Reggio vince e raggiunge Milano in vetta, ma trattiene il respiro fin dopo la sirena

07.12.2015 00:31 di Gloria Tedeschi  articolo letto 1311 volte
Reggio vince e raggiunge Milano in vetta, ma trattiene il respiro fin dopo la sirena

SERIE A. Una partita da lasciare senza fiato quella tra la Grissin Bon Reggio Emilia e l’EA7 Emporio Armani Milano.

La Pallacanestro Reggiana vince per 74-72 dopo una gara decisamente intensa che ha visto i milanesi rincorrere per buona parte del tempo.

 

Il primo quarto si apre con la Grissin Bon al comando e un Kaukenas infallibile dai 3 punti. La difesa è solida e anche Pechacek riesce ad esprimersi bene e a dare il suo contributo in più di un’azione. I Milanesi, guidati da Cancellieri, a causa dell’assenza del coach Repesa, faticano ad ingranare e dopo 10’ la formazione di casa domina per 21-8.

 

Il secondo quarto vede ancora in testa Reggio. Milano tenta di dare una svolta alla partita, ma a parte Simon che riesce a dare un minimo di continuità, si arriva all’intervallo sul + 8 per i biancorossi di Menetti (33-25).

 

Si riprende il gioco con Reggio ancora superiore in difesa, anche grazie al lavoro incessante della coppia Silins - Vereemenko e a un De Nicolao che offusca nettamente l’ex Cinciarini.  Milano, tuttavia, sembra essere tornata in campo più determinata e in poco tempo riduce il divario con un gran lavoro in attacco del solito Simon e di un nervoso Gentile. I minuti trascorrono con un testa a testa senza esclusione di colpi: Cinciarini inizia a tirare da 3 ma De Nicolao risponde con la stessa moneta. Negli ultimi minuti è Della Valle a prendere in mano la situazione, riportando Reggio sul +4 (50-46).

 

All’interno del palazzetto gli animi si scaldano, soprattutto tra il pubblico e Gentile. Milano tenta di scappare ma la Grissin Bon le resta col fiato sul collo. A 7’’ dalla fine arriva il fallo di De Nicolao sul tiro da 3 di Cinciarini: si va in lunetta ma l’ex della Pallacanestro Reggina sbaglia (2/3). Gentile ferma il cronometro commettendo fallo su Della Valle che, con sangue freddo, ne mette 2/2. Reggio ora è a +3 a 39 centesimi dalla fine ma, un infelice fallo di Silins su Gentile, porta il giocatore in lunetta. Alessandro fallisce il secondo e sbaglia volutamente il terzo, Hummel lotta a rimbalzo e segna sul fischio della sirena.

Gli arbitri corrono all’instant replay, mentre al Pala Bigi cala un silenzio tombale. Lamonica sentenzia: non valido! Si riprende a respirare e si scatena il tifo.

 

Grande assente della serata: il play Stefano Gentile, fermo da ieri per una contrattura alla schiena.

 

 

TABELLINO

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Aradori 8, Bonacini n.e., Polonara 2, Lavrinovic 8, Della Valle 9, De Nicolao 17, Pechacek 2, Vereemenko 11, Kaukenas 9, Silins 10, Gentile n.e.

Allenatore: Menetti

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO: McLean 6, Lafayette 8, Gentile 18, Amato n.e., Cerella, Macvan, Magro, Cinciarini 12, Jenkins 5, Hummel, Barac 6, Simon 17.

Allenatore: Cancellieri.

 

Parziali: 21-8; 12-17; 17-21; 24-26

Arbitri: Lamonica, Mattioli, Ursi.