NBA - Finals La rabbia di James, il calore della Q-Arena: i Cavaliers sono tornati! (2-1)

09.06.2016 07:13 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 1104 volte
NBA - Finals La rabbia di James, il calore della Q-Arena: i Cavaliers sono tornati! (2-1)

Due giorni a discettare se finalmente Lue avrebbe deciso di dare spazio a Channing Frye per sostituire l'infortunato Kevin Love, ed ecco la mossa a sorpresa: in posizione di quattro viene schierato LeBron James, con l'inserimento del veterano Richard Jefferson nel ruolo di ala piccola. Invece di rallentare il ritmo con Mozgov e tornare alle vecchie teorie di David Blatt ecco un quintetto ancora più veloce, leggero e in grado di esaltare il contropiede come fa James sfruttando l'alley-oop di Irving due secondi dopo aver rischiato di cadere in terra rovinosamente.

Primo e terzo quarto di marca Cavaliers, con Golden State a lunghi tratti sorpresa e quasi inebetita di fronte a tanta rinnovata energia. Harrison Barnes, cambiato dirimpettaio, trova una delle sue migliori serate balistiche della stagione ma è un piccolo vantaggio per i Warriors che non compensa quanto la velocità di Cleveland, che lascia stupefatti i 20.000 della Quicken Loans Arena e i tanti espertoni della NBA, riesce a produrre.

Proprio Jefferson piazza la tripla del 9-0 in apertura gara; il break è imbarazzante col 30-10 al 10'. Green contro James viene limitato nella sua efficacia, e Barnes produce più di Curry che realizza i primi due punti a 4' dall'intervallo lungo. La striscia di otto punti di Klay Thompson riavvicina sotto la doppia cifra Golden State ma è un attimo: si va al riposo con un netto 51-43. Nel terzo periodo, con JR Smith che nel frattempo ha ritrovato la voce nel tiro da tre punti clamorosamente mancato a Oakland, la progressione dei Cavs è costante e il vantaggio di +20 dopo 36' puzza già di resa anticipata.

Si torna in campo per l'ultima fatica e due triple di Shumpert e Smith chiudono di fatto la contesa. Finisce senza gloria per Golden State con 32p+11r di James, 30 di Irving, 20 di Smith, 14p+13r di Tristan Thompson per Cleveland; 19 di Curry, 18 di Barnes, 11 di Iguodala, 10 di Klay Thompson per i Warriors.