Moscow Region gli uomini di coach Banchi viaggiano a corrente alternata e si devono arrendere 78-71
08.03.2013 18:45 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 674 volte
Fonte: www.menssanabasket.it
Top 16 Eurolega, 10ª giornata: la Montepaschi non passa a Mosca

Una Montepaschi incerottata tiene botta al Basketball Center of Moscow Region, non mollando mai la partita, neppure quando il Khimki sembrava poter surclassare a suon di canestri una Mens Sana che certo non si era presentata al meglio in questa partita. Priva di Hackett e Ress fin dall’inizio e con Eze che dopo pochi minuti si è trovato costretto ad alzare bandiera bianca, la squadra di Luca banchi rincorre per 40 minuti con scarti variabili, dal -19 al -5, dando la possibilità nel finale di poter quantomeno tenere la differenza canestri.

L’inizio di partita è di marca moscovita, con Loncar scatenato e con Siena che invece fa un po’ di fatica a trovare la via del canestro, anche se Kangur fa vedere a tutti che dalla distanza ci sa fare. Ma è quando si mette in partita Bobby Brown, che la Mps dà la sensazione di potersela davvero giocare e pur rincorrendo sempre, chiude il primo quarto a -5 (25-20).

La seconda frazione comincia invece in salita per la squadra di Luca Banchi, per “colpa” principalmente di Planinic, che segna e fa segnare, portando i suoi in vantaggio in doppia cifra ed addirittura a +15 poco dopo la metà del tempo. Ma nel momento di massima difficoltà la Mps trova la forza di reagire e punto dopo punto prova a riavvicinarsi, fino al canestro a fil di sirena di Bobby Brown, che di tabella manda le due squadra al riposo lungo con 7 lunghezze di differenza (44-37).

La Mps è viva anche in avvio di terza frazione, e vuole fortemente rimanere in scia dei padroni di casa, che con Rivers e Davis trovano con buona continuità la via del canestro. Ma i biancoverdi non mollano un centimetro e dopo diversi minuti con scarti “fissi”: -7 e -9, l’inerzia viene spezzata da Siena che arriva a -5, prima del 5-0 Khimki che manda le due squadre all’ultimo miniriposo sul 64-54, grazie alla tripla allo scadere di KC Rivers.

Il Khimki vola via nel punteggio ad inizio ultima frazione con il solito Rivers ed approfittando anche del riposo concesso a quella che in realtà dovrebbe essere la stella della squadra, ovvero Zoran Planinic. E’ ancora Rivers a fare la differenza, ben coadiuvato dai lunghi, Loncar e soprattutto Davis, che anche in difesa si fa sentire stoppando i tentativi di lay up dei biancoverdi. La Montepaschi però dimostra ancora una volta di avere la pelle dura e dopo aver subito un parziale di 14-0, risponde con 0-8, che riporta i biancoverdi a -9 a 3 minuti dalla fine. Si gioca anche per la differenza canestri, che vede i senesi avanti di 6 lunghezze in virtù dell’82-76 dell’andata al PalaEstra. A 18 secondi dalla fine sul 78-71 Kangur sbaglia una tripla aperta, Ortner manca la correzione da mezzo metro e Rivers subisce fallo. Dalla lunetta fa 0/2, dando così a Siena la possibilità, segnando, di mantenere la differenza canestri. L’ultima azione è buona, con Janning che ha lo spazio per sparare da oltre l’arco, ma la palla non entra. Finisce 78-71, per Siena dunque oltre al danno (la sconfitta), anche la beffa, con i russi che in caso di arrivo (a due) a pari punti, si troverebbero avvantaggiati. 

KHIMKI MOSCA – MPS SIENA  78-71  (25-20; 44-37; 64-54)

KHIMKI: Augustine 4, Fridzon 8, Koponen 3, Vyaltsev 6, Loncar 8, Rivers 19, Monia 4, Khvostov 2, Zhukanenko n.e., Planinic 6, Davis 18, Nielsen n.e.. All. Kurtinaitis.

MPS: Brown 17, Eze, Carraretto 5, Rasic 6, Kangur 12, Sanikidze 6, Ortner 11, Lechathaler 2, Janning 8, Moss 4. All. Banchi.