PLAY OFF GARA 4: Siena è un highlander. Reggio si deve arrendere. La serie va alla quinta

Siena sbanca Reggio Emilia 81-85 e si regala la bella in casa. L'identità della quarta semifinalista s conoscerà solo mercoledì.
26.05.2014 23:17 di Matteo Marrello Twitter:   articolo letto 1331 volte
PLAY OFF GARA 4: Siena è un highlander. Reggio si deve arrendere. La serie va alla quinta

Reggio Emilia per chiudere e tornare tra le prime quattro del massimo campionato dopo ben 16 anni. Siena per non chiudere anticipatamente una stagione agrodolce. Dolce in campo con il secondo posto in regular season, ma assai amara per le ormai note vicende societarie.
La quarta sfida dei quarti di finale playoff tra gli emiliani ed i toscani si apre con un canestro di Ortner nel cuore dell'area, Siena è maestra nella circolazione di palla ed apre la scatola con Haynes che infila lo 0-5. Kaukenas accorcia dalla lunetta ma Siena punisce ancora dall'arco con Carter, che un minuto dopo trova l'undicesimo punto. Menetti si rifugia in un time-out ma la musica cambia poco, 4-13 al 4'.
Haynes si guadagna 3 tiri liberi e a volare Siena sul +12, White tenta un reazione che il recuperato Ortner spegne sul nascere. Al 7' Jenning in entrata tiene i biancoverdi a +10, Gigli e White fanno la loro parte  ma Hunter si fa sempre trovare al posto giusto nel momento giusto. Green e Haynes infieriscono da 3 punti e la squadra di Crespi chiude il primo mini intervallo sul 23-35.
White in post basso accorcia a 10 le lunghezze di ritardo reggiane, che diventano 7 con una gemma di Silins, fotocopiata 2 minuti piú tardi. Il vero animo incendiario del Pala Bigi è Ariel Filloy, che infila l'ennesimo siluro dalla distanza guadagnandosi un aggiuntivo che porta il punteggio in parità dopo 4 minuti. Siena è ferma e White martella ancora per un 14-0 di parziale, capace di rimettere tutto in discussione. L'equilibrio si torna a spezzare a circa 2' dall'intervallo con Haynes, sull'altra sponda Filloy sfodera la mano vellutata per far rimanere in scia la Grissin Bon. Kaukenas trova il pareggio dalla lunetta e Bell, servito dall'ottimo filloy, sigla il nuovo vantaggio reggiano dopo i primi 20' di gara. 52-49 all'intervallo.
Terzo quarto che si apre con uno sfondamento fischiato a Carter, le due squadre oramai si conoscono e si sfidano a viso aperto. Cervi porta la squadra di coach Menetti a +5 non tralasciando la fase difensiva, dove è bravo a chiudere ed arpionare rimbalzi. White con una piroetta incanta il pubblico di casa, che incita sempre piú forte i propri beniamini. Dopo 5' Siena non ha ancora trovato la via del canestro e Crespi prova a riordinare le idee ai suoi ragazzi. Al 27' il protagonista è Ariel Silins: prima infila la bomba del +9, poi commette fallo su Green oltre l'arco dei 6,75 protesta e si prende un tecnico. Siena è ancora viva e pareggia con lo stesso Green a 1' dalla sirena e chiude avanti con i liberi di Viggiano per il 66-68 finale.
Nelson allarga la forbice penetrando nell'area reggiana e la Monte Paschi torna a due possessi di vantaggio. Cinciarini confeziona un gioco da 3 punti ed un attimo dopo si vede fischiare il quarto personale. In campo sale l'agonismo e la fisicità e la caparbietà di Kaukenas fa a trovare ai biancorossi il nuovo vantaggio al 34'. Carter, con 2 triple, fa sognare i compagni e la curva ospite, Nelson raccoglie un pallone nel pitturato e lo deposita per il 77-80 a 2' dal termine, seguito dal siluro di Haynes che porta a +6 la squadra di Crespi. Reggio tenta un ultimo disperato assalto e con Bell si porta a -2 ad 1 giro di lancetta. Sul successivo attacco Haynes sbaglia in penetrazione, Nelson è puntuale e sigla l'81-85, che chiude la contesa rimandando il verdetto a gara 5. La quarta semifinalista uscirà solo mercoledì sera dal PalaEstra.