Milano, quando c'è Laboral fa sciopero! San Emeterio batte San Sergio Scariolo

 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 823 volte
Milano, quando c'è Laboral fa sciopero! San Emeterio batte San Sergio Scariolo

Cade anche Milano e lo fa in modo strano, possiamo capire che la Spagna e gli spagnoli debbano riconoscenza al loro CT della nazionale, ma che Scariolo "regali" loro Bourousis tenendolo in panchina (con 4 falli) fino a 3 minuti e rotti dalla fine con la sua squadra finita sotto di 10 punti, un giorno ce lo dovrà spiegare. Perdere per perdere, tanto valeva rischiarlo prima, perché se ha avuto il coraggio di tenerlo in campo nel terzo quarto con 3 falli (per poi toglierlo al quarto ovviamente), doveva avere lo stesso coraggio di gettarlo nella mischia prima che i biancorossi si suicidassero. Il coach bresciano non è riuscito a strofinare bene Lampe e si è ritrovato ben presto a fare i conti anche con il serbo Bjelica, San Emeterio, Nocioni (prima di farsi male) e tutto il resto della Banca del lavoro di coach Dusko Ivanovic, montenegrino doc. L' EA7 Emporio Armani sembra che goda a farsi del male da sola e, comunque, come ha perduto al Mediolanum Forum (come son brutte quelle tribune interamente vuote), può benissimo rifarsi alla Fernando Buesa Arena di Vitoria (15.000 posti) che Scariolo conosce molto bene, dove sicuramente le tribune non saranno altrettante vuote di tifosi rossoblu (è stato prima il loro coach e poi "nemico" con il Real). La classe operaia del Basconia è andata in Paradiso e si porta a casa la prima vittoria in questa serie, Milano si ferma a quota 5 vittorie consecutive (tra la passata stagione e questa). Con la formazione basca nei confronti diretti è un secco 0-3. Dimenticavamo, Milano perde anche l'imbattibilità stagionale del suo campo.(rb)

La cronaca

PRIMO TEMPO - L’Olimpia parte fortissimo, dopo un gioco da tre punti completato da Keith Langford è avanti 7-2. La risposta del Caja Laboral è forte, così scatta un 6-0 che porta avanti i baschi prima della tripla dall’angolo di Omar Cook. Il momento più difficile coincide con una tripla di Maciej Lampe che vale il 15-10 Baskonia, anche se Langford risponde subito con un’altra tripla e Nic Melli pareggia a quota 17 con un altro canestro da tre punti. L’ingresso di Alessandro Gentile varia un po’ l’attacco: penetra due volte, prende un fallo (segna un libero) e poi segna di forza per il 19-18 del primo quarto. Il secondo comincia con una tripla dall’angolo di Malik Hairston, ma il Caja risponde, sale ancora avanti prima che Rok Stipcevic forzando un contropiede si procuri un 2+1 che ristabilisce il vantaggio. Quando coach Ivanovic chiama time-out a metà del secondo, l’EA7 è avanti 30-24. Il vantaggio sale in doppia cifra (35-24) dopo due tap-in di Ioannis Bourousis cui aggiunge un gioco da tre punti Langford. Il Caja risponde cin due canestri di Nemanja Bjelica e un gioco in post basso di Andres Nocioni. Due tiri liberi di Bourousis e altri due di Langford tengono l’Olimpia avanti 42-36 ma su un’entrata di Nocioni, viene chiamato un fallo a Fotsis, la protesta gli costa un tecnico (terzo fallo). Ma soprattutto dopo i 4 tiri liberi di Nocioni, Nemanja Bjelica mette una tripla: possesso da 7 punti e Caja avanti 43-42. Dopo il time-out, Malik Hairston segna in entrata. All’intervallo è 44-43.

SECONDO TEMPO - Il primo parziale di 4-0 è firmato da Langford e da un acrobatico canestro in contropiede di Melli, subendo fallo. Poi va al lavoro Hairston con due consecutive penetrazioni. Bourousis commette due falli, uno in attacco, resta in campo con tre penalità e segna di forza su Lampe per il il 55-50. Nocioni prende fallo da Hairston (terzo) e si infortuna urutando con il collo la gamba di un compagno. Deve lasciare il campo in barella. Brad Oleson lo rimpiazza, il Caja si abbassa e rimonta. Sette punti di fila della guardia, 57-57 e Bourousis che ha già 18 punti commette il quarto fallo. Il Caja costruisce due volte tre punti di vantaggio ma l’ingresso di Alessandro Gentile è energia pura. Segna due tiri liberi, manda fuori per falli Oleson, poi completa un gioco da tre punti segnando dalla media e infine sulla sirena segna appoggiando al tabellone. Sono sette punti di fila e 66-65 EA7 alla fine del terzo. La prima tripla di Fotsis vale il 69-67 in avvio di ultimo quarto, ma il Caja Laboral si affida al tiro da tre di Nemanja Bjelica: ne mette due, intervallati da un gancio corto di Lampe. I baschi vanno avanti 75-71 con sei minuti da giocare e continuano. La difesa ha un passaggio a vuoto, c’è un parziale di 11-0 che porta il Caja dieci punti avanti, 81-71, con 4:08 da giocare. Il ritorno di Bourousis e un canestro di Melli tengono viva l’Olimpia. Ma sull’80-86 dopo una tripla di Hairston, San Emeterio fa il killer e da tre decide di chiudere la partita.

(Ufficio stampa Olimpia Armani)