LIVE: Immensa Germani che chiude la striscia di vittorie della EA7 Milano

 di Lorenzo Belli  articolo letto 1798 volte
Luca Vitali, ex di turno
Luca Vitali, ex di turno

Non sono bastati 40' per mandare al tappeto la corazzata milanese ma l'indomita Leonessa non si è persa d'animo aver subito la rimonta - ed un breve sorpasso nel supplementare - e con un tap in di Landry (21 punti e 9 rimbalzi) trova il canestro che le consegna una meritata vittoria. Praticamente sempre avanti grazie alla verve dei fratelli Vitali (15 per Michele e 14 per Luca) ed ad una difesa agguerrita che patisce le folate di Goudelock (22) e il strapotere fisico di Gudaitis (14) privato del "gemello" Tarczewski per far spazio a referto ad un Theodore poi inutilizzato (meno di 4' sul parquet)

LA CRONACA LIVE: Nel catino - sold out da oltre una settimana - del Pala George la Germani è chiamata ad uno scontro d'elite contro la capolista Olimpia Milano, entrambe devono guardarsi le spalle e difendere le attuali posizioni in graduatoria: i ragazzi di Diana hanno Avellino che cercherà il colpo di reni per strappare la terza piazza mentre per l'EA7 il pericolo arriva dai campioni d'Italia della Reyer, pronti a giocarsela sino all'ultimo secondo della giornata conclusiva per avere la pole position ai play off

Assente Hunt nelle fila dei locali che fanno esordire il neo acquisto Cotton; turn over in casa Olimpia con Theodore che torna nelle rotazioni, escluso Tarczewski

Quintetto ospite formato da capitan Cinciarini, Goudelock, Abass, M'Baye, Gudaitis mentre i primi cinque della Germani sono Luca e Michele Vitali, Moore, Landry e Ortner

M'Baye e Gudaitis aprono la contesa, Brescia si affida alla energia di Moore per restare a contatto al giro di boa poi sospinta dai fratelli Vitali mette la freccia nel tripudio del PalaGeorge (13-12); dalle rispettive panchine si alzano Cotton e Jerrells ma è ancora Michele Vitali a trovare la via del canestro e la famelica difesa bresciana azzanna una EA7 che si accontenta - senza fortuna - del tiro da fuori. I liberi di Sacchetti mandano in archivio il primo periodo sul 24-18 a favore della Germani

Fall trova un canestro in avvicinamento, l'Olimpia sbaglia ancora da fuori e dopo solo 51" di periodo Pianigiani chiama minuto; Traini dalla distanza, un Moss maestoso in difesa e nuovamente Fall da sotto e la Germani è ufficialmente in fuga (31-18). Jerrells suona la carica con 5 punti e l'assist per una comoda schiacciata di Gudaitis e in breve gli ospiti sono tornati in scia (32-29), Landry e i primi punti di Cotton rilanciano Brescia (40-32); il carattere di Cinciarini e la classe di Goudelock rendono vana la sfuriata offensiva di Landry che esibisce il campionario offensivo che lo ha reso Mvp la scorsa stagione.  Le schermaglie di fine parziale vedono Goudelock a segno da 8 metri e Cotton insaccare i liberi del 48-45 con cui le formazioni entrano negli spogliatoi

Michele Vitali a quota 10 punti il top scorer bresciano, Goudelock già a 15 dopo la "sfuriata" di fine secondo periodo

Uno sfortunato auto canestro di Cinciarini nella lotta a rimbalzo apre la terza frazione, le difese provano a prendere il comando delle operazioni e il clima di post season scende sul PalaGeorge (53-47 al 25'); problemi di falli per i lunghi bresciani - sia Ortner che Fall a 3 penalità - ma la Germani non ne risente e con pazienza ed una difesa arcigna tenta nuovamente l'allungo (60-52). Gudaitis e Jerrells fermano le ambizioni di una Germani che sbaglia qualche tiro libero di troppo ed entra negli ultimi dieci minuti avanti di 64-60 grazie ad una clamorosa tripla di Cotton dalla sua area a pochi decimi dalla sirena

Landry dai 6,75 manda in tripudio le tribune tinte di biancoblu, gli affondi di Gudaitis e Pascolo tengono nel match l'EA7 (69-66) ma la lenta e poco lucida regia di Jerrells consente ad una Leonessa in affanno di tenere comunque un prezioso vantaggio (73-68 -4'19")

Goudelock dopo un lungo silenzio ne mette tre poi Landry ed un lay up di Cinciarini fanno il 75-73 con cui entra negli ultimi 120" di gioco. Luca Vitali falisce dalla lunga, il ferro aiuta invece M'Baye che pareggia a -1'21""

Il finale è una sequela di errori da ambo le parti con tiri forzati e senza fortuna: 75-75 al 40' ed è supplementare

Landry dopo un rimbalzo in attacco sblocca l'empasse, un 4-0 tutto griffato Cinciarini porta avanti l'EA7 dopo un lunghissimo inseguimento (77-79); è una battaglia senza esclusione di colpi: Landry e Michele Vitali per la Germani, Jerrells impatta ed è 81 pari quando si entra nei 2' conclusivi

Goudelock inframezzato da Ortner (83-85 -53"), l'EA7 manda in lunetta l'austriaco che segna il primo e sbaglia il secondo ma una clamorosa dormita di M'Baye permette a Landry un comodo tap in (86-85 -41"). Assalto Olimpia respinto dal ferro, Luca Vitali dalla lunetta non trema (88-85 -10") e l'ultimo tiro ospite di Jerrells viene sporcato e può esplodere la gioia bresciana: vince la Germani per 88-85