Thornton regala la vetta a Sassari. Avellino inanella la quarta vittoria, la Virtus ferma Reggio Emilia. Montegranaro e Caserta mettono in crisi Brindisi e Siena

Sassari vince il big match della 23ª giornata a 2" dal termine. Varese protesta per due infrazioni nell'ultima azione di gioco dei sardi. La Virtus sorride con Pullen e Poeta. Avellino vede la salvezza.
 di Matteo Marrello  articolo letto 1036 volte
Thornton regala la vetta a Sassari. Avellino inanella la quarta vittoria, la Virtus ferma Reggio Emilia. Montegranaro e Caserta mettono  in crisi Brindisi e Siena

Ottava giornata di ritorno che va in archivio con l’Olimpia Milano che non pare né carne ne pesce dopo l’inatteso ko casalingo contro la Vanoli. Fa sempre più sul serio invece l’Acea Roma di Calvani che dopo la vittoria su Venezia si conferma al terzo posto in classifica, con la voglia di stupire ancora. Nel mezzogiorno del Pianella, Cantù regola Pesaro dopo una partita ben poco spettacolare. La partenza a razzo è la chiave del successo dei brianzoli che concedono il primo canestro alla Scavolini Banca Marche solo dopo 7' minuti con Crosariol. Tra le fila biancoblu si rivede un promettente Jerry Smith che chiude il match con 15 punti a referto. Bene anche Leunen che firma solo 6 punti ma raccoglie 12 rimbalzi. Pesaro è molto imprecisa al tiro e chiude con 14/33 da due e 9/27 da 3. Partenze a razzo anche per Virtus Bologna e Juvecaserta. I felsinei si aggiudicano il derby emiliano interrompendo a cinque la striscia positiva della Trenkwalder. Il primo quarto chiuso sul 24-11 la dice lunga sull’approccio difensivo della V nera, presa per mano da Pullen, Poeta e Gaddefors nei momenti cruciali della sifa. Caserta annichilisce una Montepaschi in crisi di risultati, con un grande ultimo quarto di Mavraides che firma 11 punti probabilmente decisivi per la permanenza dei campani nella massima serie. Ha di che sorridere anche Avellino che sembra non fermarsi più e passa a Biella grazie ad un stratosferico Nikola Dragovic autore di 25 ppunti con 7/9 dall’arco, coadiuvato da Spinelli con 11 punti e 4 assist. Montegranaro si rialza e piega l’Enel Brindisi che torna a casa dalla doppia trasferta marchigiana a mani vuote, collezionando il quarto ko di fila. Decisivo è un terzo quarto dove i gialloblu non fanno trovare la via del canestro agli avversari per oltre 5’ scappando a +20. Grande prova dell’ex capitano Fabio Di Bella con 14 punti ed 8 assist all’attivo. Sassari si regala la testa della classifica contro la Cimberio. La sfida al vertice viene decisa da un canestro di pregevole fattura di Bootsy Thornton, anche se la squadra di Viticci recrimina per una infrazione di piede di Vanuzzo ed un passi di Drake Diener proprio nell’azione decisiva. Match comunque equilibratissimo ed assai emozionante. Sicuramente lo sport più bello attualmente per il basket di casa nostra. Dopo i primi 20’ terminati in parità, sono gli ospiti a tentare la fuga. Dunston fa il vuoto sotto i tabelloni, ma è Drake Diener a caricarsi la compagine isolana sulle spalle con punti ed assist che rimettono ogni cosa in discussione. Si arriva così al finale punto a punto sul 74-72 per Sassari: Dunston può pareggiare ma fa 1/2 , Sabota recupera il rimbalzo ed il pivot della Cimberio può firmare il sorpasso, ma nel convulso e contestato finale Drake Diener riesce a servire Thornton che fa impazzire il pubblico del PalaSerradimigni.

Risultati:
Acea Roma-Umana Venezia 74-69

EA7 Emporio Armani Milano-Vanoli Cremona 78-81

Lenovo Cantu'-Scavolini Banca Marche Pesaro 74-62

Oknoplast Bologna-Trenkwalder Reggio Emilia 82-74

Juve Caserta-Montepaschi Siena 72-64

Angelico Biella-Sidigas Avellino 72-77

Sutor Montegranaro-Enel Brindisi 93-86

Banco di Sardegna Sassari-Cimberio Varese 76-75
 

Classifica: Sassari e Varese 36; Roma 32; Cantù 30; Siena e Milano 28; Reggio Emilia 26; Venezia 22; Caserta e Brindisi 20; Cremona 18; Bologna*, Montegranaro e Avellino* 16; Pesaro 12; Biella 10.

*una partita in meno.