Reggio Emilia si ritrova nell'ultimo quarto e supera Cantù all'overtime

17.10.2015 22:20 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1743 volte
Reggio Emilia si ritrova nell'ultimo quarto e supera Cantù all'overtime

L'Acqua Vitasnella non si sente la vittima sacrificale della squadra più in forma in questo momento del campionato di serie A Beko. Brady Heslip ne interpreta una certa spavalderia che mette in soggezione Reggio Emilia, incapace di esprimersi come in altri momenti, mancando in leadership con le sue guardie. Il dinamismo dei canturini li porta a chiudere il primo quarto sul 23-26, per la soddisfazione di Corbani e con il canadese Heslip in doppia cifra con 13 punti. Il vantaggio galvanizza gli ospiti che addirittura allungano, mentre il solo Aradori tiene un atteggiamento soddisfacente e Lavrinovic appare troppo macchinoso.

All'intervallo il 40-53 esprime propiro il divario tra le due formazioni, con Aradori fermo a 8 punti, ma Heslip a quota 23. L'auspicato cambio di passo per la formazione di Menetti non arriva nel terzo periodo. L'inerzia è tutta per Cantù che trova contributi da quasi tutti i giocatori che si alternano in campo vincendo nettamente a rimbalzo ce garantiscono molti secondi tiri. il 54-71 con cui si va all'ultimo miniriposo è impietoso per i reggiani che hanno difficoltà a trovare il canestro, nonostante diversi liberi a favore.

Kaukenas e Polonara rientrano in campo con un atteggiamento diverso e la squadra ne beneficia immediatamente: un parziale mitico di 19-4 in sette minuti, che porta in doppia cifra di punti anche Lavrinovic, rimette 73-75 Reggio Emilia a contatto con la Pallacanestro Cantù. Langston Hall fa respirare per un attimo i suoi, ma Lavrinovic trova il fallo di Abass e due liberi; poi la tripla di Silins mette avanti la Grissin Bon 84-81. Wojciechowski però sempre dal'arco pareggia 84-84 quando siamo entrati nel minuto finale, ma prima silins poi Abass falliscono il tro della vittoria.

Darius Lavrinovic si erge a inteprete principale della gara con 5 punti in fila; Heslip perde palla e Kaukenas castiga da par suo: l'abbrivio lancia la Grissin Bon dopo 3' di supplementare. Cantù non ce la fa più, Aradori perfeziona il vantaggio dei padroni di casa portando il break sul 9-0. LaQuinton Ross e l'orgoglio degli ospiti sospingono l'Acqua Vitasnella a un parziale recupero, anche heslip torna a segnare 93-89. Aradori chiude il break, ma la tripla di Ross 95-92 rimette tutto in gico nei secondi finali. Il fallo di Hall su Lavrinovic rimanda in lunetta il lungo lituano che non trema 97-92, rendendo inutile il tentativo, comunque fallito, di Ross con una tripla sulla sirena.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA  97 - ACQUA VITASNELLA CANTU’ 92

(23- 26, 40- 53, 54- 71, 84- 84)

ACQUA VITASNELLA CANTU’: Berggren 9, Abass 4, Heslip 30, Laganà 6, Ross 18, Zugno ne, Nwohuocha ne, Wojciechowski 10, Cesana 1, Hall 7, Tessitori, Hasbrouck 7. All. Corbani.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Aradori 17, Polonara 13, Lavrinovic 24, Della Valle 6, De Nicolao 7, Pechacek, Veremeenko 9, Kaukenas 12, Silins 6, Lever ne, Gentile 3. All. Menetti.

Arbitri: Sahin, Bettini, Morelli.