Lega A - Quando Trento fa la voce grossa, Pesaro cede e non recupera più

25.03.2018 23:13 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 284 volte
Lega A - Quando Trento fa la voce grossa, Pesaro cede e non recupera più

Ottima prestazione per la Dolomiti Energia Trentino che sbanca la Adriatic Arena battendo la VL Pesaro e riprendendo la corsa playoff dopo lo stop in casa dell'Olimpia Milano che aveva interrotto un filotto di 4 vittorie consecutive. Fondamentale nella prestazione di grande concretezza dei bianconeri il grande parziale piazzato nel secondo quarto (10-28) che ha permesso poi un puntuale controllo del secondo tempo, mescolando ritmo e difesa forte, con un pizzico di santa pazienza. Miglior realizzatore dell’incontro Shields (17 punti), ma l’Aquila ha trovato contributo da tutti i giocatori andati a referto: bella doppia doppia per Hogue (14 punti e 11 rimbalzi), 14 con 23 di valutazione per un Sutton particolarmente incisivo intorno al ferro (7/9 al tiro).

I bianconeri torneranno protagonisti fra le mura amiche della BLM Group Arena di Trento con un doppio appuntamento: si parte sabato 31 marzo nel match delle ore 18.00 contro la Betaland Capo d’Orlando (biglietti disponibili ), poi toccherà alla Happy Casa Brindisi domenica 8 aprile alle 19.00.

La cronaca del match. Il primo quarto scivola via in sostanziale equilibrio: Trento domina a rimbalzo (12-5 dopo i primi 10’) ma i padroni di casa, affidandosi ai tentacoli di Mika sotto canestro e alle realizzazioni di Ceron e Bertone chiudono avanti il parziale (17-15). La VL sembra più in palla: Monaldi colpisce due volte dal perimetro, Trento scricchiola nonostante il buon impatto nel quarto di Shields. Nel momento di massima difficoltà però i bianconeri stringono le maglie della propria difesa e cominciano ad eseguire in attacco con maggiore qualità: è da questi presupposti che la Dolomiti Energia produce il break di 16-0 che spacca la partita.

Sutton fa la voce grossa intorno al ferro, Flaccadori e Hogue puniscono regolarmente i mis-match, Gutiérrez (al rientro) inventa un gran canestro mancino. A tutto il resto pensa Beto Gomes, che dopo un paio di grandi possessi difensivi manda a bersaglio la prima tripla di serata dei trentini (27-43 all’intervallo lungo).

La squadra di coach Maurizio Buscaglia approccia bene anche la ripresa, con Silins e Shields a punire ogni minima disattenzione di Pesaro. I bianconeri sono a +19 a fine terzo quarto (41-60) e nonostante i canestri di Omogbo e Clarke chiudono i conti sul 62-77.

VL Pesaro 62 - Dolomiti Energia Trentino 77 (17-15, 27-43; 41-60)

VL Pesaro: Omogbo 10 (5/9, 0/6), Ceron 4 (1/3, 0/4), Crescenzi ne, Clarke 8 (1/4, 2/9), Mika 12 (5/9), Bocconcelli ne, Moretti ne, Ancellotti 6 (3/3, 0/1), Bertone 14 (4/8, 2/2), Monaldi 6 (0/2, 2/8), Serpilli 2 (1/1), Morgillo ne. Coach Leka.

Dolomiti Energia Trentino: Franke (0/2, 0/2), Sutton 14 (7/8, 0/1), Silins 8 (1/1, 2/6), Czumbel M. ne, Forray 7 (3/6), Flaccadori 4 (1/5, 0/2), Gutiérrez 2 (1/3), Gomes 11 (2/3, 2/6), Doneda ne, Hogue 14 (6/12), Lechthaler ne, Shields 17 (7/12, 1/2). Coach Buscaglia.

Arbitri: Seghetti, Paglialunga, Perciavalle.
Note: Tiri da due: Pesaro 20/39, Trentino 28/52. Tiri da tre: Pesaro 6/30, Trentino 5/19. Tiri liberi: Pesaro 4/4, Trentino 6/9. Rimbalzi: Pesaro 32 (Omogbo 10), Trentino 44 (Hogue 12). Assist: Pesaro 13 (Omogbo 4), Trentino 11 (Silins e Shields 3). Recuperi: Pesaro 10 (Omogbo 4), Trentino 13 (Hogue 4).