Playoff Serie A: Roma non fa la "stupida". Azzannata Reggio Emilia. Serie sull'1-1

I ragazzi di Calvani sfoderano una reazione maiuscola dopo il ko in gara-1 ed umiliano la Trenkwalder di coach Menetti. Datome stratosferico (20 punti. Ora la serie si sposta nella città del tricolore
11.05.2013 23:15 di Matteo Marrello  articolo letto 938 volte
Gigi Datome
Gigi Datome

Sembra proprio la colonna sonora più appropriata quella del compianto maestro Trovajoli per commentare gara-2 tra l’Acea e la Trenkwalder. Roma, pur priva di Jordan Taylor (frattura del setto nasale e Gani Lawal (problemi alla caviglia sinistra), non fa la “stupida” come è accaduto nella prima sfida. Prende tutte le stelle più brillarelle che ha e le fa vedere alla squadra di coach Menetti che regge mentalmente per soli 8 minuti per poi sparire dal campo. L’inizio ospite non è dei peggiori, infatti ai liberi di Datome e Bobby Jones rispondono dalla distanza Taylor (Donell) e Slanina. (4-6) al 3’. Czyz firma il 10-8 da sotto due minuti più tardi,a ma è Troy Bell a sorpassare nuovamente i capitolini con una nuova tripla. Un Datome in formato NBA impatta e Goss spinge sull’acceleratore trovando dai 6.75 il 16-13 all’ottavo minuto. Reggio cerca il bersaglio anche recuperando tre rimbalzi offensivi consecutivi ma non lo trova e smette di fatto di giocare.  Un parziale di 15-1 in quattro minuti firmato  D’Ercole-Goss e Lorant porta l’Acea a +17 (31-14) Taylor al 13’ segna da 3, ma Datome lo ripaga immediatamente con la stessa moneta salendo a quota 12 come bottino personale. Al 15’  i giallorossi doppiano gli avversari ancora con Datome (39-18) Ad un minuto dall’intervallo c’è gloria dalla distanza anche per Lorant che firma di tabella il 46-22. D’Ercole sulla seconda sirena sigla il +26 sul 50-24. Partita di fatto in ghiaccio. Nella seconda frazione di gioco i capitolini si limitano ad amministrare il forte vantaggio acquisito, arrivando comunque a sfiorare i 30 punti di vantaggio. Da segnalare in casa Acea gli 11 minuti in campo per la bandiera Alessandro Tonolli ed i 14 minuti (con 4 punti e 2 assist) per il giovane play classe ’94 Matteo Tambone. Finale, Acea batte Trenkwalder 82-58. Serie sull’1-1. Da Lunedì stesse facce, stesso ciance di passare il turno, diverso lo scenario: ci si sposta in Emilia al PalaBigi di Via Guasco.

Acea Roma - Trenkwalder Reggio Emilia 82-58 (23-14, 27-10, 17-19, 15-15)
Acea Roma: Goss 13, Jones 11, Tambone 4, Tonolli, Gorrieri, D’Ercole 7, Datome 20, Bailey 2, Guagliardi 3, Czyz 8, Lorant 14. N.e.: Lawal. All.: Calvani.
Trenkwalder Reggio Emilia: Jeremic 8, Taylor 13, Brunner 3, Antonutti 10, Bell 12, Veccia, Filloy, Slanina 6, Cervi, Silins, Cinciarini 6.All.: Menetti.
Arbitri: Taurino, Weidmann, Sardella.