Playoff Serie A: Roma non fa la "stupida". Azzannata Reggio Emilia. Serie sull'1-1

I ragazzi di Calvani sfoderano una reazione maiuscola dopo il ko in gara-1 ed umiliano la Trenkwalder di coach Menetti. Datome stratosferico (20 punti. Ora la serie si sposta nella città del tricolore
 di Matteo Marrello  articolo letto 918 volte
Gigi Datome
Gigi Datome

Sembra proprio la colonna sonora più appropriata quella del compianto maestro Trovajoli per commentare gara-2 tra l’Acea e la Trenkwalder. Roma, pur priva di Jordan Taylor (frattura del setto nasale e Gani Lawal (problemi alla caviglia sinistra), non fa la “stupida” come è accaduto nella prima sfida. Prende tutte le stelle più brillarelle che ha e le fa vedere alla squadra di coach Menetti che regge mentalmente per soli 8 minuti per poi sparire dal campo. L’inizio ospite non è dei peggiori, infatti ai liberi di Datome e Bobby Jones rispondono dalla distanza Taylor (Donell) e Slanina. (4-6) al 3’. Czyz firma il 10-8 da sotto due minuti più tardi,a ma è Troy Bell a sorpassare nuovamente i capitolini con una nuova tripla. Un Datome in formato NBA impatta e Goss spinge sull’acceleratore trovando dai 6.75 il 16-13 all’ottavo minuto. Reggio cerca il bersaglio anche recuperando tre rimbalzi offensivi consecutivi ma non lo trova e smette di fatto di giocare.  Un parziale di 15-1 in quattro minuti firmato  D’Ercole-Goss e Lorant porta l’Acea a +17 (31-14) Taylor al 13’ segna da 3, ma Datome lo ripaga immediatamente con la stessa moneta salendo a quota 12 come bottino personale. Al 15’  i giallorossi doppiano gli avversari ancora con Datome (39-18) Ad un minuto dall’intervallo c’è gloria dalla distanza anche per Lorant che firma di tabella il 46-22. D’Ercole sulla seconda sirena sigla il +26 sul 50-24. Partita di fatto in ghiaccio. Nella seconda frazione di gioco i capitolini si limitano ad amministrare il forte vantaggio acquisito, arrivando comunque a sfiorare i 30 punti di vantaggio. Da segnalare in casa Acea gli 11 minuti in campo per la bandiera Alessandro Tonolli ed i 14 minuti (con 4 punti e 2 assist) per il giovane play classe ’94 Matteo Tambone. Finale, Acea batte Trenkwalder 82-58. Serie sull’1-1. Da Lunedì stesse facce, stesso ciance di passare il turno, diverso lo scenario: ci si sposta in Emilia al PalaBigi di Via Guasco.

Acea Roma - Trenkwalder Reggio Emilia 82-58 (23-14, 27-10, 17-19, 15-15)
Acea Roma: Goss 13, Jones 11, Tambone 4, Tonolli, Gorrieri, D’Ercole 7, Datome 20, Bailey 2, Guagliardi 3, Czyz 8, Lorant 14. N.e.: Lawal. All.: Calvani.
Trenkwalder Reggio Emilia: Jeremic 8, Taylor 13, Brunner 3, Antonutti 10, Bell 12, Veccia, Filloy, Slanina 6, Cervi, Silins, Cinciarini 6.All.: Menetti.
Arbitri: Taurino, Weidmann, Sardella.