Milano, l'addio all' Europa è a un passo. Siena ko indolore

08.12.2012 00:50 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 761 volte
Keith Langford
Keith Langford

Non è bastato ritiro punitivo a Cernusco sul Naviglio.....dalla EA7 ci si aspettava una  reazione, soprattutto in virtù del fatto che al Forum giunge subito la notizia del colpaccio del Caja Laboral Vitoria in casa dell'Efes. La squadra di coach Tabak dopo un primo tempo sul filo dell'equilibrio ha sbancato Istanbul sostenuta dai 22 punti del francese Huertel, dai 17 (con 7 rimbalzi del lungo  Lampe e dai 9 sigilli di Nemanja Bjelica, chiudendo la seconda metà di gara con 58 punti all'attivo. 76-91 il finale. Ora la situazione per Milano è disperata: non solo dovrà vincere al Pireo la prossima settimana contro i campioni d'Europa in carica, ma al tempo stesso dovrà sperare in un colpo a sorpresa del già eliminato Cedevita Zagabria in casa dei baschi. Tornando al Forum, la EA7 è partita forte con Bourousis per poi subire la rimonta ospite firmata da Darden e Popovic. Milano trova in Langford il proprio faro offensivo, ma la guardia texana sembra troppo spesso lasciata sola e costretta a prendersi ogni tipo di soluzione e responsabilità. I ragazzi di Scariolo tentano più volte piccole fughe, ma non sono sufficienti per una gara cosi importante e così la beffa è servita: a 2” dalla fine c'è il definitivo sorpasso (64-65). Cook dalla lunetta è un disastro, Jaaber grazia gli ex compagni con un 1/2 . Langford sbaglia e lo Zalgiris (già qualificato) passa 65-67.  Solo la matematica e due miracoli tengono in vita la EA7.  Sant'Ambrogio avrà da fare la prossima settimana? (M.M.)

La cronaca: PRIMO TEMPO - Ioannis Bourousis aggredisce la partita, l’EA7 va avanti subito 7-2 e al primo time-out televisivo, il centro greco ha già 7 punti sugli 11 totali. Il secondo fallo di Bourousis frena la fuga dell’Olimpia, Kaukenas segna due volte con due jump e porta avanti lo Zalgiris 18-14 prima che un tiro in sospensione di Hairston al buzzer ricucia lo strappo. 16-18 per i lituani nel primo quarto. Keith Langford segna a ripetizione nella prima parte del secondo periodo: è lui a scavare sei punti di vantaggio per l’Olimpia sul 26-20, poi la tripla di Fotsis determina il +7, 29-22 del massimo vantaggio però subito cancellato dalla bomba frontale di Marko Popovic. Lo Zalgiris ritorna in ritmo e a 2’36″ dall’intervallo Darden dalla lunetta sorpassa sul 29-30, 8-0 di parziale. Ma la reazione dell’EA7 è veemente: segna Cook da tre e sorpassa subito, poi ci sono due liberi di Fotsis e 3/4 di Bourousis a riportare i sette punti di vantaggio, sul 37-30, controparziale di 8-0. Si va al riposo sul +5. 37-32.

SECONDO TEMPO - Bourousis commette il terzo su una penetrazione di Darden all’inizio del terzo quarto ma resta in campo e l’EA7 costruisce otto punti di vantaggio, su una tripla di Fotsis, la classica penetrazione a sinistra di Langford.  Lo Zalgiris pareggia a quota 47 dopo il quarto fallo di Bourousis (gioco da tre di Ksistof Lavrinovic) e un tecnico fischiato a Hairston che vale un possesso da quattro punti. Basile entra per la prima volta al posto di Langford e mette la tripla del 50-47. Lo Zalgiris va addirittura avanti sul 51-50 ma Rok Stipcevic lo ricaccia indietro con una tripla, 53-51 alla fine del terzo. La seconda bomba di Basile vale il 56-51, ma lo Zalgiris risponde con un 4-0 e Darden dalla linea firma il meno 1. Una tripla di Ibby Jaaber pareggia entrando negli ultimi cinque minuti di gara. Jankunas dopo un lay-up di Melli da tre segna il 61-60 Zalgiris cui risponde Langford con un gioco da tre punti. Ma Jankunas è ispirato e segna ancora. A 21 secondi dalla fine sul 63-65 Zalgiris, Omar Cook ruba palla e va a canestro, prende fallo ma non segna. Dalla lunetta fa 1/2.  Jaaber li mette tutti e due e spinge l’Olimpia sotto di tre a 17 secondi dalla sirena. Cook segna ancora un libero. Jaaber stavolta ne sbaglia due ma sul tentativo di pareggio di Langford il ferro respinge e l’EA7 perde. (Ufficio Stampa EA7 Emporio Armani Olimpia Milano)

OLIMPIA EA7 MILANO – ZALGIRIS KAUNAS 65-67 (16-18; 37-32; 53-51; 65-67)

OLIMPIA EA7 MILANO: Giachetti, Stipcevic 3, Hairston 4, Fotsis 10, Cook 5, Chiotti, Bourousis 13, Melli 2, Langford 20, Gentile, Hendrix 2, Basile 6. Coah: Scariolo.

