Lega A - Playoff gara 5 Ultimo quarto fatale alla Reyer Venezia in casa dell'Olimpia Milano (3-2)

27.05.2016 22:39 di Redazione Pianetabasket.com  articolo letto 2582 volte
Lega A - Playoff gara 5 Ultimo quarto fatale alla Reyer Venezia in casa dell'Olimpia Milano (3-2)

Si ritorna a giocare nel Mediolanum Forum di Assago per gara 5 con la serie sul 2-2: arriva la Reyer Venezia e l'Olimpia Milano recupera Rakim Sanders, che ha provato in mattinata la caviglia sinistra che aveva subito una distorsione in gara 4, costringendololo all'abbandono anzitempo. La risposta positiva lo rende utilizzabile, perciò per il turnover coach Repesa lascia fuori Stanko Barac e Charles Jenkins. Sfida delicata soprattutto per l'EA7 chiamata a difendere il fattore campo, dopo averlo recuperato l'altroieri al Taliercio.

La cronaca: segna per primo Ortner e Venezia ha il dominio del campo, ma otto punti in fila di Kalnietis lanciano l'Olimpia. Tonut accorcia da tre, nel mezzo c'è il contropiede di Simon. Gara veloce ed Ejim fa 10-9 al 6'. Nel frenetico batti e ribatti emerge ancora Simon con una tripla da lontano; la Reyer però insiste e trova il sorpasso con la bomba di Ejim 13-14 sulla quale Repesa chiama timeout. La lotta è già molto energica tra le due squadre; con Gentile che litiga ancora col canestro è la tripla di Cerella che rimette Milano avanti 18-16 con 2'15" per il timeout di De Raffaele. Tenta l'allungo l'Olimpia però Ress dall'arco frena l'ambizione; ma l'ultimo tiro del quarto tocca a Sanders, quasi sorpreso di essere stato lasciato libero di scoccare la bomba del 23-19.

Mike Green iscrive il suo nome al tabellino della gara con la tripla del -1; Milano annaspa nel mare delle palle perse ma trova Sanders che non concretizza il gioco da tre punti ma il rimbalzo sul libero manda in lunetta Lafayette che fa 3/3 ed è minifuga. Dopo la stoppata di Cerella su Green è ancora Lafayette da tre per l'8-0 chiuso da Green al 13'. Anche Gentile entra nel vivo, la Reyer non ci sta e dal -11 tenta il recupero arrivando a 38-35 con le triple di Tonut e Pargo. Il nuovo strappo dell'EA7 interrompe lo sforzo dei lagunari nei minuti che portano all'intervallo 46-37 ma è ancora Ejim in chiusura a fissare il punteggio con labomba del 46-40.

Tonut riapre le ostilità con una bomba nel secondo tempo, dopo che l'Olimpia colleziona due falli in 20 secondi. Entrambe le squadre portano forte pressione sugli esterni, giocando una pallacanestro abbastanza speculare. Con 6'36" due liberi di Ortner fanno 50-49, la Reyer è lì sempre a un passo ma senza l'abbrivio per il sorpasso. Timeout sul 53-49 al 26'. Macvan e Jackson portano qualcosa in più alle rispettive squadre, con i due coach alla ricerca dell'assetto vincente. Krubally fa il Kyle Hines per il 58 pari nel minuto numero 30, ma è Lafayette, forse il più positivo dei milanesi finora, a fare il definitivo 60-58.

Sanders ricomincia da tre; l'ansia del recupero per la Reyer fa rovinare le medie dall'arco e l'Olimpia allunga ancora 69-62 con 7'24". Green accorcia, Gentile blocca il gioco col palleggio prolungato, ma Venezia non riesce ad approfittare per ricucire lo strappo, anche eprchè Milano picchia in stile Euroleague, con adeguamento del metro arbitrale. Al 35' una palla persa di Sanders spinge De Raffaele al timeout: il tempo per non farsi sfuggire la gara sta terminando. Sanders ne viene fuori con un contropiede vincente ma viziato da passi, Venezia non riesce a tirare per due volte di fila e l'Olimpia sembra avere in pugno la partita. Senonchè Sanders si infortuna e Repesa ferma tutti 36' 71-64. Al ritorno in campo al tripla di Gentile mette un sigillo anticipato sul risultato finale: perchè l'Umana non trova più il canestro, nemmeno ai liberi con Green con 1'50" alla fine, quando Milano gode del +12. Finale: Bramos trova una tripla della disperazione per l'ultimo tentativo di rimonta, la Reyer pressa forte ma quando ha la palla in mano non conclude più, i titoli di coda partono, le televisioni insistono sul Danilo Gallinari spettatore portafortuna. Due liberi di Kalnietis stampano il risultato finale 78-67.

Milano 78: 14 Kalnietis, 12 Cerella, 11 Sanders, 10 Lafayette, 9p+11r Macvan.

Venezia 67: 13 Tonut, 12 Ejim, 10 Green.