 ZALGIRIS KAUNAS: Darden 14, Jaaber 5, Popovic 14, Juskevicius, Lipkevicius, Jankunas 16, Delas, Kuzmiskas 2, Lafayette, Kaukenas 8, Foote 2, Lavrinovic 6. Coach: Plaza

 

Ko indolore per Siena al cospetto dei francesi dello Chalon per 108-013 dopo un tempo supplementare. La truppa allenata dall'ex coach di Varese  Gregor Beugnot, supera i toscani dopo una partita comunque piacevole sebbene avesse ben poco da dire in termini di classifica. Carraretto e soci hanno dato l'idea di poterla vincere in apertura sia del terzo che del quarto quarto con due fughe a +9 e a +8, venendo puntualmente raggiunta in entrambe le circostanze. Il canestro di Tchicanboud sigla la parità a quota 93. Lotta aperta anche nell'overtime ma è sempre l'esterno francese insieme all'ex virtussino Ilian Evtimov a firmare il definitivo 108-103 dalla lunetta. (M.M)

La cronaca: Sconfitta in Francia per la Montepaschi che all’overtime è costretta ad arrendersi allo Chalon, al termine di una gara a punteggio altissimo.    

L’inizio è favorevole ai padroni di casa, che grazie a Evtimov ed a Shelden Williams inizia a condurre, anche se la Montepaschi resta a contatto, grazie alle triple di Janning, che valgono il -3 al primo mini-riposo sul 27-24. Gli attacchi segnano con buona continuità e ne viene fuori una partita a punteggio alto, con Carraretto che entra e da perfetto “microwave” spara tre triple che lanciano la Montepaschi, anche se Chalon resta davanti, di un punto alla boa di metà partita, sul 49-48, con la doppia cifra di Williams e di Jbam.

La Montepaschi riparte alla grande nella ripresa e con Tomass Ress ed il solito, chirurgico, Kristjan Kangur, si porta anche a +9. Ma Chalon non ci sta ed a 2 minuti dalla terza sirena torna a -1 con la tripla di Evtimov che vale il 65-66. Siena tiene il comando delle operazioni e riesce nuovamente ad allungare 70-75.

Nell’ultimo quarto la Mps prova nuovamente a distanziare i padroni di casa e dopo 3 minuti torna a +8. Shilb però non ci sta e con qualche giocata da grande giocatore riporta i suoi vicini per un finale punto a punto e la differenza la fanno i dettagli ed i tiri liberi. Moss è preciso per il 91-92, mentre Kangur poco dopo fa ½ per il + 2 Siena. L’ultimo tiro dello Chalon se lo prende Tchicanboud, che segna il lay up, mentre l’ultima tripla di Ress non va a buon fine e l’ultimo quarto si chiude sul 93-93.

Nell’overtime si va avanti sul filo del grandissimo equilibrio, con le due squadre che si alternano in sorpassi e controsorpassi. Chalon arriva a +4, ma la Mps ricuce subito lo strappo, fino all’ultimo minuto, con i tiri liberi di Evtimov e di Tchicanboud, che chiudono il conto sul 108-103.

E’ la quarta sconfitta in Eurolega per la Montepaschi, che resta comunque al 3° posto in classifica, alle spalle di Maccabi e Malaga. (Ufficio Stampa Mens Sana Basket Siena)

ELAN CHALON – MONTEPASCHI SIENA    108-103    (27-24; 49-48; 70-75; 93-93)

CHALON: Tchicanboud 14, Capela, Gaillard n.e, Ouattara n.e, Aboudou 9, Shilb 28, JBAM 20, Banks 7, Huston 6, Williams 15, Evtimov 9. All. Beugnot.

MONTEPASCHI: Brown 26, Eze 11, Carraretto 9, Rasic, kangur 11, Sanikidze 4, Ress 13, Ortner 6, Janning 12, Hackett 2, Moss 10. All. Banchi.